Gaza: l'Ue invia una nave con aiuti umanitari, nuovo corridoio via mare da Cipro

Gaza: l'Ue invia una nave con aiuti umanitari, nuovo corridoio via mare da Cipro
Diritti d'autore AP Photo
Diritti d'autore AP Photo
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'Unione europea dà il via a un nuovo corridoio umanitario via mare per portare aiuti a Gaza. La prima nave parte venerdì da Cipro

PUBBLICITÀ

La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha fatto sapere che una nave di Open Arms partirà venerdì per Gaza nell'ambito di un'operazione pilota per testare un nuovo corridoio marittimo umanitario che porterà aiuti direttamente da Cipro all'enclave palestinese.

L'Ue, insieme agli Stati Uniti, agli Emirati Arabi Uniti e ad altri Paesi partner coinvolti, sta lanciando il corridoio marittimo per fornire grandi quantità di aiuti a Gaza, che si trova ad affrontare una "catastrofe umanitaria", ha detto von der Leyen durante una conferenza stampa congiunta con il presidente cipriota Nikos Christodoulides. Il corridoio sarà aperto già domenica, preceduto dal viaggio pilota di venerdì della nave di Open Arms.

"Oggi ci troviamo di fronte a una catastrofe umanitaria a Gaza e siamo al fianco dei civili innocenti in Palestina. Ma la sfida principale è quella di far arrivare gli aiuti alle persone sul campo a Gaza. E conosciamo le difficoltà che si incontrano ai confini terrestri di Gaza, sia attraverso il valico di Rafah che attraverso il corridoio stradale del Giordano", ha detto la presidente della Commissione.

Aumentano a Gaza i decessi per malnutrizione

Sta diventando sempre più difficile far arrivare gli aiuti umanitari via terra nella Striscia di Gaza. Negli ultimi giorni si è optato per l'invio per via aerea, utilizzando dei paracadute. L'Agenzia per i rifugiati palestinesi (Unrwa)accusa Israele di limitare l'ingresso di merci e di impiegare troppo tempo per effettuare i controlli di sicurezza. Secondo il ministero della Sanità a Gaza, gestito da Hamas, i decessi per malnutrizione aumentano ogni giorno. Nell'Emirates Hospital a Rafah, 16 bambini sono morti in oltre trenta giorni, secondo il vice capo dell'unità di terapia intensiva neonatale Ahmed al-Shair. La maggior parte era stata dimessa, ma è tornata sottopeso e malata.

I nostri giornalisti stanno lavorando su questa notizia e l’aggiorneranno non appena saranno disponibili ulteriori informazioni.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Stato dell'Unione: i problemi che alimentano la rabbia antidemocratica

Esclusivo - Charles Michel: "Spero che il contrattacco israeliano all'Iran ponga fine all'escalation"

Di fronte a Stati Uniti e Cina, i leader dell'Ue chiedono un accordo globale sulla competitività