Cosa accadrebbe effettivamente se l'Ucraina entrasse nell'Unione europea?

Kiev, 2.2.2023
Kiev, 2.2.2023 Diritti d'autore AP/Ukrainian Presidential Press Office
Diritti d'autore AP/Ukrainian Presidential Press Office
Di Joshua Askew - Edizione italiana: Cristiano Tassinari
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Con circa 40 milioni di abitanti, l'Ucraina diventerebbe il quinto Stato membro più popoloso dell'Unione europea e il più esteso per massa terrestre. Ciò solleverebbe implicazioni geopolitiche, aprendo la strada a un nuovo asse Varsavia-Kiev, che potrebbe rivaleggiare con Parigi-Berlino

PUBBLICITÀ

Con una giusta dose di realismo, bisogna ammettere che l'Ucraina, probabilmente, non aderirà così presto all'Unione europea.

Afflitto da profondi problemi strutturali – per non parlare, ovviamente, della guerra ancora in corso con la Russia – potrebbero volerci molti anni prima che l'Ucraina sia pronto a diventare "europea", nonostante i suoi sforzi e la sua volontà.

Tuttavia, l'adesione dell'Ucraina è un tema caldo, con dibattiti accesi tra analisti e politici su cosa significherebbe, in pratica, se l'Ucraina entrasse nell'ovile di Bruxelles.

“Il centro di gravità si sposterebbe a est”

Con circa 40 milioni di abitanti, l'Ucraina diventerebbe il quinto Stato membro più grande dell'Unione europea e il più grande per massa terrestre.

Ciò solleverebbe significative implicazioni geopolitiche, aprendo la strada a un nuovo asse Varsavia-Kiev che potrebbe rivaleggiare con quello tradizionale Parigi-Berlino, almeno secondo l'opinione del professor Michael Keating, dell'Università di Aberdeen (Scozia).

Con il "vecchio motore franco-tedesco non più quello di una volta, potremmo certamente vedere un grande cambiamento nell'equilibrio di potere all'interno dell'Ue", ha dichiarato il professor Keating a Euronews, anche se l'Ucraina stessa non sarebbe "molto potente".

L'allargamento potrebbe mettere ulteriormente a dura prova l'unità e la coesione del club dei 27.

"Più grande diventa l'Unione europea, più difficile diventa prendere decisioni e impegnarsi in azioni collettive", ha affermato Keating.

All'interno dell'Ue sono già in corso grandi scontri tra Stati occidentali e meridionali, orientali e settentrionali, sulla natura dell'Unione stessa e sui suoi obiettivi.

I membri relativamente nuovi Ungheria e Polonia – entrati entrambi nel 2004 – sono stati fin da subito una spina nel fianco di Bruxelles, che li ha sanzionati per aver minato lo stato di diritto e la democrazia.

E anche il denaro conta.
Anche prima che la guerra riducesse in polvere la sua economia, l'Ucraina era uno dei Paesi più poveri d'Europa.

Aveva un PIL pro capite di 4.800 dollari (4.451 euro) nel 2021, più di dieci volte inferiore a quello delle economie europee avanzate, come Regno Unito, Francia e Germania.

Secondo Jolyon Howorth, docente di politica europea, l'integrazione in un Paese così malconcio e ferito costerebbe “una cifra orrenda”.

Potrebbe mettere a dura prova le finanze dell'Ue, probabilmente deviando i fondi dagli Stati membri più poveri, come Polonia, Grecia, Ungheria e Romania, tutti beneficiari netti nel 2022.

Eppure questo è già successo.

Nonostante "un po' di lamentele", il professor Keating sostiene che i finanziamenti dell'Unione europea sono storicamente cambiati, spostandosi verso est e verso sud, con l'allargamento dell'Ue nel 2004 e nel 2007.

“Fa parte del normale processo di aggiustamento”, ha detto Keating a Euronews. “Stanno perdendo fondi perché si stanno sviluppando. Non è un grosso problema".

"È un po' difficile lamentarsi di diventare più ricchi", aggiunge il professor Keating.

PUBBLICITÀ
Virginia Mayo/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Ursula von der Leyen, Volodymyr Zelensky, Charles Michel. (Bruxelles, 9.2.2023)Virginia Mayo/Copyright 2023 The AP. All rights reserved

Dall'idraulico polacco a quello ucraino?

A lungo termine, l'Ucraina potrebbe raccogliere guadagni economici, soprattutto attraendo investimenti stranieri, se ammessa nell'Unione europea, il blocco commerciale più ricco del pianeta.

