This content is not available in your region

Tornano le bandiere ucraine nell'Oblast di Kharkiv. Liberata Balaklija

Access to the comments Commenti
Di Gianluca Martucci
Veicoli dell'esercito russo in ritirata
Veicoli dell'esercito russo in ritirata   -   Diritti d'autore  AP/Russian Defense Ministry Press Service

Il ministero della difesa ucraino ha fatto sapere di aver riconquistato la città di Balakliya, a novanta chilometri da Kharkiv. Nella città la bandiera blu e gialla è tornata a sventolare davanti al municipio, come si apprende da un video pubblicato dal ministero della Difesa ucraino.

La controffensiva ucraina nell'Est è nel suo pieno. Recuperate le città di Izjum e Kupiansk, l'esercito punta alla seconda città del Paese. L'intenzione è replicare un'impresa analoga alla riconquista della capitale Kiev avvenuta ad aprile 2022.

Ritirata russa

Secondo un portavoce dell'esercito ucraino le truppe ucraine avrebbero ripreso il controllo di oltre 30 insediamenti occupati dai soldati russi nella regione intorno a Kharkiv. Dai video diffusi dal ministero della difesa russo è chiara l'intenzione di concentrare armi e uomini a Kharkiv e nel Donbass. "Il ritiro delle truppe da Balakliya e da Izjum ha l'obiettivo di sostenere gli sforzi lungo il fronte della regione di Donetsk", ha affermato il portavoce del ministero della Difesa russo Igor Konachenkov.

"In questi giorni l'esercito russo sta dando il meglio di sé, mostrando le spalle e, dopo tutto, è una buona scelta per loro scappare, perché non ci sarà posto per gli occupanti in Ucraina", ha dichiarato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky nel suo consueto messaggio serale al Paese.

Ed è proprio sul Donbass che i riflettori potrebbero riaccendersi se l'avanzata di Kiev continuerà con questo passo.

In un video il leader della repubblica separatista di Donetsk Denis Pushilin ha parlato di feroci combattimenti tra le forze russe e l'Ucraina nella regione. "La situazione nella città di Lyman è difficile", dice. Gli scontri si intensificano in altre località dell'Est. E il Donbass torna a essere oggetto di contesa. 

Durante l'incontro tra il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba e la sua omologa tedesca Annalena Baerbock si è parlato della fornitura di carrarmati Leopard dalla Germania, che già nel 2014 erano stati avvistati nel Donbass. "Questo autunno ci aspettiamo di ricevere il primo sistema avanzato di difesa aerea Iris di fabbricazione tedesca e sulla consegna di carrarmati dalla Germania non abbiamo nulla in contrario", ha affermato in conferenza stampa Kuleba.