EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Ucraina, pioggia di missili russi su diverse città

Raid russi in Ucraina
Raid russi in Ucraina Diritti d'autore AP/AP
Diritti d'autore AP/AP
Di Debora Gandini
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

. “L’Ucraina è una scena del crimine. L’autore del reato è seduto proprio in questa stanza”. Durissimo l’intervento del presidente del Consiglio europeo Charles Michel al dibattito del Consiglio di sicurezza dell’Onu sull’Ucraina

PUBBLICITÀ

Ancora raid russi in Ucraina. Almeno tre persone sono morte a Kherson, decine in dopo il bombardamento da parte delle forze di Mosca su diverse città tra cui Kiev, dove le forniture di acqua e gas sono state interrotte. Colpito anche un albergo a Chekasy a sud della capitale. Due persone sono state ricoverate in gravi condizioni.

Nel mezzo del conflitto a New York, al Consiglio di Sicurezza dell’Onu si punta il dito contro Mosca. “L’Ucraina è una scena del crimine. L’autore del reato è seduto proprio in questa stanza”. Durissimo l’intervento del presidente del Consiglio europeo Charles Michel al dibattito del Consiglio di sicurezza dell’Onu sull’Ucraina. 

L'intervento di Charles Michel all'Onu

“Il Cremlino sogna di restaurare il vecchio impero russo. Dopo l’Ucraina, chi sarà il prossimo? Chi sarà il prossimo a soddisfare le fantasie del passato di Putin? E se la Russia avesse successo in Ucraina, quali altri Paesi sarebbero tentati di copiare le sue azioni?”. L’Ucraina “e tutti gli ucraini combattono una battaglia che non hanno iniziato, difendono il loro Paese da una guerra che non vogliono e proteggono i loro figli dalla sofferenza che nessuno merita. Cercando di salvarli da un altro orrore di questa guerra: il loro rapimento forzato in Russia. Le cosiddette ‘adozioni’. In realtà si tratta di deportazioni di bambini”.

Michel ha affermato: “chiedo a tutti voi, compresi i rappresentanti russi: potreste sopportare che vostro figlio sia sottratto e deportato? Tuo figlio costretto a dimenticare la tua famiglia, la tua lingua, la tua terra? In realtà, questo è un tentativo di genocidio culturale. Difendendo i propri figli, gli ucraini difendono ciò che è più prezioso: le loro famiglie, il loro futuro, la loro libertà. Questo è il motivo per cui noi, l’Unione europea, siamo fermamente al fianco dell’Ucraina per difenderla. Finché gli innocenti verranno attaccati, noi li aiuteremo a difendersi. E noi resteremo al loro fianco, per tutto il tempo necessario”.

Poi si è rivolto ai rappresentanti degli Stati, chiedendo loro quale impegno hanno assunto ed espletato per difendere il popolo ucraino. “Non ci sediamo insieme in quest’aula per una ragione: per proteggere la pace e la sicurezza di tutte le persone, indipendentemente dal loro Paese o continente. Le nazioni potenti e responsabili semplicemente non possono chiudere un occhio davanti a questi crimini, perché tutti condividiamo una responsabilità."

"La responsabilità di porre fine alla guerra e la responsabilità di lavorare per la pace. Una pace giusta che rispetti la Carta delle Nazioni Unite e i suoi principi fondamentali, l’integrità territoriale di ogni nazione sovrana. Una pace giusta che non durerà mai se i crimini rimarranno impuniti”.

Infine: “un tragico crimine si sta svolgendo davanti ai nostri occhi. E noi ne siamo testimoni, tutti noi. Dobbiamo restare forti al fianco degli aggrediti, soprattutto proprio qui nel Consiglio di sicurezza. Ecco perché è nata questa Camera ed è per questo che siamo qui oggi: per dire ‘no’ all’aggressione. Per proteggere la pace, la sicurezza e la cooperazione tra le persone e tra tutte le nostre nazioni”.

Un conflitto senza fine

Intanto le forze ucraine hanno rivendicato di aver preso il controllo di fuoco sull'autostrada Bakhmut-Horlivka, sul fronte est della guerra, complicando la logistica degli approvvigionamenti per l'esercito russo. 

 Kiev ha inoltre confermato che la base aerea russa di Saky, in Crimea, è stata colpita nella notte di mercoledì mentre le forze di difesa di Kiev hanno lanciato un attacco combinato contro l'aeroporto militare degli occupanti vicino alla città di Saky, nella Crimea temporaneamente occupata. 

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Combattere nell'inferno, la storia dei soldati ucraini che hanno liberato Andriivka

Ucraina, attacco russo colpisce l'ospedale pediatrico Okhmatdyt a Kiev

Attacco di droni ucraino a un deposito di munizioni russo, persone cosrette a evacuare