Ecco chi è l'uomo più ricco del mondo. Ha superato Elon Musk

L'amministratore delegato di Tesla Motors Elon Musk a sinistra, l'amministratore delegato del gruppo del lusso LVMH Bernard Arnault a destra
L'amministratore delegato di Tesla Motors Elon Musk a sinistra, l'amministratore delegato del gruppo del lusso LVMH Bernard Arnault a destra Diritti d'autore AP Photo
Di Piero Cingari
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Il cambiamento nella classifica è sintomo di rapidi movimenti nelle performance di mercato.

PUBBLICITÀ

Il francese Bernard Arnault, capo di LVMH (Louis Vuitton Moët Hennessy), è ora la persona più ricca del mondo, superando anche Elon Musk di Tesla.

Secondo l'ultima "Real-Time Billionaires List" di Forbes, il patrimonio netto di Arnault ammonta a ben 207,6 miliardi di dollari (191,5 miliardi di euro), mentre quello di Musk è stimato a 204,7 miliardi di dollari (188,74 miliardi di euro).

La ricchezza di Arnault è aumentata nettamente la scorsa settimana: il suo patrimonio netto è aumentato di 22,7 miliardi di dollari (20,9 miliardi di euro) in un solo giorno, venerdì, con un notevole balzo del 12,3%. Al contrario, la fortuna di Elon Musk è crollata di 18 miliardi di dollari (16,6 miliardi di euro) il giorno precedente, segnando una diminuzione dell'8,1% del suo patrimonio netto.

Questo capovolgimento della situazione sottolinea i percorsi divergenti dei loro imperi commerciali, particolarmente evidenti dopo la pubblicazione dei loro ultimi bilanci.

Un 2023 da record per LVMH

LVMH, il colosso del lusso guidato da Arnault, ha registrato un anno da record nel 2023.

La performance del conglomerato attraverso il suo prestigioso portafoglio di marchi, che comprende nomi famosi come Louis Vuitton, Christian Dior, Fendi e Tiffany & Co. ha registrato una notevole impennata dei ricavi, raggiungendo l'impressionante cifra di 86,2 miliardi di euro per l'intero anno.

Ciò rappresenta un sostanziale aumento del 13% rispetto ai dati del 2022, superando in modo significativo gli 85,74 miliardi di euro previsti dagli analisti.

La crescita più sostanziale dei ricavi all'interno del gruppo LVMH è stata osservata nel settore della vendita al dettaglio, che ha registrato un notevole aumento del 25% rispetto all'anno precedente. Questa impennata è stata attribuita all'eccezionale performance di Sephora e alla crescita di DFS, sostenuta dalla ripresa dei viaggi internazionali.

L'utile lordo di LVMH ha raggiunto i 59,28 miliardi di euro, segnando un aumento del 9,4%, mentre l'utile netto è salito a 15,2 miliardi di euro, registrando un aumento dell'8% rispetto al 2022.

Bernard Arnault, che ha scelto di rimanere cauto nonostante l'ottimismo, ha dichiarato: "Pur rimanendo vigili nel contesto attuale, entriamo nel 2024 con fiducia, sostenuti dai nostri marchi altamente desiderabili".

Il miliardario francese ha inoltre espresso l'aspettativa che il 2024 sia un anno stimolante ed eccezionale, sottolineando la partecipazione di LVMH ai Giochi Olimpici e Paralimpici di Parigi 2024.

Il sentimento positivo nei confronti di LVMH si è riflesso nell'andamento del mercato azionario, con un'impennata delle azioni del 12,81% a 773,10 euro dopo l'annuncio.

Tesla deve affrontare delle battute d'arresto

La situazione è ben diversa per Tesla, l'azienda del sudafricano Elon Musk. Il colosso dei veicoli elettrici ha registrato un modesto aumento del 3,5% del fatturato nel quarto trimestre 2023, raggiungendo 25,2 miliardi di dollari (23,2 miliardi di euro), e un fatturato annuale di 96,8 miliardi di dollari (89,3 miliardi di euro), in crescita del 15% rispetto al 2022.

Tuttavia, l'utile lordo di Tesla ha subito un significativo calo del 15,3%, scendendo a 17,66 miliardi di dollari. Nonostante l'utile netto di Tesla sia salito a 7,93 miliardi di dollari (7,3 miliardi di euro), segnando un sostanziale aumento del 115%, questa eccezionale performance è stata in gran parte dovuta a un beneficio fiscale una tantum di 5,75 miliardi di dollari.

Per il 2024, Tesla anticipa un anno "difficile" per l'industria automobilistica globale e prevede un calo "sostanziale" dei propri margini di redditività. Questa previsione ha spinto diversi analisti di Wall Street a rivedere al ribasso le proprie aspettative su Tesla, portando a una riduzione del titolo.

Dopo la pubblicazione dei risultati, le azioni di Tesla sono scese del 12%, contribuendo alla discesa di Elon Musk al secondo posto tra le persone più ricche del mondo.

Il netto contrasto tra le fortune finanziarie di Bernard Arnault ed Elon Musk mette in evidenza la natura volatile della ricchezza nel panorama economico moderno, dove i rapidi spostamenti del patrimonio netto possono avvenire nel giro di poche ore, guidati dall'andamento del mercato dei rispettivi imperi.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ue, maxi multa ad Apple per violazione della concorrenza su app di musica

Ecco l'"auto dell'anno 2024": la Renault Scenic E-Tech

L'aspetto fisico dei vostri genitori può avere conseguenze sul vostro portafoglio. Ecco come