EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Elezioni europee, i conservatori moderati greci in testa nei sondaggi

Il primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis parla al congresso del PPE a Bucarest, Romania, giovedì 7 marzo 2024
Il primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis parla al congresso del PPE a Bucarest, Romania, giovedì 7 marzo 2024 Diritti d'autore Andreea Alexandru/Copyright 2024 The AP. All rights reserved.
Diritti d'autore Andreea Alexandru/Copyright 2024 The AP. All rights reserved.
Di Sergio Cantone
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

I conservatori greci che sostengono l'esecutivo di Atene sono tra i pochi al governo in Europa a risultare in testa nelle intenzioni di voto per le elezioni europee

PUBBLICITÀ

In vista delle elezioni europee del prossimo 9 giugno, l'attuale governo di centro-destra in Grecia sembra mantenere la propria popolarità. Il primo ministro Kiriakos Mitsotakis di Nea Demokratia, membro del Partito Popolare Europeo risulta infatti in testa nelle intenzioni di voto dei cittadini, secondo un sondaggio di Euronews, con l'esecutivo che potrà dunque continuare a contare sul consenso popolare accordatogli un anno fa.

Si tratta di una sorta di eccezione, dal momento che in quasi tutta l'Unione Europea le forze politiche al governo appaiono destinate ad affrontare una dura battuta d'arresto, come riportano i sondaggi.

I conservatori moderati greci risultano ben più avanti dei loro avversari di sinistra e di centro-sinistra, di Syriza e del PASOK, rispettivamente al secondo e al terzo posto nel sondaggio. La distanza tra il centrodestra e il candidato di Syriza Stefanos Kasselakis è superiore al 20%. Le due forze di sinistra, Syriza e PASOK, lottano d'altra parte tra loro in una competizione elettorale fratricida.

Nel sondaggio effettuato all'inizio di maggio il PASOK appare aver perso la seconda posizione rispetto alla rilevazione di inizio marzo, ma la battaglia con i rivali di sinistra non è finita. Le due forze politiche risultano infatti sostanzialmente appaiate. Anche i comunisti del vecchio KKE, contribuiscono alla frammentazione della sinistra, la cui galassia confluirà in diversi gruppi anche a livello europeo. Syriza fa parte infatti del gruppo della Sinistra Europea, il PASOK è affiliato al gruppo dei Socialisti e Democratici, mentre il KKE fa parte del gruppo dei non iscritti.

A Strasburgo, il partito di Mitsotakis fornirà al PPE un seggio in più. Siryza potrebbe confermare i proprio rappresentanti nell'assemblea comunitaria, mentre i socialisti dovranno verificare l'impatto dell'allontanamento dell'ex vicepresidente del Parlamento UE, Eva Kaili, coinvolta nello scandalo delle lobby politiche amiche del Qatar.

Eva Kaili a Strasburgo nel settembre 2023
Eva Kaili a Strasburgo nel settembre 2023Jean-Francois Badias/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.

Il partito Soluzione greca dovrebbe crescere ulteriormente e contribuire al gruppo dei Conservatori e Riformisti europei con due eurodeputati, uno in più rispetto alla legislatura uscente. I conservatori tradizionali greci, in rapida crescita, avrebbero superato, secondo i sondaggi, il KKE.

Dopo le restrizioni imposte ai partiti di estrema destra, i voti delle forze ultraconservatrici potrebbero essere assorbiti da Nea Demokratia, nonostante la recente "svolta" liberale compiuta dal partito del primo ministro, che ha legalizzato il matrimonio tra persone dello stesso sesso. I candidati di estrema destra, appoggiati da un membro di spicco del controverso partito Alba Dorata, sono stati recentemente banditi dal voto per le elezioni europee di giugno dall'Alta Corte greca.

Secondo alcuni osservatori, il partito al governo avrebbe subito dei danni politici a causa del presunto coinvolgimento di alcuni suoi membri nella cattiva gestione che ha contribuito al disastro ferroviario sulla tratta Atene - Salonicco.

Un'immagine aerea del disastro ferroviario sulla linea Atene-Salonicco
Un'immagine aerea del disastro ferroviario sulla linea Atene-SaloniccoGiannis Papanikos/Copyright 2023 The AP. All rights reserved

Una particolarità che riguarda l'arena greca delle elezioni europee è che il successo del partito di governo potrebbe ricevere un contributo anche dalla candidatura di Fredi Beleri, sindaco di etnia albanese detenuto per corruzione.

Fredi Beleri in un'immagine del 2023
Fredi Beleri in un'immagine del 2023AP Photo

Se Beleri otterrà abbastanza voti, otterrà l'immunità parlamentare. La sua causa si è trasformata in una campagna patriottica piuttosto popolare, che potrebbe aprire un contenzioso tra Grecia e Albania.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Elezioni europee, appello di Mattarella, Steinmeier e Van der Bellen: "Voto difende la libertà"

Grecia, Syriza presenta i candidati alle elezioni europee scelti con le primarie

Elezioni europee, Mitsotakis: "Quello che ha fatto l'Ue non ha precedenti storici"