I Balcani occidentali guardano all'adesione all'Ue e accelerano la cooperazione regionale

Image
Image Diritti d'autore Armando Babani/Copyright 2024 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Armando Babani/Copyright 2024 The AP. All rights reserved
Di Michela Morsa
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

I leader di Albania, Macedonia del Nord, Kosovo, Bosnia, Montenegro e Serbia hanno concordato giovedì di accelerare le riforme e la cooperazione regionale per beneficiare maggiormente del piano di aiuti finanziari di Bruxelles da sei miliardi di euro, che mira a velocizzare l'adesione dei Paesi

PUBBLICITÀ

I Paesi dei Balcani occidentali hanno concordato di accelerare la cooperazione regionale per trarre maggiore vantaggio dal piano dell'Unione europea volto a rafforzare l'economia della regione.

Nel secondo giorno del vertice dei Balcani occidentali nella capitale albanese Tirana, il commissario per l'allargamento dell'Ue Oliver Varhelyi si è unito ai leader dei Paesi regionali per discutere gli sviluppi del loro percorso verso l'adesione al blocco comunitario

Varhelyi ha riferito che i sei Paesi coinvolti, Albania, Macedonia del Nord, Kosovo, Montenegro, Serbia e Bosnia-Erzegovina, hanno concordato di compiere passi concreti quest'anno, come l'unificazione dei regolamenti finanziari. Si sono inoltre impegnati a creare corsie semplificate o ad adattare i regolamenti doganali e a creare valichi di frontiera comuni come i Paesi membri dell'Ue. 

Bruxelles finanzia anche le riforme necessarie per aderire all'Ue

Il piano di Bruxelles prevede l'invio di sei miliardi di euro nei prossimi tre anni nel tentativo di raddoppiare l'economia della regione nel corso del prossimo decennio. Come ha dichiarato il commissario Varhelyi, al momento i Paesi non possono entrare nel mercato unico dell'Unione, perché non sarebbero assolutamente competitivi.

L'Unione europea chiede ai Paesi in questione di effettuare anche una serie di riforme onerose: il piano di finanziamento di Bruxelles mira anche a coprire queste spese, in modo da consentire agli Stati di sviluppare le loro economie e di attuare le riforme allo stesso tempo, senza la necessità di tagliare qua e là.

"Sarebbe ingiusto chiedere ai nostri partner dei Balcani occidentali di partecipare al mercato unico, dove hanno meno potere competitivo rispetto alle nostre imprese. Per questo motivo stiamo dedicando un finanziamento aggiuntivo a questo piano, per aiutare a realizzare tutte le riforme necessarie, perché la maggior parte di queste riforme hanno anche un costo, un costo finanziario", ha detto Varhelyi.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Balcani occidentali: in Serbia aumentano gli investimenti esteri

Von der Leyen nei Balcani occidentali: sei miliardi per la regione

La presidente della Commissione Ue von der Leyen in tour nei Balcani occidentali