Gaza: Ramadan di guerra, preghiere dei fedeli tra le macerie delle moschee distrutte

Inizia il Ramadan e la guerra prosegue a Gaza
Inizia il Ramadan e la guerra prosegue a Gaza Diritti d'autore Captura de vídeo de AP
Diritti d'autore Captura de vídeo de AP
Di Stefania De Michele
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il mese sacro del Ramadan è iniziato domenica ma la guerra continua. Attacchi a Gaza City e a Rafah. Si battono le rotte marittime per far arrivare gli aiuti umanitari

PUBBLICITÀ

Israele continua a bombardare Gaza nel primo giorno di Ramadan. In un attacco a Gaza City sono morte almeno dieci persone e altre tre sono rimaste uccise in un raid aereo nel sud di Rafah.

Da Gerusalemme a Gaza, la guerra e il Ramadan

Il mese sacro del Ramadan è iniziato domenica a tarda ora alla Mecca, quando è stata avvistata la luna crescente. A Gerusalemme Est occupata, le forze israeliane hanno impedito a centinaia di fedeli musulmani di entrare nella Moschea di Al-Aqsa per pregare in occasione dell'inizio del Ramadan. Domenica, il leader dell'opposizione e membro del Gabinetto di Guerra israeliano Benny Gantz ha dichiarato che il culto sarà consentito sul Monte del Tempio e in altri siti.

Nella Striscia i fedeli non hanno molte opzioni. All'inizio di quest'anno, le autorità di Gaza hanno riferito che più di mille moschee sono state distrutte e pesantemente danneggiate durante la guerra. E la tregua, su cui si negoziava prima dell'inizio del Ramadan, è saltata. 

Negoziati falliti, Biden: "I palestinesi in cima ai miei pensieri"

Nonostante le numerose discussioni e gli appelli internazionali, i colloqui sono falliti. Entrambe le parti si accusano a vicenda. Israele si è ritirato dal tavolo dei negoziati, sostenendo che Hamas si rifiuta di fornire una lista completa degli ostaggi ancora vivi a Gaza. Domenica, il leader di Hamas Ismail Haniyeh ha affermato che Israele "ha evitato di dare chiare garanzie" riguardo al cessate il fuoco e al ritiro dell'esercito israeliano. Ha sottolineato che nessun ostaggio sarà rilasciato senza un cessate il fuoco permanente.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha voluto marcare l'inizio del Ramadan con un messaggio per il popolo palestinese "che è in cima ai miei pensieri", dice Biden che aggiunge: "Lavorerò senza sosta per stabilire un cessate il fuoco".

Gli aiuti umanitari, si battono le rotte marittime

Nel frattempo, i piani internazionali per l'accesso umanitario a Gaza proseguono. Domenica, l'esercito statunitense ha dichiarato che una nave militare, la General Frank S. Besson, era salpata da una base vicino a Norfolk il giorno prima. Mentre la "Open Arms" con a bordo circa duecento tonnellate di aiuti alimentari è ancora attraccata a Larnaca, a Cipro. Una volta partita, il viaggio dovrebbe durare circa due giorni. Il governo di Cipro ha dichiarato che un gruppo di funzionari israeliani ispezionerà il carico della nave prima della sua partenza.

L'Ue e gli Stati Uniti stanno inviando navi a Gaza per stabilire rotte marittime che consentano di aggirare le restrizioni israeliane sugli aiuti umanitari.
Si tratta di un'operazione pilota per testare un nuovo corridoio marittimo umanitario che porti gli aiuti direttamente da Cipro all'enclave palestinese.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gaza: bambini palestinesi arrivati in Italia, verranno curati negli ospedali nazionali

Gaza: Canada, Svezia e Spagna riprendono i finanziamenti all'Unrwa, protesta Israele

Gaza, altra tragedia: non si apre il paracadute dei pacchi lanciati dal cielo, cinque morti