EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Charles Michel: "l'Ue deve essere pronta ad accogliere nuovi membri entro il 2030"

Il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel
Il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel Diritti d'autore Geert Vanden Wijngaert/Copyright 2022 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Geert Vanden Wijngaert/Copyright 2022 The AP. All rights reserved
Di Mared Gwyn Jones
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'Unione europea deve essere pronta ad allargarsi entro il 2030 se vuole rimanere "credibile", ha dichiarato lunedì il presidente del Consiglio europeo Charles Michel al Forum strategico di Bled in Slovenia

PUBBLICITÀ

"Nel preparare la prossima agenda strategica dell'Ue, dobbiamo porci un obiettivo chiaro. Credo che entro il 2030 dovremo essere pronti - da entrambe le parti - all'allargamento", ha detto Michel a una platea che comprendeva i leader di Albania, Bosnia-Erzegovina, Moldavia, Montenegro e Macedonia del Nord, tutti candidati ufficiali per aderire all'Ue.

"È un obiettivo ambizioso, ma necessario. Dimostra che facciamo sul serio", ha dichiarato Michel.

L'impatto geopolitico della guerra della Russia in Ucraina ha costretto l'Ue a rilanciare la sua politica di allargamento, in quanto i Paesi dell'Europa orientale e dei Balcani occidentali guardano a Bruxelles per una più stretta integrazione con l'Occidente.

Tre Paesi - Ucraina, Moldavia e Bosnia-Erzegovina - hanno ottenuto lo status di candidato dall'inizio dell'invasione nel febbraio 2022, mentre si è intensificato l'impegno con gli altri cinque Paesi candidati. Il percorso dell'Ucraina verso l'adesione è considerato il più critico per garantire un'Unione europea geopolitica, ma è anche quello politicamente più irto.

L' Ue deve prepararsi

Il rinnovato desiderio di allargamento solleva interrogativi sulla capacità dell'Ue di integrare nuovi membri, un tema che probabilmente sarà all'ordine del giorno quando i 27 capi di Stato dell'Unione si riuniranno a Granada, in Spagna, all'inizio di ottobre, un giorno dopo la riunione della Comunità politica europea a cui parteciperanno i leader dei Paesi candidati.

L'allargamento potrebbe richiedere significative riforme del bilancio dell'Ue. Sette degli otto Paesi candidati hanno un Pil pro capite inferiore a quello della Bulgaria, il Paese più povero dell'Ue, il che significa che la distribuzione dei fondi potrebbe lasciare ad alcuni attuali Stati membri una fetta più piccola della torta dell'Unione dopo l'espansione.

Ma Michel ha suggerito che si sta aprendo una "finestra di opportunità" per l'Ue di raggiungere un accordo sul processo di allargamento.

"Il prossimo bilancio a lungo termine dell'Ue dovrà includere i nostri obiettivi comuni. È un obiettivo ambizioso ma necessario", ha detto Michel, "perché darà un impulso trasformativo alle riforme e genererà interessi, investimenti e una migliore comprensione".

Intervenendo alla conferenza, il primo ministro sloveno Robert Golob ha affermato che i preparativi dell'Ue per l'adesione "devono avvenire nei prossimi 12 mesi o non avverranno per molto tempo".

Potrebbero essere necessarie anche modifiche ai trattati dell'Ue, per garantire che il processo decisionale possa avvenire in modo rapido ed efficace.

L'attuale modello di voto a "maggioranza qualificata", in cui le decisioni passano solo con il sostegno di 15 Stati membri che rappresentano almeno il 65% della popolazione dell'Ue, dovrebbe essere adattato.

"Più membri significherà più diversità. Dovremo adattare il nostro quadro istituzionale e le nostre procedure, in modo che un'Ue allargata sia in grado di prendere decisioni efficienti e tempestive", ha dichiarato Michel.

Una partecipazione più ampia più aumenta anche la probabilità di veti su decisioni che richiedono il sostegno unanime degli Stati membri dell'Ue, come quelle su questioni considerate più delicate, tra cui la politica estera e di sicurezza.
Tuttavia, a riprova della convinzione che un'Ue allargata potrebbe raggiungere il consenso anche su decisioni politiche di grande importanza, Michel ha affermato che "eliminare l'unanimità potrebbe significare buttare via il bambino con l'acqua sporca".

Eliminare gli ostacoli all'adesione

Per diventare membri dell'Ue, i Paesi devono soddisfare criteri rigorosi, tra cui l'introduzione di riforme economiche e giudiziarie. Michel ha citato lo stato di diritto, la criminalità organizzata, l'indipendenza giudiziaria, le riforme economiche e le questioni bilaterali e regionali, come alcune delle azioni in sospeso che i Paesi dei Balcani occidentali devono affrontare per avere successo.

"L'allargamento è e rimarrà un processo basato sul merito. L'adesione all'Unione comporta sia responsabilità che benefici. Per assumersi le prime e raccogliere i secondi in un ambiente altamente competitivo, bisogna essere pronti", ha detto Michel.

L'adesione all'Ue richiede anche l'appoggio unanime dei 27 Stati membri, e il compito di Michel di assicurare il consenso politico in seno al Consiglio è potenzialmente delicato.

Per rispondere alle preoccupazioni che uno Stato dei Balcani occidentali possa diventare membro dell'Ue e poi usare il proprio potere per bloccare la futura adesione di un vicino, Michel ha proposto una cosiddetta clausola di fiducia nei trattati di adesione.

"Non c'è spazio per i conflitti del passato all'interno dell'Ue", ha dichiarato.

PUBBLICITÀ

Rafforzare il sostegno dell'Unione

Alcuni Paesi hanno espresso frustrazione per la lentezza dell'adesione, che ha richiesto in media nove anni per i 21 Stati membri che hanno intrapreso il processo.

Michel ha dichiarato che l'UE vuole dare il proprio sostegno offrendo un'integrazione progressiva e graduale nelle politiche dell'UE in materia di energia, mercato unico, sicurezza e difesa, in modo che i Paesi candidati ne percepiscano i benefici anche prima dell'adesione formale.
In questo modo i futuri Stati membri potrebbero contribuire allo sviluppo delle politiche dell'UE prima di diventarne membri.

Michel ritiene che il pacchetto allargamento della Commissione europea previsto per ottobre, che valuta i progressi dei Paesi candidati nel processo di adesione, sia un'opportunità per delineare i dettagli concreti della progressiva integrazione.
Lunedì scorso Michel ha incontrato i leader dei Paesi dei Balcani occidentali.

La 18esima edizione del Forum strategico di Bled, intitolata "Solidarietà per la sicurezza globale" e organizzata dal Ministero degli Affari Esteri sloveno, si svolge poche settimane dopo le devastanti inondazioni che hanno ucciso sei persone in Slovenia, in quello che è stato descritto dal Primo Ministro Robert Golob come il peggior disastro naturale che abbia mai colpito il Paese.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

I salari effettivi sono in calo in Europa: quali sono i Paesi che hanno registrato le maggiori variazioni salariali?

Solidarietà e sconcerto: i politici dell'Ue si dividono sulla morte del presidente iraniano Raisi

Elezioni europee: cosa ne pensano i cittadini di etnia russa che voteranno a giugno