EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Repubblica di Donetsk: lunghe code di mezzi blindati russi. Arrivano le prime sanzioni di Biden

Mezzi blindati russi nella notte: siamo nella regione del Donbass.
Mezzi blindati russi nella notte: siamo nella regione del Donbass. Diritti d'autore AP/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved
Diritti d'autore AP/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved
Di Cristiano TassinariEuronews World - Agenzia: Ansa
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Dopo il riconoscimento di Putin delle regioni separatiste del Donbass, le autoproclamate repubbliche di Donetsk e Lugansk, arrivano le prime sanzioni di Biden. Riunione straordinaria notturna del Consiglio di Sicurezza dell'Onu.

La mossa di Putin

PUBBLICITÀ

Il presidente russo Vladimir Putin alza la posta in gioco nella crisi ucraina: lunedì sera ha firmato i decreti che riconoscono formalmente l'indipendenza delle due regioni separatiste del Donbass, nell'est dell'Ucraina.

I decreti comprendono la disposizione per le truppe russe di svolgere quelle che sono descritte come "funzioni di mantenimento della pace" nelle autoproclamate repubbliche filo-russe di Lugansk e Donetsk.

Putin si è poi rivolto direttamente al popolo russo:
"La scelta della sicurezza non deve costituire una minaccia per gli altri stati. E l'adesione dell'Ucraina alla Nato è una minaccia diretta alla sicurezza della Russia".

Alexei Nikolsky/Sputnik
Vladimir Putin dopo aver firmato i decreti che riconoscono le repubbliche di Donetsk e Lugansk.Alexei Nikolsky/Sputnik

Blindati russi in movimento

Dalla firma dei decreti, funzionari ucraini e agenzie di stampa hanno iniziato a citare numerosi testimoni: raccontano di lunghe code di mezzi blindati russi in movimento, a nord e a ovest, all'interno della autoproclamata Repubblica di Donetsk.

Grafica Euronews
Questione di confine.Grafica Euronews

Zelensky: "Vedremo chi sono i veri amici"

La risposta del presidente ucraino Volodymyr Zelensky alle azioni di Putin è arrivata in un lungo discorso televisivo:
"Ci aspettiamo passi di sostegno chiari ed efficaci dai nostri partner. È molto importante ora vedere chi è il nostro vero amico e partner, e chi continuerà a spaventare la Federazione Russa solo con le parole. Siamo impegnati in una soluzione politico-diplomatica e non cediamo a nessuna provocazione. Ma siamo pronti a rispondere ad un eventuale attacco".

Screengrab by AP
La dichiarazione in tv del presidente ucraino Zelensky.Screengrab by AP

Sottolineando l'urgenza della situazione, il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite si è riunito per una riunione straordinaria notturna, di emergenza, su richiesta dell'Ucraina, degli Stati Uniti e di altri paesi.
Non si parla più dell'auspicato summit Putin-Biden, promosso da Macron.

La contromossa di Biden

Nel frattempo, il presidente americano Joe Biden - dopo telefonate con lo stesso Macron, Scholz e Zelensky - twitta:
"Ho firmato un ordine esecutivo per negare alla Russia la possibilità di trarre profitto dalle sue palesi violazioni del diritto internazionale".

Il tweet del presidente Biden.

Di fatto, è stato imposto un bando agli investimenti americani nel Donbass. E altre sanzioni sono in arrivo, conferma la Casa Bianca.

Secondo l'intelligence americana, il riconoscimento di Donetsk e Lugansk da parte di Putin può essere un primo atto per una possibile invasione di larga scala dell'Ucraina, puntando direttamente su Kiev.

Nelle regioni separatiste del Donbass, continuano le evacuazioni: oltre 65.000 civili hanno già trovato riparo nella vicina regione russa di Rostov.

➡️ Per saperne di più: Venti di guerra sul Donbass

2014: il precedente della Crimea

Andrey Basevich/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved.
2014: una maglietta inneggiante a Putin, con scritto: "Patria! Libertà!"Andrey Basevich/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved.

Il riconoscimento delle repubbliche separatiste dell'Ucraina orientale da parte di Vladimir Putin ha un precedente, la Crimea, che in seguito è stata annessa alla Russia.

Nel 2014 forze filo-russe presero il controllo della penisola nel sud dell'Ucraina come risposta alla rivolta di Piazza Maidan a Kiev, che aveva portato alla destituzione del presidente Viktor Yanukovich, legato al Cremlino, e all'insediamento di un governo vicino agli occidentali.

A quel punto, le nuove autorità della Crimea dichiararono l'indipendenza dall'Ucraina e, nei giorni successivi, il 16 marzo, indissero un referendum per l'adesione alla Federazione Russa. Il voto pro-Mosca fu...bulgaro.
Il 17 marzo Putin riconobbe l'indipendenza della Repubblica di Crimea ed il giorno dopo firmò il decreto di annessione alla Russia. Annessione che, ancora oggi, non è riconosciuta dalla gran parte della comunità internazionale, a partire dagli americani e dagli europei.

Mentre Kiev considera la Crimea "un territorio occupato".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Putin riconosce le repubbliche separatiste di Donetsk e Lugansk: primo passo verso l'annessione

Ucraina, la diplomazia naviga a vista: da Putin sì a incontro con Biden

L'ultimo tentativo della "diplomazia telefonica": Macron propone un summit Biden-Putin