Morte Navalny: il mondo ricorda il dissidente, quasi 400 arresti in Russia

Una donna lascia un fiore per commemorare Alexei Navalny
Una donna lascia un fiore per commemorare Alexei Navalny Diritti d'autore Dmitri Lovetsky/Copyright 2024 The AP. All rights reserved
Di Maria Michela D'Alessandro
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Nonostante la repressione migliaia di persone hanno ricordato nel weekend Alexei Navalny. In Russia in 3 giorni centinaia di arresti per aver lasciato un fiore o un biglietto in uno dei tanti memoriali improvvisati nel Paese

PUBBLICITÀ

Mentre il mondo ricorda Alexei Navalny, dichiarato morto dalle autorità russe venerdì 16 febbraio per una trombosi, i cittadini russi fanno i conti con la repressione. 

Secondo l'associazione russa che offre assistenza legale alle vittime di repressioni, Ovd-Info, sono 387 le persone arrestate in Russia dal 16 al 18 febbraio per aver lasciato un fiore o un biglietto in uno dei tanti memoriali spontanei apparsi nel Paese dalla notizia della morte dell'oppositore russo

Nonostante alcuni dei detenuti siano stati rilasciati poco dopo essere stati fermati, i tribunali hanno iniziato a emettere sentenze per "organizzazione di un evento di massa in violazione dell'ordine pubblico" o "resistenza alla polizia".

L'intervento della polizia russa in uno dei memoriali spontanei in ricordo di Alexei Navalny

Il grido di protesta contro Putin

Centinaia di persone si sono riunite domenica 18 febbraio vicino alla sede dell'ambasciata russa a Berlino per protestare per la morte in carcere di Alexei Navalny e contro il presidente russo Vladimir Putin. Poco prima dell'inizio della manifestazione, il collettivo Pussy Riot ha annunciato e svolto una propria manifestazione: "Chiediamo alla comunità internazionale di mostrare solidarietà e di lavorare per la giustizia - hanno dichiarato le Pussy Riot -. L'omicidio di Alexei Navalny e le minacce ai membri delle Pussy Riot sono attacchi ai valori fondamentali di libertà, giustizia e dignità umana che dobbiamo difendere con determinazione". 

Decine di analoghe manifestazioni si sono svolte in tutta Europa: la maggior parte dei memoriali in ricordo di Alexei Navalny sono apparsi davanti alle ambasciate russe. 

Oggi la fiaccolata a Roma per ricordare Navalny

"Nelle altre città europee ci sono già state fiaccolate spontanee" per ricordare Navalny. Così Carlo Calenda, il leader di Azione, ha lanciato la proposta di una fiaccolata apartitica a Roma per lunedì 19 febbraio alle 18:30 davanti al Campidoglio. 

Che Navalny "sia morto al gelo o altrimenti, stiamo parlando di un omicidio di fatto. A questo si aggiunge lo scempio di negare alla madre la possibilità di vedere il corpo", ha continuato Calenda. Alla fiaccolata hanno aderito tutti i partiti politici. 

Novaya Gazeta: lividi sul corpo di Navalny

Secondo la testimonianza di un addetto dei servizi di pronto soccorso dell'ospedale di Salekhard, il giornale russo indipendente Novaya Gazeta ha riferito della presenza di lividi sul corpo di Navalny. Secondo la fonte quei tipi di lividi appaiono dopo delle convulsioni. 

L'operatore sanitario ha parlato inoltre di un livido che potrebbe essere apparso per un massaggio cardiaco. Sulla causa della morte, però, non ci sono ancora notizie, così come le tempistiche dell'autopsia che non sarebbe stata ancora eseguita. 

Il team di Navalny ha accusato le autorità di aver deliberatamente nascosto il suo corpo per "coprire le tracce" di quello che sostengono sia un chiaro atto di omicidio.

"Anche la mattina di lunedì La madre di Alexei e i suoi avvocati sono arrivati all'obitorio ma non è stato permesso loro di entrare. Uno degli avvocati è stato letteralmente spinto fuori. Quando è stato chiesto al personale se il corpo di Alexei fosse lì, non hanno risposto", ha reso noto sui social media la portavoce di Navalny, Kira Yarmysh.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Russia: il candidato anti guerra Nadezhdin bocciato anche dalla Corte Suprema

L'appello della madre di Navalny a Putin: "Fatemi vedere mio figlio", non si sa dove sia il corpo

Le reazioni internazionali alla morte di Alexei Navalny, Mattarella: "Più ingiusta conclusione"