EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Elezioni in Francia, proposte sul clima agli antipodi tra i partiti

Il 30 giugno e il 7 luglio si terranno le elezioni legislative in Francia
Il 30 giugno e il 7 luglio si terranno le elezioni legislative in Francia Diritti d'autore EBU
Diritti d'autore EBU
Di Andrea Barolini
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Se il Nuovo Fronte Popolare progressista presenta il programma più ambizioso, l'estrema destra punta tutto sul nucleare

PUBBLICITÀ

La questione climatica occupa un posto di rilievo nei programmi di tutti i partiti che partecipano alle prossime elezioni legislative in Francia. Le proposte, però, sono anche diametralmente opposte fra di loro. A spiccare è l'estrema destra del Rassemblement National, che si oppone a qualsiasi misura favorevole alla transizione ecologica tra quelle già approvato, e utili per contrastare i cambiamenti climatici, giudicandole "punitive".

L'estrema destra propone una moratoria sull'eolico

Il partito considera prioritario lo sviluppo dell'energia nucleare nel suo programma, spiegando che a suo avviso occorrerebbe privilegiare gli investimenti nell'atomo rispetto a quelli in energie rinnovabili come solare e eolico.

"Quello che vogliamo - ha spiegato Alexandre Loubet, esponente del Rassemblement national - è semplicemente una moratoria sui progetti di costruzione di nuove turbine eoliche per rilanciare ancora una volta il nucleare e porre fine a queste energie intermittenti che non producono abbastanza elettricità per i nostri cittadini".

Il Nuovo Fronte Popolare progressista ha il programma ambientale più ambizioso

Ma a puntare sul nucleare è anche la coalizione che sostiene l'attuale governo: la promessa è di costruire 14 nuovi reattori per garantire l'indipendenza energetica della Francia. Il ministro della Transizione ecologica, Christophe Béchu, del partito Ensemble pour la République, ha dichiarato: "Dobbiamo usare tutte le leve a nostra disposizione, e questo significa energie rinnovabili su larga scala, perché è ciò che serve in questo momento, ma anche energia nucleare, perché la transizione ecologica non si ferma tra 5, 10 o 15 anni".

La coalizione che propone le misure ambientali più drastiche è nettamente il Nuovo Fronte Popolare progressista. La lotta ai cambiamenti climatici è al primo posto della loro agenda, con un programma che chiede una nuova legge sull'energia e sul clima che renda l'ecocidio un reato.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il boom delle rinnovabili: prima fonte in Europa nel 2023

L'estrema destra potrebbe mettere sotto pressione il mercato delle energie rinnovabili

Batterie, costi diminuiti del 90% in meno di 15 anni: uno stimolo alle rinnovabili