Bluesky: il social network di Jack Dorsey è ora ad iscrizione libera

L'accesso a Bluesky è stato a lungo limitato tramite un sistema a inviti
L'accesso a Bluesky è stato a lungo limitato tramite un sistema a inviti Diritti d'autore Richard Drew/AP
Di Associated Press
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Bluesky, un social network simile a Twitter promosso dal cofondatore di quest'ultimo, Jack Dorsey, consente ora a chiunque di creare un account e di aderire al servizio

PUBBLICITÀ

Bluesky, un social network simile a Twitter promosso dal cofondatore di Twitter Jack Dorsey, è uscito dal proprio bozzolo e ora consente a chiunque di creare un account e di aderire al servizio. Fino a martedì, chiunque volesse entrare a farne parte aveva bisogno di un invito, il che significava in genere andare a caccia di un membro esistente e sperare lo concedesse.

Ciò ha però dato al sito il tempo di creare strumenti di moderazione e altre funzioni, ha dichiarato Bluesky, che continua ad ispirarsi a Twitter - ora noto con il nome "X" dopo che il miliardario di Tesla Elon Musk ha pagato 44 miliardi di dollari per la società - in molti aspetti, anche se non offre ancora la messaggistica diretta tra gli utenti.

Offre però più opzioni di personalizzazione, anche se non è ancora chiaro se queste saranno apprezzate dagli utenti. Per impostazione predefinita, Bluesky visualizza i post degli account che si seguono in una timeline lineare, anche se è possibile passare a cronologie guidate da algoritmi creati da altri utenti.

Il servizio effettua la propria moderazione, ma prevede di consentire agli utenti di sovrapporre strumenti alternativi (anche se questa funzione non è ancora stata attivata).

"L'ultimo account social che dovrete creare"

Come afferma l'azienda in una stravagante pagina a fumetti creata per l'annuncio di martedì 6 febbraio, Bluesky mira a essere "l'ultimo account social che dovrete creare". In pratica, probabilmente non sarà così facile. Il termine tecnico per rendere interoperabili i social network in questo modo è "federazione", e si scopre che ci sono diversi modi in cui i siti possono farlo.

Ad esempio, Mastodon e altri strumenti di microblogging simili - tra cui il servizio Threads di Meta - utilizzano un algoritmo di federazione chiamato ActivityPub che dovrebbe consentire agli utenti di spostarsi facilmente tra di essi. In effetti, Threads ha già iniziato a sperimentare la condivisione di post con Mastodon e altri servizi che utilizzano ActivityPub.

"Rendere Threads interoperabile darà alle persone una maggiore scelta sulle modalità di interazione e aiuterà i contenuti a raggiungere più persone", ha scritto Mark Zuckerberg, CEO di Meta, in un post su Threads a dicembre. "Sono piuttosto ottimista al riguardo".

Bluesky ha invece adottato un algoritmo chiamato Authenticated Transfer Protocol e finora è l'unico servizio di questo tipo che lo utilizza. Una pagina di "domande frequenti" sostiene che ActivityPub rende complicato il trasferimento degli account e che manca di altre caratteristiche importanti.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La Luna diventa più piccola: ecco perché è un problema per le missioni

"Un disastro per l'innovazione": le paure del settore tecnologico dopo la legge Ue sull'IA

Promuovere l'innovazione in Grecia: la missione di Corallia