ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Tokyo 2020: tutti i trionfi dell'atletica. Oro per Portorico e Grecia

Access to the comments Commenti
Di euronews
euronews_icons_loading
Tokyo 2020: tutti i trionfi dell'atletica. Oro per Portorico e Grecia
Diritti d'autore  AP
Dimensioni di testo Aa Aa

Tokyo2020 continua a regalare grandi emozioni. La storia olimpica portoricana si tinge del secondo oro. Dopo Monica Puig nel singolare di tennis femminile nel 2016, stavolta è toccato all’atletica. Jasmine Camacho-Quinn si è aggiudicata il podio più alto nei 100 ostacoli: era la favorita e ha confermato le attese. La 24 enne ha battuto l’americana Kendra Harrison seconda e la giamaicana Megan Tapper. 12″37 il tempo finale della portoricana.

25 anni il prossimo 21 agosto, Camacho-Quinn si era messa in luce nelle varie competizioni universitarie. Tra i suoi successi più recenti anche quello al Golden Gala, a Firenze, in 12″38. In semifinale aveva ottenuto il tempo di 12″26, che le è valso il record olimpico nonché quello mondiale stagionale.

Ostacoli, salto in lungo, anelli: i trionfi dell'atletica

Con un salto in lungo da record 8.41, il greco Miltiadis Tentoglou ha travolto i cubani e si è aggiudicato l’oro. Solo ottavo l’italiano presente in gara Filippo Randazzo) meno incisivo rispetto alle qualificazioni.

Nei 1500 metri piani femminili supera le batterie Gaia Sabbatini, che centra il quarto posto nella seconda batteria in 4:05.41 mentre non ce la fa Federica Del Buono, 11ma nella prima batteria in 4:07.70, primato personale stagionale, crono che non le consente di essere tra le sei ripescate.

Nella finale del tiro a segno da 25 metri maschile si è imposto il francese Jean Quiquampoix che ha superato il cubano Leuris Pupo secondo, e il cinese Li Yuehong terzo. Il transalpino si porta a casa un oro dopo aver condotto praticamente per tutta la durata dell’atto conclusivo.

La Cina trionfa agli anelli con Liu Yang. Bronzo per il greco Eleftherios Petrounias. Nulla da fare per i francesi che speravano di aggiudicarsi un'altra medaglia. Samir Ait Said si è dovuto accontentare del quarto posto.

Risorse addizionali per questo articolo • ANSA