ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Afghanistan: Biden rivendica il ritiro delle truppe Usa

Access to the comments Commenti
Di Eloisa Covelli
euronews_icons_loading
Afghanistan: Biden rivendica il ritiro delle truppe Usa
Diritti d'autore  Evan Vucci/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

Per molti critici è lui il colpevole del caos in Afghanistan: Joe Biden, il presidente degli Stati Uniti che ha deciso di ritirare le truppe dopo 20 anni, portando con sé anche la Nato. Dopo giorni di silenzio, parla alla nazione e rivendica quella scelta.

Ecco gli stralci del suo discorso:

"Sostengo fermamente la mia decisione. Dopo 20 anni, ho imparato a mie spese che non c'è mai un buon momento per ritirare le forze statunitensi. Per questo stavamo ancora lì".

Dovevamo sconfiggere al Qaida, non costruire una nazione.
Joe Biden
presidente Usa

"La verità è che questo si è svolto più rapidamente di quanto avessimo previsto. Quindi cosa è successo? I leader politici afgani si sono arresi e sono fuggiti dal paese. L'esercito afghano a volte è crollato senza cercare di combattere".

"A Cina e Russia piacerebbe un pantano americano indefinito in Afghanistan".

"La scelta che avevo era proseguire l'accordo negoziato da Donald Trump con i talebani o tornare a combattere".

Le truppe Usa non possono e non devono combattere e morire in una guerra che le forze afgane non sono disposte a combattere.
Joe Biden
presidente Usa

La presa di posizione dell'Ue

È attesa per oggi la presa di posizione ufficiale dell'Ue sul tema. L'Alto rappresentante Josep Borrell ha convocato per il 17 agosto una riunione straordinaria per i ministri degli Esteri Ue.

Intanto Angela Merkel ammette gli errori dell'Occidente. "Una valutazione sbagliata. Non una valutazione sbagliata tedesca, ma una valutazione sbagliata comune" dice Angela Merkel a Berlino. "Non siamo riusciti a raggiungere quello che ci eravamo preposti", dice Merkel, sottolineando quanto questo sia "molto amaro" dopo una missione durata per ben 20 anni. Per la Cancelliera la lezione da imparare è che "gli obiettivi devono essere più piccoli".

La reazione degli afghani che vivono all'estero

Gli afghani che vivono all'estero si aspettavano il ritorno dei talebani.

Siamo delusi. La popolazione della diaspora afghana ha detto più e più volte ai leader mondiali che questo sarebbe stato inevitabile.
Aisha Wahab
sindaco pro tempore di Hayward

"Mia zia, che è in Afghanistan, è preoccupata per i suoi figli, soprattutto per le ragazze" dice Mizgon Zahir Darby, educatrice.

Altri dicono che non gli resta che pregare che alle loro famiglie in Afghanistan non accada nulla