This content is not available in your region

Bielowieza dopo l'abolizione della "zona vietata" per il blocco dei migranti

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Bialowieza, muro in costruzione
Bialowieza, muro in costruzione   -   Diritti d'autore  Euronews

Da quando il governo polacco ha allentato le restrizioni lungo il confine polacco-bielorusso, la "zona vietata" creata lo scorso anno per cercare di bloccare i migranti dalla Bielorussia è stata abolita.

Adesso c'è una striscia di confine larga 200 metri.

Nonostante il fatto che ora i turisti possano visitare queste aree, i residenti locali che vivono di turismo, lamentano che la situazione sta ancora avendo un impatto negativo sulla loro attività.

"L'informazione è arrivata semplicemente troppo tardi. Non ci saranno gruppi organizzati che verranno a Bialowieza. I turisti individuali vanno altrove. Giugno non è un buon momento per prenotare viaggi, ci aspettavamo che l'entità delle visite fosse limitata, ma non ci aspettavamo che fosse così grande. La situazioni è complicata. La gente qui ha bisogno non solo di questo sostegno economico, ma anche di vedere turisti normali", ci spiega Kamil Syller, proprietario di una pensione e attivisti coinvolti nell'aiuto ai migranti al confine polacco-bielorusso.

Secondo Kamil Syller, la situazione dei migranti che hanno attraversato il confine non è comunque cambiata molto.

"Sono successe molte cose: sono stati dislocati 30.000 soldati , si è costruito una specie di recinzione costata vari miliardi ma le persone continuano ad arrivare come facevano prima. Questa recinzione avrebbe dovuto fermare gli arrivi, ma sarebbe stata la prima volta nella storia. Volete un esempio? 3 ore fa sono arrivate 34 persone dal Congo", ha aggiunto.

Euronews
Bialowieza, muro in costruzioneEuronews

E non è solo il turismo locale a soffrire, anche la natura ne risente.

Secondo Monika Matus, attivista “Grupa Granica” (gruppo di attivisti che aiutano i migranti alla frontiera) e attivista “No to the wall” (gruppo di attivisti che si oppone alla costruzione del muro),  "non si dovrebbe costruire un muro proprio su di un sito patrimonio dell'UNESCO. Potreste immaginare di avere un muro da qualche parte attraverso Venezia, o intorno al Taj Mahal... Allora perché lo facciamo qui a Bialowieza?"

Una Guardia di frontiera polacca ammette che la situazione non è ancora del tutto sotto controllo. Inoltre, il completamento del muro in costruzione richiederà un altro paio di settimane.

"La costruzione della barriera fisica è praticamente terminata. Gli ultimi lavori tecnici sono ancora in corso in pochi tratti. L'installazione della barriera elettronica è iniziata", afferma Anna Michalska - la portavoce delle guardie di frontiera polacche.

"Entro 60 giorni è prevista la realizzazione di una barriera elettronica, ovvero un sistema di sensori , telecamere, monitoraggio, e altri 30 giorni serviranno per la calibrazione di tutti i sistemi. La situazione si è un po' calmata, anche se sottolineo che ogni giorno deteniamo le persone che varcano i confini illegalmente", ha aggiunto.

Gli attivisti che aiutano i migranti al confine affermano che il flusso di persone non è diminuito. Tuttavia, il numero di diverse nazionalità coinvolte è in aumento, soprattutto dall'Africa.

Magdalena Chodownik, di Varsavia, per Euronews.