Aiuti umanitari a Gaza: pronta a partire la Nave Open Arms con oltre 200 tonnellate di cibo

Nave Open Arms
Nave Open Arms Diritti d'autore Marcos Andronicou/Copyright 2024 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Marcos Andronicou/Copyright 2024 The AP. All rights reserved
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

La nave dell'ong è pronta a partire da Cipro verso la Striscia con a bordo più di duecento tonnellate di cibo. Gli Stati Uniti rivelano i piani per il porto al largo di Gaza. Intanto estremisti israeliani di destra bloccano gli aiuti via terra

PUBBLICITÀ

Al via il corridoio umanitario via mare promosso dall'Unione europea: la nave Open Arms è pronta a partire da Cipro per Gaza. IUna volta salpata, la nave impiegherà circa due giorni. Secondo World Charity Kitchen (Wck), la nave trasporterà oltre 200 tonnellate di riso, farina e altri alimenti.

Il viaggio della Open Arms potrebbe aprire una nuova rotta per i rifugiati palestinesi a Gaza per ricevere aiuti e cibo per alleviare l'attuale stato di carestia tra tutti i rifugiati. Secondo Israele il corridoio marittimo è una buona idea, ma ha ribadito che necessita di controlli di sicurezza.

Due mesi per il porto galleggiante a Gaza

Gli Stati Uniti hanno rivelato intanto i dettagli del porto galleggiante che costruiranno al largo di Gaza, come ha detto Biden, per consentire l'ingresso degli aiuti umanitari. Secondo il Pentagono, la struttura potrebbe richiedere due mesi per essere completata e mille truppe statunitensi.

Le forze Usa costruiranno il porto galleggiante in mare, sullo stile delle basi di estrazione petrolifera offshore, dove grandi navi potranno scaricare aiuti umanitari di cibo e rifornimenti. Una volta scaricato il carico, piccole imbarcazioni militari trasporteranno gli aiuti a terra. Secondo il Pentagono, non ci sono forze statunitensi a terra, anche se si sta ancora definendo chi porterà i rifornimenti nella Striscia.

Critiche al porto dalle organizzazioni umanitarie

I progetti di trasporto marittimo sono spesso sostenuti dalle organizzazioni umanitarie perché hanno costi molto più bassi rispetto al trasporto su camion o alle consegne per via aerea. Dimostratesi quest'ultime anche pericolose

Tuttavia, alcune di queste organizzazioni, come Medici senza frontiere, hanno commentato che questo ponte galleggiante è una distrazione e che la soluzione dovrebbe essere politica. "Gli Stati Uniti dovrebbero insistere sull'accesso immediato degli aiuti umanitari utilizzando le strade e i punti di ingresso esistenti",  ha affermato Avril Benoît, direttore esecutivo di Msf.

Attivisti israeliani bloccano l'ingresso degli aiuti

Nel frattempo, attivisti israeliani come il gruppo "Ordine 9" stanno cercando di bloccare tutti i posti di blocco e i valichi di frontiera rimasti aperti. Considerati un gruppo estremista di destra, venerdì hanno bloccato il valico di frontiera di Nitzana e non hanno permesso l'ingresso di alcun camion. Secondo gli attivisti, nessun aiuto dovrebbe essere inviato a Gaza fino a quando tutti gli ostaggi non saranno rilasciati.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

A Gaza un porto Usa per consegnare gli aiuti umanitari via mare, in 20 morti per malnutrizione

Stati Uniti: critiche a Israele per la guerra a Gaza, ma senza interrompere la vendita di armi

Gaza: salpa da Cipro il secondo carico di aiuti per i palestinesi