EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Charles Michel: l'Unione europea deve allargarsi o affrontare una "nuova cortina di ferro"

Il presidente del Consiglio europeo Charles Michel
Il presidente del Consiglio europeo Charles Michel Diritti d'autore Dario Pignatelli/
Diritti d'autore Dario Pignatelli/
Di Mared Gwyn Jones
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

L'Unione europea deve ingrandirsi o rischia di affrontare una "nuova cortina di ferro" lungo il suo fianco orientale, ha dichiarato lunedì il presidente del Consiglio europeo Charles Michel mentre il blocco segna 20 anni dal suo più grande allargamento di sempre

PUBBLICITÀ

"L'allargamento è vitale per il futuro dell'Unione europea perché senza allargamento [c'è] il rischio di una nuova cortina di ferro" lungo il suo fianco orientale. Lo ha detto lunedì il presidente del Consiglio europeo Charles Michel durante un'intervista a un gruppo selezionato di giornalisti.

"Sarebbe estremamente pericoloso avere un vicinato instabile con una mancanza di prosperità o di sviluppo economico. Questi sono i nostri interessi comuni - dei Paesi candidati e dell'Ue - fare progressi, accelerare", ha aggiunto Michel, riferendosi soprattutto ai Paesi dei Balcani occidentali in lizza per entrare a far parte del blocco. 

Il suo severo avvertimento giunge nell'anniversario del cosiddetto allargamento del 2004, quando dieci Paesi, tra cui sette ex repubbliche sovietiche o Stati satellite dell'ex Urss, ottennero l'adesione al blocco. 

Se non fosse stato per quella storica espansione, l'Unione così com'è oggi sarebbe divisa da una "cortina di ferro de facto", ha detto Michel, il che significa che i Paesi della parte orientale sarebbero stati presi di mira da "tentativi politici e ideologici del Cremlino di occuparli"

Nove Paesi dell'Europa orientale e dei Balcani occidentali sono attualmente in attesa di diventare membri a pieno titolo dell'Ue. Il processo di adesione al blocco è notoriamente lungo e complesso, e i Paesi candidati devono soddisfare le rigide richieste di Bruxelles, comprese importanti riforme giudiziarie e costituzionali.

Michel non è preoccupato per lo scetticismo di alcuni Stati membri

Sebbene l'invasione dell'Ucraina da parte della Russia abbia dato nuovo slancio alla latente politica di allargamento dell'Ue, i tentativi di accelerare il processo di adesione rischiano di essere vanificati dagli Stati membri più scettici. Inoltre, secondo gli analisti, i lunghi ritardi nell'integrazione dei Paesi candidati stanno fomentando un senso di esasperazione nei confronti di Bruxelles.

Lo scorso dicembre l'ungherese Viktor Orbán - il cui governo eserciterà la presidenza di turno del Consiglio dell'Unione europea per sei mesi a partire da luglio - ha minacciato di fermare da solo l'apertura dei colloqui di adesione con l'Ucraina esercitando il suo potere di veto.

Ma Michel ha minimizzato l'ipotesi secondo cui una presidenza ungherese combinata con un Parlamento europeo più polarizzato dopo le elezioni potrebbe ulteriormente ostacolare i percorsi di adesione dei Paesi candidati. "Sono molto fiducioso che il prossimo ciclo istituzionale sarà l'occasione per riaffermare la nostra volontà politica congiunta, l'allargamento", ha detto Michel.

Alla domanda se il governo ungherese possa ulteriormente far deragliare l'adesione dell'Ucraina escludendo la questione dell'allargamento dall'agenda europea, Michel ha detto: "Non sono affatto preoccupato". "Sono fiducioso perché sento che la stragrande maggioranza dei leader è assolutamente convinta che ciò sia importante per il futuro", ha anche detto.

Michel ritiene che la cosiddetta "astensione costruttiva", esplicitamente utilizzata da Orbán lo scorso dicembre quando ha abbandonato il vertice del Consiglio europeo al momento del voto per permettere agli altri 26 leader di approvare l'apertura dei colloqui di adesione dell'Ucraina, potrebbe essere una rete di sicurezza per decisioni simili in futuro.

"Abbiamo usato l'astensione costruttiva, che dà la possibilità a un Paese di dire, guarda, non mi piace e non mi sento molto a mio agio con questa decisione, e rendo pubblica la mia opinione, ma non voglio bloccare la stragrande maggioranza degli Stati membri", ha detto il presidente del Consiglio europeo. 

L'Ucraina richiede una "transizione specifica"

La possibile integrazione dell'Ucraina, il paese colpito dalla guerra il cui Pil pro capite è tre volte inferiore a quello della Bulgaria, l'economia più piccola dell'Unione, sta suscitando timori che l'adesione di Kiev destabilizzi la struttura di bilancio del blocco e induca molti Paesi membri a passare da beneficiari netti a contributori netti.

Un recente rapporto del think tank Bruegel ha stimato il costo dell'adesione all'Ue del Paese devastato dalla guerra tra i 110 e i 136 miliardi di euro in sette anni.

Michel afferma che per alleviare il potenziale impatto dell'adesione dell'Ucraina sull'economia dell'Unione, il Paese avrebbe bisogno di una "transizione specifica" basata su un modello attualmente "non nel sistema", anche a causa del potenziale costo della ricostruzione postbellica.

Michel ha anche affermato che altri Paesi più strettamente allineati con l'economia del blocco potrebbero essere accettati come membri del blocco prima della fine di questo decennio. Il Presidente ha già affermato che l'Unione deve fare i suoi compiti, compresa l'attuazione delle riforme necessarie, per essere pronta all'allargamento entro il 2030.

Ha invitato il blocco a non aver "paura" dell'integrazione dell'Ucraina, sostenendo che il Paese sarà un luogo attraente in cui investire nell'ambito del mercato unico.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Opinione pubblica divisa sull'allargamento dell'Ue, i leader si preparano a prendere decisioni cruciali

Perché si è fermato l'allargamento dell'Ue?

Spagna: Pedro Sánchez proporrà il riconoscimento dello Stato palestinese al Parlamento