This content is not available in your region

Al confine tra Ucraina e Polonia, teatro della più grande crisi di rifugiati del dopoguerra

Access to the comments Commenti
Di Monica Pinna
euronews_icons_loading
Witness
Witness   -   Diritti d'autore  euronews

Dall'inizio dell'invasione russa in Ucraina circa tre milioni di persone hanno già lasciato il paese devastato dalla guerra. La maggior parte ha attraversato il confine con la Polonia. Il governo nazionale, le autorità locali e la società civile li hanno accolti a braccia aperte, ma l'arrivo incessante di nuovo profughi - un flusso in così rapida crescita non si vedeva dai tempi della seconda guerra mondiale - sta diventando difficile da gestire a livello logistico. La nostra inviata Monica Pinna è stata a Przemyśl, la principale città polacca al confine con l'Ucraina. Questo è il resoconto del suo viaggio.

Elizaveta guarda me e il microfono. Mi allungo verso di lei. Respira profondamente. Sua madre la guarda e le dà la mano. In quel momento, prima che Elizaveta inizi a parlare, mi si è gelato il sangue. Quel gesto tra queste due generazioni di donne ucraine mi causa un elettroshock emotivo. Significa amore, significa dolore e forza. Ancora incredula su quello che ha cambiato la sua vita da un giorno all'altro, Elizaveta comincia a parlare.

Monica Pinna/Euronews
Elizaveta è una dei migliaia di profughi che hanno trovato rifugio in Polonia dall'inizio dell'invasione russa in UcrainaMonica Pinna/Euronews

"In Ucraina c'è un grosso problema. Putin sta uccidendo i nostri bambini. Tanti bambini". Le lacrime cominciano a scendere dai suoi occhi. Come giornalista non riesco a mantenere alcuna distanza emotiva da ciò a cui sto assistendo. Anche gli occhi di Thierry, dietro la telecamera, sono pieni di lacrime e nemmeno Karolina, i nostri "occhi e orecchie" locali, riusce a trattenerle.

La stessa scena si è ripetuta più e più volte durante la nostra missione di dieci giorni in Polonia, al confine con l'Ucraina. Non riuscivamo a mantenere la distanza. Quell'ondata di tristezza e dolore che veniva dall'Ucraina ci colpiva tutti. Una domanda ricorrente continuava a girare nella mia testa. Perché sta succedendo tutto questo?

Monica Pinna/Euronews
Lyuba (a destra) poco dopo il suo arrivo a PrzemyślMonica Pinna/Euronews

Molte volte mi sono sentita invadente. Ma molte volte, sono stata sorpresa dalla risposta. Queste madri, nonne o giovani donne sono consapevoli di avere un ruolo da svolgere, anche lontano da casa, anche come rifugiati. "Il mondo deve sapere", mi ha detto Lyuba alla fermata dell'autobus a Przemyśl, la principale città polacca vicino al confine con l'Ucraina. Scossa e ancora sotto shock, ha descritto come tutto il suo mondo si sia capovolto.

"Putin è l'aggressore. Persone innocenti stanno morendo - mi ha detto Lyuba -. I carri armati sparano ovunque. Una giovane ragazza di 18 anni è lì con una mitragliatrice. È orribile. Carri armati in città. Dappertutto. La gente indossa uniformi militari. Fermatelo o ci sarà una guerra nucleare. Fermatelo. Domani sarà in Europa. Fermatelo".

Veronika, una ventenne, era in fila avvolta in una grande coperta alla stazione degli autobus di Przemyśl. Mi ha detto che l'Ucraina vincerà perché "la Russia combatte con un esercito. L'Ucraina combatte con le persone". Questo forte senso di appartenenza e resistenza è qualcosa che ho riscontrato in tutti i rifugiati con cui ho parlato.

C'era anche Lyudmilla, un medico in pensione di 67 anni: "Supereremo tutto questo". Ha cercato di sorridere mentre lo diceva. In quel sorriso forzato che si è trasformato in lacrime, ho visto tutta la resilienza di un popolo che lotta per la giustizia, la democrazia e la libertà. Non sono i valori su cui si fonda l'Unione Europea?