EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Combattere nell'inferno, la storia dei soldati ucraini che hanno liberato Andriivka

Militari ucraini a pochi chilometri da Andriivka, Donetsk
Militari ucraini a pochi chilometri da Andriivka, Donetsk Diritti d'autore AP Photo/Mstyslav Chernov
Diritti d'autore AP Photo/Mstyslav Chernov
Di Euronews Agenzie:  AP
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

La storia di alcuni soldati ucraini al fronte per liberare le città in mano ai russi

PUBBLICITÀ

La 3a brigata d'assalto, composta da volontari e considerata uno dei migliori corpi d'armata dell'Ucraina, sta combattendo quasi ininterrottamente nell'est del Paese da gennaio. Gli uomini sono conosciuti con il loro nome di battaglia, il modo in cui si identificano l'un l'altro.

Il sergente Gagarin viene colpito da un proiettile russo appena sopra l'orecchio sinistro. Il capo del plotone ucraino è a terra. Il quartier generale comunica via radio una promozione per il soldato, sul campo di battaglia, nome in codice Courier.

Courier sa che gli ordini del plotone sono di avanzare attraverso la foresta, in direzione Bakhmut. Esita per 30 secondi, vicino al suo comandante caduto. Forse un minuto. Poi decide: Non è possibile tornare indietro.

"Avanti!", urla.

Spara verso la trincea finché non è sicuro che i russi nella zona non avrebbero più sparato. Poi gli uomini si incamminano tra gli alberi carbonizzati verso il villaggio di Andriivka - l'obiettivo della 3ª Brigata d'assalto dall'inizio della controffensiva ucraina di quest'estate, a circa 10 chilometri a sud della città di Bakhmut.

Giorni dopo, mentre si prepara per il funerale di Gagarin, Courier sa a quale destino sta andando incontro, con gli occhi pallidi e persi.

"Questa foresta sta portando via i nostri amici", dice. "E quando penso a quanta strada dobbiamo ancora percorrere, molto probabilmente, un giorno sarò io a restare immobile, a terra, nella foresta, mentre i miei amici andranno avanti".

AP Photo/Mstyslav Chernov
Ukrainian servicemen from the 3rd Assault Brigade at frontline positions near Andriivka, Donetsk region, UkraineAP Photo/Mstyslav Chernov

Questo tratto di foresta - lungo un miglio (due chilometri) - verso il desolato villaggio di Andriivka, è uno dei tanti sulla strada per Bakhmut, controllata dai russi, che ha assunto un enorme significato simbolico.

Bakhmut caade nelle mani della Russia a maggio, soprattutto a causa dei massicci attacchi da parte di combattenti mercenari di Wagner. Da allora l'Ucraina cerca di riprendere il possesso della città.

Il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, chiede più soldi e armi per il suo Paese alla comunità internazionale. Ma deve convincere l'opinione pubblica che la controffensiva sta funzionando.

I soldati si affidano in gran parte a veicoli blindati di epoca sovietica e ad armi decisamente obsolete. Nell'ultimo mese, la 3ª Brigata d'assalto è riuscita a spostarsi solo di due chilometri, cercando di non cadere nelle trappole delle mine e schivando l'artiglieria, le granate lanciate dai droni e le forze russe a breve distanza.

AP Photo
A Ukrainian servicemen fires machine gun towards Russian positions near AndriivkaAP Photo

Andriivka è il loro obiettivo. Il 6 settembre, il giorno in cui Courier si lascia alle spalle il corpo del suo comandante, lui e i suoi uomini conquistano una trincea nella foresta e la mantengono per quattro giorni interi.

Nei momenti di riposo, sfoglia un diario scritto da un soldato russo e legge queste parole: "Sono in guerra già da quattro settimane e mi manca la mia mamma".

Courier si reca nell'Ucraina occidentale per rappresentare il suo plotone al funerale di Gagarin. La sua salma viene sepolta nella sua città natale, Polonne, a 900 chilometri di distanza dal campo di battaglia.

La madre di Gagarin ha cercato Courier, uno degli ultimi a vedere il figlio vivo. Ma oggi lui trova difficile parlare con i civili. "Sento che ora c'è un divario tra noi e i civili", dice. "Quando la guerra sarà finita, probabilmente me ne andrò a combattere altrove".

Per Courier la guerra è complicata. Dice che gli piace la scarica di dopamina, quando lascia il campo di battaglia e torna al quartier generale, uscendo dal veicolo blindato.

Non vuole tornare nella foresta che porta ad Andriivka. I suoi comandanti gli hanno ordinato di prendersi 10 giorni di congedo, una pausa per un combattente che sente tutto il peso e l'angoscia della guerra, nonostante la calma esteriore.

"Purtroppo, sarò in grado di partire solo quando finirà l'inferno", dice con amarezza.

PUBBLICITÀ

Il giorno del funerale di Gagarin, il 13 settembre, tutti gli uomini in grado di combattere sono nella foresta, compreso un altro sergente del plotone, Fedya. Il 5 settembre, quel soldato viene leggermente ferito da una bomba a grappolo, e forse proprio la ferita gli salva la vita. Gagarin prende il suo posto nell'assalto, e quello è il momento che segna la sua morte. 

L'ultimo round inizia il 14 settembre. Uomini di altre unità si uniscono per tre o quattro giorni sul campo di battaglia. Dopo due mesi di avanzamento, forse attraverseranno finalmente i boschi fino ad Andriivka.

AP Photo/Mstyslav Chernov
A Ukrainian flag next to a rifle inside a bunker at a frontline position in AndriivkaAP Photo/Mstyslav Chernov

Il 14 settembre riescono nell'impresa, tre mesi dopo aver ricevuto l'ordine di recuperare Andriivka. Riescono a superare i bombardamenti e le granate lanciate dai droni, sparando alle forze russe che fuggono davanti a loro.

Gli ucraini entrano casa per casa nel piccolo villaggio, facendo prigionieri i russi e uccidendo quelli che cercano di opporsi. Anche dopo l'espulsione delle ultime forze nemiche, Andriivka viene colpita da continui raid, con il rumore dei droni assordante, da entrambe le parti.

La mattina dopo, il 16 settembre, Fedya issa la bandiera ucraina su Andriivka.

PUBBLICITÀ

Quella cittadina ora non è altro che un mucchio di mattoni e alberi bruciati, che portano impresso su di loro l'odore della morte. Ma è in mani ucraine e Fedya è pronto a passare il controllo alla nuova brigata, per recuperare la prossima foresta.

Cerca di spiegare al comandante in arrivo perché valeva la pena combattere per questa città distrutta.

"Guarda questi campi, questa foresta. Tutto cresce di nuovo", dice.

Fedya è pronto a ripartire.

"Sono stanco di questa foresta. Voglio andare a casa. Voglio lavarmi e dormire", dice con parole che sembrano quasi una maledizione. "Fino al mattino. E domattina tornerò".

PUBBLICITÀ
Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

L'Ucraina mette a segno un altro attacco in territorio russo. Colpito un edificio dell'intelligence

Polonia e Ucraina ai ferri corti: la disputa sui cereali dietro lo stop all'invio di armi

Ucraina, pioggia di missili russi su diverse città