EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Neuralink, via libera ai test sugli esseri umani per curare diverse malattie

Elon Musk
Elon Musk Diritti d'autore Patrick Pleul/(c) dpa-Zentralbild POOL
Diritti d'autore Patrick Pleul/(c) dpa-Zentralbild POOL
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L’annuncio arriva con un post su Twitter della la compagnia di Elon Musk

PUBBLICITÀ

Neuralink può sperimentare i suoi chip cerebrali sugli esseri umani. L’annuncio arriva con un post su Twitter della la compagnia di Elon Musk.

La Food and Drug Administration ha dato il via libera alla società del miliardario per iniziare a sperimentare i suoi prodotti sull’uomo: i test sugli animali hanno mostrato come basti lo sguardo per permettere di digitare parole su uno schermo o anche giocare ai videogiochi.

Un aiuto concreto in primis per le persone affette da paralisi o malattie neurologiche, ma l’azienda vuole rendere questi impianti sicuri anche per chi decidesse di dotare il proprio cervello della potenza di un computer

“È davvero un passo importante". Neuralink, la startup di Elon Musk, ha definito così il via libera ottenuto dalla Food and Drug Administration (Fda) a testare i suoi impianti cerebrali sugli esseri umani. "In questo modo la nostra tecnologia potrà un giorno aiutare molte persone. Le assunzioni per le sperimentazioni cliniche non sono ancora aperte", ha dichiarato la start up su Twitter.

Di cosa tratta Neuralink

Neuralink progetta dispositivi connessi da impiantare nel cervello per permettere di comunicare con i computer in modo diretto attraverso il pensiero.

Un  aiuto per le persone paralizzate o affette da malattie neurologiche, ma l’azienda vuole rendere questi impianti abbastanza sicuri e affidabili da poter essere una scelta per chi decide di dotare il proprio cervello della potenza del computer, ovviamente attraverso un intervento chirurgico dal costo di qualche migliaio di dollari.

Come ha dichiarato Elon Musk nel 2020, questi chip devono consentire all'umanità di raggiungere una "simbiosi con l'Ai". "Ora siamo fiduciosi che il dispositivo di Neuralink sia pronto per l'uomo, quindi la tempistica dipende dal processo di approvazione della Fda", aveva dichiarato alla fine di novembre su Twitter.

Finora solo prototipi delle dimensioni di una moneta sono stati impiantati nei crani degli animali, con risultati incoraggianti. Dai test è emerso che le scimmie sono in grado di "giocare" ai videogiochi o di "digitare" parole su uno schermo semplicemente seguendo con gli occhi il movimento del cursore. 

Intanto anche altre società stanno lavorando per controllare i computer con il pensiero, come Synchron che ha annunciato nel luglio 2022 di aver impiantato la prima interfaccia cervello-macchina negli Stati Uniti.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Tumori della pelle: cause, diffusioni e consigli per affrontare il sole dell'estate

Queste quattro industrie da sole causano 2,7 milioni di morti in Europa

Dopo le elezioni Ue servono urgenti finanziamenti europei per l'aborto, secondo gli attivisti