EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Meno risarcimenti e più diritti: cosa dicono ai passeggeri le nuove regole ferroviarie dell'Ue?

Travellers walk at Gare du Nord train station in Paris.
Travellers walk at Gare du Nord train station in Paris. Diritti d'autore Christophe ARCHAMBAULT / AFP
Diritti d'autore Christophe ARCHAMBAULT / AFP
Di Euronews Travel
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Ci sono anche nuove disposizioni per la riprenotazione del viaggio in caso di interruzione e il rimborso dei biglietti di coincidenza

PUBBLICITÀ

Alcuni passeggeri che subiscono ritardi e cancellazioni ferroviarie potrebbero non avere più diritto al risarcimento, quest'estate.

Le nuove norme dell'Ue introdotte il 7 giugno prevedono che gli operatori ferroviari siano esentati dal pagamento a determinate condizioni. 

I passeggeri in precedenza avevano il diritto di richiedere il rimborso del 25% del prezzo del biglietto per ritardi superiori a un'ora e del 50% per ritardi superiori a due ore, nella maggior parte dei casi.

Ma le nuove regole indicano che le aziende ferroviarie non dovranno pagare risarcimenti, in caso di "forza maggiore" o circostanze straordinarie. 

Ciò significa eventi al di fuori del ragionevole controllo degli operatori ferroviari, come tempeste, inondazioni, attacchi terroristici o pandemie.

Le nuove regole si applicano solo se la società non può prevenire o evitare ritardi o cancellazioni causati da questi eventi. 

Gli scioperi non contano come circostanze straordinarie e gli operatori ferroviari dovranno comunque adempiere ad altri obblighi, come il rimborso dei costi dei biglietti o il reindirizzamento dei passeggeri.

La Commissione europea afferma che la mossa ha lo scopo di "stabilire condizioni di parità con altre modalità di trasporto" e che in futuro sarà sviluppato un nuovo modulo di compensazione e rimborso standardizzato europeo.

Ue: "Le nuove norme offrono una migliore protezione per i passeggeri"

Nonostante le modifiche al risarcimento, le nuove regole recentemente introdotte includono alcune protezioni extra per i passeggeri.

Se il viaggio viene interrotto e non viene offerta una soluzione per continuarlo entro 100 minuti, si ha un nuovo diritto all'autodestinazione: i passeggeri potranno organizzare il proprio viaggio in treno o in autobus ed essere rimborsati dalla compagnia ferroviaria per il costo “necessario, appropriato e ragionevole” del nuovo biglietto.

Le nuove regole includono anche i biglietti con più tratte: i passeggeri hanno maggiori diritti in caso di perdita di una coincidenza, incluso il rimborso del biglietto, il rinfresco o il risarcimento per l'alloggio, quando un viaggio non può continuare lo stesso giorno.

JOSEP LAGO/AFP
Passengers board a Figueres bound AVE high-speed train at Barcelona-Sants railway station.JOSEP LAGO/AFP

In che modo le nuove norme migliorano i viaggi per i passeggeri disabili?

Ci sono piccoli miglioramenti per i passeggeri disabili e anche per quelli con mobilità ridotta, anche se gli attivisti affermano che sono ancora molto lontani dal garantire viaggi senza barriere architettoniche.

Ora, possono non essere accompagnati da un'altra persona, a meno che non sia strettamente necessario: in tal caso, l'accompagnatore ha diritto a viaggiare gratuitamente e a sedersi vicino alla persona che sta assistendo.

Anche il periodo di pre-notifica per le richieste di assistenza è stato ridotto a 24 ore e le stazioni ferroviarie debbono avere un referente centrale per tali richieste. 

Il lasso temporale è significativamente più breve rispetto ad altri metodi di trasporto: autobus e pullman, infatti, richiedono rispettivamente un preavviso di 36 e 48 ore.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Viaggio gastronomico a Istanbul: una città sotto le stelle (Michelin)

Viaggio nelle comunità di Londra: sono pronte a festeggiare Re Carlo. Ma c'è la crisi...

Ondata di calore in Grecia: chiusa l'Acropoli di Atene