This content is not available in your region

Tragedia del Mottarone: Eitan deve tornare in Italia

Access to the comments Commenti
Di Cinzia Rizzi  Agenzie:  ANSA
euronews_icons_loading
La zia paterna di Eitan, Aya Biran, all'arrivo in tribunale a Tel Aviv
La zia paterna di Eitan, Aya Biran, all'arrivo in tribunale a Tel Aviv   -   Diritti d'autore  Tsafrir Abayov/Copyright 2021The Associated Press All rights reserved

Ritornerà a Pavia il piccolo Eitan, unico sopravvissuto della tragedia del Mottarone, lo ha stabilito il giudice del Tribunale della famiglia di Tel Aviv. Il bambino di 5 anni deve tornare in Italia, dove c'è la sua residenza abituale, insieme alla zia paterna, Aya Biran, che in queste settimane ha combattuto per riportarlo a casa.

"Il Tribunale non ha accolto la tesi del nonno che Israele è il luogo normale di vita del minore nè la tesi che abbia due luoghi di abitazione", così scrive la giudice Iris Ilutovich Segal nella sentenza.

L'11 settembre scorso Eitan era stato rapito dal nonno materno, Shmuel Peleg, che lo aveva portato con sé in Israele e che oggi, dopo la sentenza, promette ricorso. L'uomo è indagato in Italia per sequestro di persona e dovrà pagare le spese processuali nel suo Paese (circa 18mila euro).

"Pur accogliendo con soddisfazione la sentenza della giudice Ilutovich crediamo che in questo caso non ci siano nè vincitori nè vinti", dichiarano i legali della famiglia Biran. "C'è solo Eitan e tutto quello che chiediamo è che torni presto a casa sua, ai suoi amici a scuola, alla sua famiglia, in particolare per la terapia e gli schemi educativi di cui ha bisogno".

Nell'incidente della funivia, nel quale sono morte 14 persone, Eitan aveva perso i genitori e il fratellino Tom di due anni. Il bambino di 5 anni era invece sopravvissuto ed era stato ricoverato in gravi condizioni all'ospedale Regina Margherita di Torino: aveva le gambe fratturate, un trauma cranico e un trauma all'addome.

Video editor • Cinzia Rizzi