Inoltre, la necessità di soddisfare i criteri di ammissibilità dell'Ue può incentivare il Paese ad affrontare questioni strutturali profondamente radicate, come la corruzione, un male endemico in Ucraina.

Ma Keating ha lanciato un avvertimento: in molti stati, l'appartenenza all'Ue ha aumentato le disparità regionali.

Coloro che vivono nell'area intorno alla capitale lituana Vilnius, ad esempio, hanno un PIL pro capite quasi tre volte superiore a quello della regione più povera della Lituania.

Questo è possibile che accada anche in Ucraina, secondo Keating. Con gli investimenti concentrati intorno a Kiev, il professor Keating fa notare che le regioni dell'est - dove "le tensioni politiche sono più alte" - potrebbero diventare ancora più "economicamente emarginate".

PUBBLICITÀ

"Potrebbe essere un problema", ha detto. "Le politiche dovrebbero essere messe in atto per assicurarsi che non ci fossero troppe divisioni nel Paese, quando si trattava di economia e ricchezza. Ma troppo spesso è mera utopia".

Nel termine più immediato, il professor Howorth afferma che è "quasi inevitabile" che ci saranno flussi migratori in uscita dall'Ucraina.

Qualsiasi afflusso massiccio di lavoratori ucraini corre il rischio di creare un possibile contraccolpo politico negli Stati membri esistenti, indipendentemente dal loro contributo economico.

Vivendo, all'epoca, un boom economico, il Regno Unito fu una delle poche grandi economie a non limitare il numero di lavoratori provenienti dell'Europa orientale, con l'immigrazione che, in seguito, è diventata una questione estremamente controversa all'interno del voto sulla Brexit.

Questo nonostante l'impatto economico positivo degli immigrati europei sul Paese.

PUBBLICITÀ

Ma Keating ha affermato: “È già successo. La Polonia era piena di ucraini, anche prima della guerra”.

“I mercati del lavoro nei paesi occidentali hanno bisogno di questi lavoratori”, aggiunge Keating, pur riconoscendo che “l'economia e la politica non sempre si allineano”.

"Quali sono i limiti dell'Europa?"

Scrivendo sul "New Statesman", una rivista politica britannica, il saggista Jeremy Cliffe ha affermato che lasciare l'Ucraina al... freddo sarebbe una cosa pericolosa, che potrebbe provocare nuovi conflitti.

“Immaginate un'Ucraina logorata strutturalmente e industrialmente da anni di guerra; un'economia stantia e con scarsi investimenti; uno Stato fallito che va al rallentatore; i suoi elettori e leader risentiti per un'Unione europea che non è riuscita a mantenere le sue promesse. Rispetto a questo scenario, l'obiettivo del rapido allargamento dell'Ue non sembra così impossibile", ha aggiunto Cliffe.

L'invasione della Russia ha, ovviamente, accelerato il sostegno degli ucraini all'adesione all'Ue.

PUBBLICITÀ

Il 92% degli ucraini vuole entrare a far parte dell'Europa dei 27 entro il 2030, secondo un sondaggio del "Kyiv International Institute of Sociology".
Prima della guerra, solo il 67% aveva dichiarato che avrebbe votato "Sì" in un referendum sull'adesione all'Unione europea.

Domande-chiave

I dibattiti sull'adesione dell'Ucraina all'Ue alla fine sollevano profonde domande esistenziali sulla stessa Unione europea.

"Gli allargamenti mettono costantemente in discussione il motivo per cui lo si sta facendo", spiega Howorth. “Qual è lo scopo di un'ulteriore espansione? Lo stiamo facendo fine a se stesso? Possiamo continuare ad allargare più o meno all'infinito?

"Se si prende la logica secondo cui l'Unione europea può semplicemente continuare ad estendersi, sempre più avanti, allora la cosa rischia di sfuggirci rapidamente di mano".

Ancora una volta, il professor Howorth sottolinea le "divisioni irrisolte" tra gli Stati membri su cosa sia veramente l'Unione: e sembra che stia viaggiando verso l'ignoto, senza uno scopo preciso.

PUBBLICITÀ

“Non abbiamo mai stabilito esattamente la nostra destinazione. Abbiamo semplicemente detto che è lì che ci stiamo dirigendo. E penso che con la potenziale adesione dell'Ucraina, dovremo trovare una risposta molto più precisa a questa domanda: qual è l'obiettivo di tutto questo "espansionismo"?

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Russia, novemila minori evacuati dalla regione di confine di Belgorod a causa degli attacchi ucraini

Ucraina: manifestazioni nelle città europee per i due anni dall'inizio della guerra

Ucraina, due anni dall'inizio della guerra: il bilancio del conflitto