This content is not available in your region

L'ultimo tentativo della "diplomazia telefonica": Macron propone un summit Biden-Putin

Access to the comments Commenti
Di Cristiano Tassinari  & Euronews World - Agenzie: Ansa - AP - AFP
euronews_icons_loading
Macron tra Zelensky e Putin, nel dicembre 2019, all'Eliseo.
Macron tra Zelensky e Putin, nel dicembre 2019, all'Eliseo.   -   Diritti d'autore  Alexei Nikolsky/Copyright 2019 The Associated Press. All rights reserved

A caccia del pretesto

Le tensioni nel Donbass continuano.

Nello scambio di colpi artiglieria con l'esercito ucraino denunciato, questo lunedì mattina, dalla repubblica autoproclamata di Donetsk, nel Donbass, sarebbero rimasti uccisi un miliziano e un civile.
Lo comunica la milizia secessionista filo-russa, citata dall'agenzia russa Tass.

La vittiima civile sarebbe, si afferma, un minatore che stava recandosi al lavoro ed è stato colpito mentre aspettava alla fermata dell'autobus.

Le esercitazioni continuano

La decisione di Russia e Bielorussia di prolungare le esercitazioni militari congiunte che dovevano terminare domenica, ha alleggerito, per ora, il timore che Mosca possa essere ad un passo dal lanciare l'attacco all'Ucraina.
Le esercitazioni stanno coinvolgendo circa 30.000 militari russi in Bielorussia, al confine con l'Ucraina.

Fine della "tregua olimpica": le preoccupazioni di Biden

Domenica sera il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, ha convocato il Consiglio di Sicurezza Nazionale alla Casa Bianca.
Nessuna dichiarazione ufficiale, ma Biden e i suoi consiglieri avvertono che Vladimir Putin, terminata la cosiddetta "tregua olimpica" (per non rovinare la "gloria" dell'amico Xi-Jing Ping, anche se i loro rapporti si sono un po' raffreddati dopo l'accoglienza non proprio calorosa riservata a Putin a Pechino durante l'inaugurazione delle Olimpiadi...), avrebbe già dato l'ordine di puntare su Kiev.

Manuel Balce Ceneta/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved.
Biden "fuori servizio": esce dal ristorante Hamilton di Washington. Sabato 19 febbraio 2022.Manuel Balce Ceneta/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved.

Le telefonate di Macron

Nel frattempo il presidente francese, Emmanuel Macron, ha telefonato ancora una volta a Putin, con una proposta diplomatica dell'ultimo minuto, che il presidente russo pare abbia accettato, dando priorità ad una soluzione diplomatica della crisi.
Con una seconda telefonata, sempre con la mediazione di Macron, si sta tentando di organizzare un summit Putin-Biden per questa settimana.

Il comunicato del Cremlino

Ecco la dichiarazione ufficiale del Cremlino:
"Considerando lo stato attuale delle cose, i due presidenti hanno ritenuto opportuno intensificare la ricerca di una soluzione diplomatica tra i ministri degli Esteri e i consiglieri politici dei leader dei paesi del Formato Normandia".

Euronews
La dichiarazione del Cremlino.Euronews

"Questi incontri contribuiscono a ripristinare il cessate il fuoco e a garantire progressi nella risoluzione del conflitto intorno al Donbass..."

Il "Formato Normandia" è composto da Russia, Ucraina, Francia e Germania.

Euronews
"...risolvere il conflitto attorno al Donbass".Euronews

Accuse reciproche e 61.000 profughi dal Donbass

I separatisti filo-russi e le forze governative ucraine si accusano a vicenda di istigare gli scontri nell'est dell'Ucraina, che si sono intensificati negli ultimi giorni.

La Polonia, che attualmente detiene la presidenza dell'Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa (OSCE), ha convocato una sessione straordinaria per trovare una soluzione.

Intanto, mentre centinaia di civili continuano ad essere evacuati da Donetsk e dai territori gestiti dai separatisti, le forze ucraine ammettono di avere l'ordine di non rispondere al fuoco dei filo-russi, sostenendo che la Russia sta "cercando qualsiasi pretesto per invadere l'Ucraina".

Secondo il ministro russo per le emergenze, Alexander Chupriyan - citato dall'agenzia russa Tass - è arrivato a 61.000 l numero dei civili in fuga dal Donbass che sono riparati in Russia, nella regione di Rostov, dopo l'evacuazione ordinata venerdì dalle autoproclamate repubbliche filo-russe di Lugansk e Donetsk.