ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Coronavirus, l'Oms: presto per parlare di declino dell'infezione

euronews_icons_loading
Coronavirus, l'Oms: presto per parlare di declino dell'infezione
Diritti d'autore
(Chinatopix via AP)
Dimensioni di testo Aa Aa

Salgono a oltre 1000 i decessi per coronavirus in Cina

Con la morte di altre 103 persone nella provincia di Hubei, epicentro dell’epidemia, intanto, il bilancio dei morti in Cina è salito a 1.011. Il numero dei contagi ha superato quota 42.200 sembra troppo presto per annunciarne già un declino, stando alle considerazioni dell'Organizzazione mondiale della sanità, mentre un nuovo caso è stato registrato a Los Angeles e oltre Manica.

Nuovo caso negli Stati Uniti

Un nuovo caso di Coronavirus è stato accertato a San Diego, in California. La conferma ufficiale è arrivata dai Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie: si tratta di un americano che era a bordo del primo volo di cittadini statunitensi evacuati da Wuhan, in Cina, epicentro dell’epidemia, e messi in quarantena nella base aerea militare di Miramar. Salgono a 13 i casi finora accertati negli Stati Uniti di persone positive al test. L‘uomo era tra i quattro evacuati portati la scorsa settimana al Centro medico dell’Università della California di San Diego per ulteriori valutazioni: i medici stanno conducendo indagini approfondite per determinare i contatti che ha avuto e valutare il livello di rischio.

Cauto allarme dell'Oms

Nuovo caso che porta Londra a imporre la quarantena per chiunque sia infettato o sia stato a contatto con infetti. Salgono a 8 i contagiati 5 dei quali legati al britannico rietrato da Singapore, che ha fatto prima tappa in Francia.

E proprio i nuovi casi d'oltre Manica e Francia fanno temere il peggio anche in Europa all'Organizzazione mondiale della sanità. Tedros Adhanom, direttore generale dell'Oms mette in mostra un certo ottimismo: "Queste nuove scintille potrebbero essere l'inizio di un fuoco più grande, per il momento si tratta solo di scintille, il nostro obiettivo è contenerle".

Unione europea

Questo giovedì i ministri della Salute dell'Unione europea si riuniranno a Bruxelles per parlare della crisi e prevedere misure di contenimento dell'infezione a livello comunitario

Janez Lenarcic, Commissario Ue per la Gestione delle crisi: "È possibile che prima che le cose migliorino peggiorino ma questo non ci soraggerà , al contrario ci motiverà ancor di più".

Il profilo basso di Xi Jinping

In China intanto il presidente Xi Jinping con la mascherina al volto ha visitato un ospedale di Pechino, dallo scoppio della crisi il presidente cinese ha fatto profilo basso, ancora non si è recato a Wuhan, dove il focolaio ha avuto origine. Con la fine delle celebrazioni del Capodanno cinese nella Repubblica popolare si torna tutti al lavoro, quest'anno regna una calma insolita, anche se qualcuno prova a riaprire bottega.

I prezzi al consumo sono aumentati del 5,4% in gennaio un record dal 2011, una vera e propria fiammata è quella che ha interessato i prezzi alimentari +20% con il balzo della carne di maiale che ha registrato un +116% e quello di verdure e frutta a +17%. A influire sull'aumento dei prezzi anche i blocchi, anche stradali, imposti per contenere l'epidemia. Cosa che fa sì che molti alimenti non arrivino a destinazione, perché deteriorati e quindi sono da buttare.

La gente compra tutto quello che può essere messo in dispensa e conservato altro fattore che influenza l'offerta e la penuria dei supermercati.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.