EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

L'eccezione spagnola: Madrid frena l'immigrazione irregolare

Migranti corrono sul suolo spagnolo dopo aver attraversato le recinzioni che separano l'enclave spagnola di Melilla dal Marocco a Melilla.
Migranti corrono sul suolo spagnolo dopo aver attraversato le recinzioni che separano l'enclave spagnola di Melilla dal Marocco a Melilla. Diritti d'autore Javier Bernardo/Copyright 2022 The AP. All rights reserved.
Diritti d'autore Javier Bernardo/Copyright 2022 The AP. All rights reserved.
Di Laura Llach
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Mentre la Spagna è riuscita a ridurre il numero di arrivi del 3,3%, l'Italia e la Grecia hanno registrato un aumento rispettivamente del 115% e del 65%, secondo i dati dell'UNHCR.

PUBBLICITÀ

All'inizio di giugno si è ripetuto sulle coste spagnole uno spettacolo tristemente comune nel Mediterraneo.

Un piccolo gruppo di pescatori ha trovato un'imbarcazione di migranti con 52 persone a bordo che cercava di raggiungere le Isole Canarie. A bordo c'era anche una donna incinta che non è sopravvissuta alla traversata.

Nonostante sulle Isole Canarie arrivino circa 100 migranti al giorno in media, la Spagna è riuscita a ridurre il numero di arrivi a livello nazionale del 3,3%.

Questo dato, pubblicato dal Ministero degli Interni, non è particolarmente impressionante di per sé, ma lo è se confrontato con altri Paesi europei. Secondo i dati dell'UNHCR, l'Italia ha visto aumentare il numero di arrivi del 115% e la Grecia del 65%, mentre la Spagna è riuscita a diminuire la quantità di persone che arrivano su imbarcazioni di emergenza.

Quando il primo ministro italiano, Giorgia Meloni, si è insediata nell'autunno del 2022, ha promesso di risolvere la questione dell'immigrazione una volta per tutte, ma la presunta linea dura di Roma sull'immigrazione si è dimostrata inefficace nel ridurre i numeri.

"L'Italia ha registrato il più rapido aumento del numero di arrivi, con circa 90.000 arrivi via mare dall'inizio dell'anno, rispetto ai 105.000 dell'intero 2022 e ai 67.500 del 2021", ha dichiarato a Euronews Camille Le Coz, direttore associato del Migration Policy Institute Europe.

STR/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.
Migrants, mainly from sub-Saharan Africa, are stopped by Tunisian Maritime National Guard at sea during an attempt to get to Italy, near the coast of Sfax, Tunisia.STR/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.

Perché il numero di migranti in arrivo in Spagna è diminuito?

Nel 2018 la Spagna è diventata la principale porta d'ingresso nell'Unione europea per i migranti irregolari, proprio mentre il numero di arrivi complessivi nell'Ue era sceso ai minimi in oltre cinque anni. Gli arrivi sulle coste spagnole, invece, erano raddoppiati fino a toccare quota 57.000 nel 2018. Due anni dopo, nel 2020, Madrid ha registrato il secondo numero più alto di arrivi via mare degli ultimi vent'anni.

Tuttavia, la tendenza è ora in calo. L'immigrazione irregolare è diminuita di quasi il 70% all'inizio del 2023. Un calo reso possibile in gran parte da una forte diminuzione degli arrivi dal Marocco in seguito alla crisi che il governo spagnolo ha dovuto affrontare dopo la tragedia della recinzione di Melilla la scorsa estate.

Secondo le autorità marocchine, almeno 23 africani subsahariani hanno perso la vita quando hanno cercato di prendere d'assalto la recinzione e di entrare in territorio spagnolo. Una tragedia che ha riportato al centro dell'attenzione i controlli sull'immigrazione dell'Europa meridionale e i rapporti con il Nord Africa. Diversi migranti hanno denunciato ai media spagnoli di essere stati picchiati dalla polizia marocchina.

Da allora, le autorità di Rabat hanno rafforzato il confine costruendo un tratto intermedio di recinzione lungo qualche centinaio di metri.

"La Spagna collabora da tempo con il Marocco per prevenire l'attraversamento delle frontiere. Questa partnership migratoria ha subito delle interruzioni negli ultimi anni, ma è ancora un fattore importante per spiegare la diminuzione degli arrivi in Spagna", afferma Le Coz.

"Tuttavia, le rotte migratorie cambiano continuamente e se il percorso attraverso la Tunisia diventa più complicato, pericoloso e costoso, come potrebbe accadere visti gli sforzi del governo tunisino per frenare l'immigrazione, un maggior numero di migranti potrebbe cercare di raggiungere l'Europa attraverso il Marocco", aggiunge.

Santi Palacios/Copyright 2017 The AP. All rights reserved.
Sub-Saharan migrants climb over a metallic fence that divides Morocco and the Spanish enclave of Melilla.Santi Palacios/Copyright 2017 The AP. All rights reserved.

La politica governativa, l'unica chiave per frenare la migrazione?

Quando si parla di flussi migratori, non esiste un'unica ragione che ne spieghi l'aumento o la diminuzione. Come afferma l'esperta del Migration Policy Institute Europe, sono molti i fattori che spiegano gli arrivi in Europa.

Le persone lasciano la propria casa per mancanza di opportunità economiche, ma anche per violenza, discriminazione e scarsa fiducia nel futuro.

I conflitti nei Paesi di origine, le attività dei trafficanti e i pericoli lungo il percorso sono alcuni dei fattori che determinano la scelta del percorso verso l'Europa.

Ma, senza dubbio, entrano in gioco anche le politiche governative.

"Le politiche migratorie hanno un innegabilmente un impatto su queste tendenze: da un lato possono rendere più pericolose e costose alcune rotte, dall'altro invece possono aprire percorsi legali e dare opportunità ai lavoratori migranti di viaggiare regolarmente verso l'Europa", spiega Le Coz.

In generale, secondo MSF, il numero di arrivi di migranti attraverso il Mediterraneo centrale è diminuito.

PUBBLICITÀ

"C'è un chiaro aumento delle intercettazioni da parte delle guardie costiere libiche e tunisine. La metà delle persone che tentavano la traversata sono state rimpatriate in questi Paesi nel 2018", ha dichiarato Raquel González, responsabile delle relazioni istituzionali di MSF.

Inoltre, "le autorità italiane hanno ridotto le dimensioni della loro zona di salvataggio e Frontex ha dato priorità al contenimento rispetto al salvataggio".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Bibby Stockholm: il passato tormentato della "prigione galleggiante" d'Europa

Il dilemma olandese sull'accoglienza dei rifugiati

A Mario Draghi il premio europeo Carlos V, "L'Europa non sia passiva se prosperità minacciata"