This content is not available in your region

La Polonia potrebbe ricevere i soldi del Pnrr, ma qualcuno storce il naso a Bruxelles

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Image
Image   -   Diritti d'autore  Dati Bendo/CCE

24 miliardi di euro in sovvenzioni e 12 miliardi di euro in prestiti a tasso agevolato – un'iniezione di contanti post Covid da Bruxelles per la Polonia - approvata mercoledì dalla Commissione europea - non senza polemiche.

Ritardato per mesi a causa delle preoccupazioni dell'Ue per l'indipendenza della magistratura in Polonia, l'annuncio è stato dato dal commissario all'Economia dell'Ue. Non si tratta però di un assegno in bianco e dovranno essere rispettate certe condizioni

Dice il commissario all'Economia Paolo Gentiloni:  "Naturalmente siamo fiduciosi che se nostro piano verrà approvato dal Consiglio, questi impegni saranno rispettati. Ma ovviamente, non mancheremo di monitorare seriamente che gli adempimenti vengano rispettati".

La presidente della Commissione Ursula von der Leyen giovedì si reca a Varsavia per formalizzare l'approvazione del piano. Alcuni affermano che la Polonia se l'è guadagnato grazie al suo ruolo proattivo nell'accoglienza dei rifugiati ucraini. Ma qui al Parlamento europeo, alcuni eurodeputati e difensori dello stato di diritto sono furiosi... affermano che la Commissione europea ha ora perso la sua influenza sul governo polacco conservatore nell'adesione ai valori dell'Ue.

Una lettera è stata scritta dalla commissione per le libertà civili che ha convocato il presidente della Commissione Ue per discutere la questione.

Dice Daniel Freund, eurodeputato tedesco:  "Ursula von der Leyen  sta sacrificando lo stato di diritto. Anche le condizioni che lei stessa aveva più volte richiamato negli ultimi mesi non sono state soddisfatte, la camera disciplinare non è abolita, ma piuttosto ribattezzata. I giudici non sono tornati ai loro vecchi incarichi. Alcuni sono stati reintegrati ma immediatamente inviati dall'altra parte del paese, quindi questa è una falsa riforma e ora ci sono miliardi e miliardi di finanziamenti destinati alla Polonia, e non sappiamo dove dovrebbero andare perché la giustizia in Polonia non funziona".

Nonostante le recenti modifiche, la Polonia sta ignorando 20 sentenze della corte dell'UE e oltre 1700 giudici sono stati nominati illegalmente secondo i trattati europei. Quindi la preoccupazione è che se ci sono  o ci saranno controversie o frodi legate ai miliardi di finanziamenti dell'Ue che affluiranno presto, non ci sarà un tribunale indipendente per controlli e contrappesi.