EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Estonia: “La Russia e Putin devono essere messi in ginocchio”

Il presidente estone Alar Karis
Il presidente estone Alar Karis Diritti d'autore AP Photo/Aron Urb
Diritti d'autore AP Photo/Aron Urb
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Il presidente estone Alar Karis ha dichiarato in un'intervista ai media finlandesi che la cosa più importante oggi è “fermare la macchina da guerra russa”

PUBBLICITÀ

"Non possiamo cambiare la nostra posizione: in quanto vicini della Russia, dobbiamo prepararci al peggio”. Questo è il messaggio inequivocabile del Presidente estone Alar Karis, diffuso in un'intervista al portale finlandese Yle.

Alar Karis, sopravvissuto all'occupazione sovietica, è convinto che la Russia non cambierà rotta nel prossimo futuro. “Non credo molto in un cambiamento rapido. La Russia ha avuto una possibilità all'inizio degli anni '90, ma le cose sono andate male".

Karis è convinto che anche liberarsi del presidente Vladimir Putin non porterà necessariamente a un cambiamento. “Forse dovremo passare attraverso molti altri leader russi prima che accada qualcosa”, ha affermato scettico il presidente della piccola repubblica baltica.

A suo avviso è necessaria una pressione anche da parte dell'Occidente, per far capire ai russi comuni che qualcosa deve cambiare.

Fermare la macchina da guerra russa prima di considerare i negoziati sull'Ucraina

A differenza di molti altri politici estoni, Alar Karis non ha fretta di incolpare il popolo russo nel suo complesso per la presenza di Putin al potere e lo scoppio della guerra in Ucraina.

Il presidente ha fatto riferimento alla recente storia dell'Estonia come Paese occupato dall'Unione Sovietica.“Ricordiamo come ci siamo comportati sotto le grinfie di un regime simile. Sì, alcuni manifestanti sono stati imprigionati. Ma la maggior parte delle persone ha detto ciò che era necessario e ha aspettato il cambiamento", ha detto Karis.

La cosa più importante ora, secondo Karis, è fermare la macchina da guerra russa. La vicina Finlandia ha chiuso il suo confine orientale, ma la frontiera tra Estonia e Russia rimane aperta nonostante gli incidenti di confine. Secondo il presidente estone, uno dei motivi per cui il confine è aperto è che le persone hanno famiglia dall'altra parte.

Tuttavia il presidente ha dichiarato che l'Estonia è pronta a chiudere la frontiera se necessario. 

Nessun invio di truppe in Ucraina per ora

Per quanto riguarda la possibilità di inviare truppe estoni in Ucraina, il presidente del Paese ha dichiarato di non essere autorizzato a prendere una tale decisione.

“Non è una mia decisione, e nemmeno del governo. È il parlamento che decide se inviare le truppe", ha spiegato Karis. Secondo lui, Kiev non ha bisogno di truppe occidentali, ma di armi.

“Se mai dovesse arrivare quel momento, la questione dell'invio di truppe dovrebbe essere discussa non tanto in Estonia quanto con i nostri alleati. Ma l'Ucraina stessa non ne vede ancora la necessità", ha aggiunto il presidente.

Il Segretario generale della Nato Jens Stoltenberg ha ripetutamente affermato che l'alleanza non ha intenzione di inviare truppe in Ucraina, anche se periodicamente vengono rilasciate dichiarazioni sull'invio di truppe nella zona di conflitto da parte di alti esponenti politici europei, tra cui il presidente francese Emmanuel Macron. Il Cremlino ha considerato queste dichiarazioni una “tendenza pericolosa”.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Meloni: no ad armi Nato all'Ucraina contro la Russia, sì ad alleanza con Popolari di von der Leyen

La Russia rimuove le boe di confine sul fiume Narva, scontro con l'Estonia

Zelensky contro gli assenti alla conferenza di pace, Stoltenberg apre ad armi per colpire la Russia