Elezioni europee, Mitsotakis: "Quello che ha fatto l'Ue non ha precedenti storici"

Elezioni europee, Mitsotakis: "Quello che ha fatto l'Ue non ha precedenti storici"
Diritti d'autore euronews
Diritti d'autore euronews
Di Nicoleta Drougka
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il premier greco, ospite di The Global Conversation, ha parlato della posta in gioco alle prossime elezioni europee

A giugno si terranno le prime elezioni europee dopo la pandemia, lo scoppio della guerra in territorio europeo e la crisi energetica. Sfide che si aggiungono a quelle già esistenti, come la crisi climatica. Per capire qual è la posta in gioco alle prossime elezioni abbiamo parlato con il primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis.

Mancano meno di tre mesi alle elezioni europee. Quali sono le maggiori sfide per l'Europa e qual è la posta in gioco in queste elezioni?

Credo che queste elezioni siano particolarmente importanti per l'Europa nel suo complesso, considerando il contesto economico e geopolitico globale. Si svolgono in un periodo molto turbolento, con una guerra sul nostro fianco orientale, con una grave crisi umanitaria a Gaza, mentre l'Europa sta uscendo da cinque anni molto difficili. Credo che sia anche un'opportunità per fare un bilancio di ciò che abbiamo ottenuto durante l'ultimo ciclo elettorale europeo e per sottolineare i successi significativi dell'Unione europea. Grazie alla collaborazione di tutte le istituzioni, siamo riusciti a difenderci con successo dalla pandemia. Abbiamo creato NextGeneration EU, che per paesi come la Grecia ha un'importanza particolare in termini di aiuto alla crescita e di agevolazione della transizione verde e digitale. Siamo rimasti, contro ogni previsione, o contro le previsioni di alcuni dei nostri nemici, uniti a proposito dell'Ucraina. Ora dobbiamo concentrarci sul prossimo ciclo e assicurarci di essere pronti ad affrontare le nuove sfide che ci attendono.

Quanto la preoccupano le voci sempre più forti contro l'Europa?

Penso che ci saranno sempre voci che mettono in discussione i successi dell'Europa. E direi che alcune delle lamentele possono essere giustificate. Ma alla fine, se si guarda al quadro generale, resto fermamente convinto che il futuro dell'Unione europea sia luminoso e che l'Europa sia stata in grado di ottenere dei risultati per i suoi cittadini. Ed è per questo che è importante per noi illustrare i risultati raggiunti, ma anche quelli da raggiungere in futuro. Perché se si guarda al prossimo ciclo elettorale e alle grandi questioni che ci attendono, quelle che personalmente vorrei sottolineare sono tre. Innanzitutto, la necessità di trasformare l'autonomia strategica da slogan a politica reale ed efficace. Pensiamo alla difesa, ad esempio. Non solo dobbiamo spendere di più per la difesa, ma dobbiamo anche coordinare la spesa per la difesa. La seconda sfida riguarda la competitività europea in generale. Come possiamo garantire che l'Europa rimanga competitiva nei confronti della Cina, degli Stati Uniti e del Sud globale? Questo significherà posti di lavoro migliori e meglio retribuiti per i cittadini europei. La terza sfida è più specifica e settoriale. Ha a che fare con l'agricoltura e con i nostri agricoltori in un momento in cui la sicurezza alimentare è tra le priorità della nostra agenda. Alcuni dei passi compiuti negli ultimi cinque anni in merito alla transizione verde, hanno esercitato una pressione molto maggiore di quella che forse avevamo previsto sui nostri agricoltori. Dobbiamo assicurarci che la transizione verde venga attuata a una velocità tale da non incidere significativamente sul reddito dei nostri agricoltori.

Si può dire che a volte l'Unione europea è la più grande nemica di sé stessa?

Nel Consiglio europeo siamo in 27: ci riuniamo diverse volte all'anno in una stanza e tutti dobbiamo essere d'accordo all'unanimità. Si tratta di un processo che inevitabilmente richiede tempo, che comporta dei compromessi e che a volte richiede un passo indietro per raggiungere il bene comune. Questa è la natura dell'Unione europea. Contemporaneamente all'allargamento dell'Europa, dobbiamo studiare il modo per rendere più efficace il nostro processo decisionale. Anche questo sarà un esercizio complicato, perché qualsiasi cambiamento richiederà nuovamente l'unanimità e l'accordo di tutti gli Stati membri. Bisogna riconoscere che ciò che abbiamo realizzato in Europa non ha precedenti storici. Abbiamo volontariamente conferito poteri a un'entità sovranazionale e dobbiamo far funzionare ogni giorno questo equilibrio tra il processo decisionale a livello europeo e quello a livello nazionale. Ma lo ribadisco: questo è il prezzo che dobbiamo pagare per poter raccogliere i benefici dell'essere parte dell'Unione europea.

Lei ha parlato dell'autonomia dell'Europa in materia di difesa come una sfida da affrontare. Ritiene che debba essere la priorità assoluta della prossima Commissione e del prossimo Parlamento?

Come ci siamo resi conto dopo la guerra in Ucraina, la difesa è una questione essenziale. Forse alcuni Paesi credevano che la pacecominiciata dopo il crollo del Muro di Berlino e la caduta dell'Unione Sovietica sarebbe durata per sempre. Ma questo si è rivelato un errore. Non ci siamo mai trovati in questa posizione, perché abbiamo sempre speso una cifra significativa per la difesa a causa di particolari sfide geopolitiche regionali. Ma ora capiamo che dobbiamo tutti fare un passo avanti e spendere di più, ma anche spendere in modo più intelligente, essere più coordinati, razionalizzare i nostri acquisti per la difesa, avere più campioni europei in grado di offrire soluzioni di difesa avanzate a un livello più competitivo di quello attuale.

Primo Ministro, in passato abbiamo visto alcuni Stati membri dell'Unione - la Grecia non è tra questi - lottare per convincere i propri cittadini a partecipare alle elezioni europee. Perché, secondo lei, è importante che le persone vadano a votare?

Perché ciò che accade a Bruxelles e chi ci rappresenta nel Parlamento europeo sono due cose importanti. Le decisioni che vengono prese a Bruxelles e a Strasburgo sono molto importanti per la nostra vita quotidiana. Dobbiamo inviare persone qualificate al Parlamento europeo, perché in fin dei conti, le elezioni europee riguardano il Parlamento europeo. Dobbiamo garantire che sia composto da cittadini europei rappresentativi e che colmi il divario tra il processo decisionale a Bruxelles e ciò che i cittadini europei vogliono veramente. Il Parlamento europeo è la più democratica di tutte le nostre istituzioni, per questo è importante partecipare alle elezioni europee. Faccio parte di un partito fortemente europeista, quindi non posso dire altro che questo. Naturalmente stiamo facendo del nostro meglio per mobilitare le persone e per garantire che ci sia un'inversione di tendenza in quella che tradizionalmente è un'elezione a bassa affluenza, una maggiore partecipazione.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Grecia: fine del monopolio statale sull'istruzione universitaria, scoppia la protesta

Grecia: il parlamento approva matrimoni e adozioni per le coppie gay

Grecia: le lacune del disegno di legge sul matrimonio tra persone dello stesso sesso