ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Perché la Germania dell'est risulta meno colpita di quella dell'ovest dal coronavirus?

Perché la Germania dell'est risulta meno colpita di quella dell'ovest dal coronavirus?
Diritti d'autore  Sebastian Kahnert
Dimensioni di testo Aa Aa

Ad oggi, la regione tedesca dello Axel-Anhalt ha già allentato il coprifuoco. A differenza di altri stati federali tedeschi, non solo i parrucchieri e i negozi più grandi possono riaprire qui, ma sono consentiti anche incontri fino a cinque persone.

L'argomento: Sassonia-Anhalt è stato ed è stato solo debolmente colpito dalla pandemia fin dall'inizio, come molte regioni della Germania orientale. Come può essere spiegato?

Meno casi nella Germania orientale

Oltre 200 nuove infezioni sono state segnalate in Baviera. In Sassonia-Anhalt ce n'erano solo due. Differenze così evidenti tra il numero di infezioni nel vecchio e il nuovo stato federale sono state osservate per settimane.

Ad eccezione di Berlino, il bilancio della corona negli stati della Germania orientale è molto basso in confronto. Anche il Meclemburgo-Pomerania occidentale, il Brandeburgo, la Sassonia e la Turingia sono stati colpiti molto meno duramente, ad esempio, della Renania settentrionale-Vestfalia o della Germania meridionale. Questo vale sia in numero assoluto che a 100.000 abitanti.

Per Hajo Zeeb dell'Istituto Leibniz per la ricerca sulla prevenzione e l'epidemiologia di Brema, ci sono molte ragioni per questo: "Diversi aspetti si incontrano". Una spiegazione è l'elevata percentuale di persone anziane, meno mobili nell'est, che agisce da freno alla diffusione del virus.

"Spesso assumiamo principalmente che l'età sia un fattore di rischio per malattie gravi", ha dichiarato Zeeb. Anche questo era vero, ma all'inizio la diffusione tendeva principalmente ai giovani, spesso ai viaggiatori che tornavano da una settimana bianca.

Le persone anziane hanno spesso un decorso più grave della malattia, spiega il medico. "Ma se il virus non viene nemmeno inserito, allora ha anche un effetto protettivo per coloro che potrebbero essere successivamente clinicamente più gravemente colpiti."

Meno persone, meno feste

Inoltre, esiste una densità di popolazione piuttosto bassa in molti paesi della Germania orientale. "Il Meclemburgo-Pomerania occidentale in particolare si distingue per un numero basso: uno stato federale con una densità di popolazione molto bassa e molta struttura rurale".

Ma ci sono anche controesempi: Brema, ad esempio, ha un'alta densità di popolazione e tassi di infezione piuttosto bassi. "Mostra anche che l'intera cosa non è così facile da descrivere in bianco e nero."

Secondo gli esperti, anche gli eventi di carnevale hanno avuto un ruolo importante nella diffusione dei virus - tradizionalmente più popolare nella Germania occidentale che nell'est. "Tali festival e incontri moderano e cambiano chiaramente il processo della malattia", spiega Zeeb.

Un'altra differenza: mentre in Baviera, Baden-Württemberg e Amburgo il virus è stato introdotto in molti luoghi da aree sciistiche come Ischgl in Austria, tali rapporti dagli stati della Germania orientale sono meno comuni.

"La destinazione del viaggio ha anche qualcosa a che fare con lo status socio-economico del viaggiatore", afferma Zeeb, riferendosi agli stipendi, che sono in media più bassi nella Germania orientale che in Occidente: "Le vacanze invernali estese possono essere fatte soprattutto da persone che hanno denaro in abbondanza".

E infine: quando le prime misure per combattere il virus della corona furono decise in Germania, gli stati della Germania orientale avevano registrato solo relativamente pochi casi. Un colpo di fortuna dal punto di vista di Zeeb: "Questa è la cosa migliore se si introduce la prevenzione abbastanza presto in modo che non accada nulla".

La teoria circola da settimane che molti tedeschi dell'est beneficiano ancora del requisito di vaccinazione nella RDT. Qui fu prescritta la cosiddetta vaccinazione contro il BCG contro la tubercolosi. Ora alcuni sospettano che la vaccinazione non solo abbia preparato il sistema immunitario per un'infezione da tubercolosi, ma anche per la lotta contro il virus della corona.

Finora, non ci sono prove di questo, dice Zeeb. Secondo il Robert Koch Institute (RKI), sono in corso diversi studi in tutto il mondo sui possibili effetti della vaccinazione contro il BCG in relazione alla protezione contro Covid-19. Ma il presidente della RKI Lothar Wieler sottolinea anche: "Questa ipotesi è lanciata sul ring da alcuni scienziati, non è stata dimostrata".

Non è nemmeno chiaro se possa essere provato. Come Zeeb, ha indicato i fattori sociali e demografici come possibili ragioni delle differenze regionali nella diffusione della pandemia.

Vaccino contro la tubercolosi: l'OMS avverte, attenti alle false speranze

In un articolo su The Lancet, i ricercatori, incluso il capo dell'OMS Tedros Ghebreyesus, spiegano cosa sta attualmente scientificamente parlando per la vaccinazione contro il BCG nella lotta contro Covid-19. Allo stesso tempo, avvertono che gli effetti non sono ancora stati dimostrati e che l'uso diffuso del vaccino non è appropriato.

Anche perché altrimenti potrebbero esserci carenze di approvvigionamento in aree in cui la tubercolosi rappresenta ancora un grave rischio. Ciò potrebbe mettere in pericolo in particolare i bambini dipendenti dalla vaccinazione.