Euroviews. "Le proteste degli agricoltori dovrebbero essere prese sul serio dalla leadership europea"

Agricoltori alla guida di un trattore pesante nella città occidentale di Poznan nell'ambito di una protesta nazionale degli agricoltori contro la politica agraria dell'Unione Europea, febbraio 2024
Agricoltori alla guida di un trattore pesante nella città occidentale di Poznan nell'ambito di una protesta nazionale degli agricoltori contro la politica agraria dell'Unione Europea, febbraio 2024 Diritti d'autore AP Photo/Euronews
Di Radu Magdin
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Le opinioni espresse in questo articolo sono quelle dell'autore e non rappresentano in alcun modo la posizione editoriale di Euronews.
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Non bisogna sottovalutare la capacità di azione delle minoranze infuriate: ci sono rischi politici ed elettorali significativi. Le ultime settimane lo hanno dimostrato, scrive Radu Magdin.

PUBBLICITÀ

Non serve un osservatore o un analista politico sofisticato per riconoscere che il numero di agricoltori europei che è sceso in piazza in queste ultime settimane è senza precedenti. In questo anno super-elettorale, con le elezioni europee previste per l'inizio di giugno, gli agricoltori europei stanno cercando di sfruttare al massimo l'opportunità politica.

Strategicamente, questo è il momento migliore per esprimere le loro rimostranze e costringere i politici a prestare molta attenzione a ciò che hanno da dire.

Gli agricoltori stanno massimizzando le loro possibilità di successo, quindi non dovremmo essere troppo severi nel condannare la loro strategia, anche se il loro approccio sta causando problemi in molte città e capitali europee.

Sarebbe un errore concentrarsi esclusivamente sulle forme che sta prendendo la protesta e su ciò che gli agricoltori possono fare per rendere le loro rivendicazioni più convincenti  per i cittadini che assistono alle proteste e ne sono, più o meno, coinvolti.

Strategicamente, questo è il momento migliore per esprimere le loro rimostranze e costringere i politici a prestare molta attenzione a ciò che hanno da dire.

Se lasciamo per un attimo da parte la quantità di meme che riempiono i social media sui social media sui trattori che hanno invaso le strade e le piazze di molte città d'Europa, e se lasciamo da parte anche le immagini generate dall'intelligenza artificiale che ci mostrano la Torre Eiffel circondata da balle di paglia, ci rendiamo conto che questo è ben più di un semplice esercizio estetico.

Un invito a una discussione onesta

Molti agricoltori europei, soprattutto quelli piccoli e quelli che fanno parte di aziende a conduzione familiare, stanno soffrendo. Per loro, questa attività è parte della loro identità e trovano sempre più difficile sopravvivere economicamente in un mondo in cui ogni fattore di produzione diventa sempre più costoso, costringendoli a ridurre i margini al punto che il profitto diventa una chimera.

Inoltre, tutto questo episodio dovrebbe essere visto come un tentativo da parte degli agricoltori di negoziare da una posizione di forza, minacciando di abbandonare le loro inclinazioni di voto conservatrici o di centro-destra, per abbracciare la destra radicale, proprio in questo anno elettorale cruciale.

Un trattore davanti al Colosseo per protestare contro le politiche agricole del governo e dell'UE, febbraio 2024
Un trattore davanti al Colosseo per protestare contro le politiche agricole del governo e dell'UE, febbraio 2024AP Photo/Gregorio Borgia

Quindi, in un mondo normale, questi eventi dovrebbero essere un invito a discussioni e decisioni oneste, a politiche ben ponderate e a un impegno genuino che vada oltre le foto e i gesti simbolici.

Gli agricoltori trovano sempre più difficile sopravvivere economicamente in un mondo in cui ogni fattore di produzione diventa sempre più costoso, costringendoli a ridurre i margini al punto che il profitto diventa una chimera.

Guardando queste proteste, l'istinto è quello di essere solidali con le richieste di queste persone e di chiedersi se non facciano parte di una tendenza più grande: quella di vari gruppi sociali che si sentono lasciati indietro, dimenticati.

Ora è giusto chiedersi: chi sarà il prossimo? Chi farà più pressione sull'élite europea e nazionale? Il modo in cui i politici risponderanno alla situazione e alle rimostranze degli agricoltori determinerà, in gran parte, ciò che accadrà.

È tempo di pacificazione, non di escalation

A quanto pare, una prospettiva razionale dovrebbe partire dalle cifre. Come molti hanno già sottolineato, l'agricoltura rappresenta solo l'1,4% del PIL dell'UE, il 4,2% dei posti di lavoro e il 14,3% delle emissioni di gas serra, mentre, allo stesso tempo, riceve circa il 30% del bilancio dell'Ue.

Dovremmo affrontare tutta questa questione da un punto di vista diverso, tenendo conto della disuguaglianza politica, della reattività e della volontà di agire da parte di coloro che si sentono traditi dai loro rappresentanti.

E mentre l'Unione cerca di fare di tutto per raggiungere la "neutralità climatica", attraverso il Green Deal e attraverso la lotta al cambiamento climatico in generale, gli agricoltori non dovrebbero rappresentare un problema, almeno se si considerano questi numeri.

Tuttavia, la realtà è molto più complessa e dovremmo affrontare tutta questa questione da un punto di vista diverso, tenendo conto della disuguaglianza politica, della reattività e della volontà di agire da parte di coloro che si sentono traditi dai loro rappresentanti.

Agricoltori polacchi protestano davanti all’ufficio del governatore regionale, a Poznan, febbraio 2024
Agricoltori polacchi protestano davanti all’ufficio del governatore regionale, a Poznan, febbraio 2024AP Photo/Czarek Sokolowski

Dopo la mini-rivolta degli agricoltori, i governi nazionali si sono affrettati ad adottare politiche favorevoli all'agricoltura e l'Ue ha fatto serie concessioni che potrebbero essere viste come un forte indebolimento del Green Deal e della strategia farm-to-fork.

Piuttosto che scommettere sulla mancanza di reazione degli agricoltori e sorprendersi di trovarli a Bruxelles, di fronte alle istituzioni chiave dell'Europa, un politico lungimirante sarebbe stato in grado di anticipare tutti questi eventi.

All'improvviso, in un anno elettorale chiave, tutti i decisori sono diventati avversi al rischio. Pochi giorni fa, la Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha elogiato la "notevole resilienza" degli agricoltori e ha annunciato che "gli agricoltori possono contare sul sostegno europeo", lanciando inoltre dei "dialoghi strategici", il cui obiettivo è quello di rispondere alle richieste degli agricoltori.

Questi sono tutti sviluppi positivi e i leader europei e nazionali dovrebbero essere lodati per aver compreso la posizione dell'opinione pubblica e che questo è il momento di negoziare e placare gli animi, e non di inasprire le tensioni.

Riportare le élite sulla terra

Allo stesso tempo, tutti questi eventi mettono in evidenza un establishment politico molto reattivo. Piuttosto che scommettere sulla mancanza di reazione degli agricoltori e sorprendersi di trovarli a Bruxelles, di fronte alle istituzioni chiave dell'Europa, un politico lungimirante (o anche solo con una mentalità da rielezione) sarebbe stato in grado di anticipare tutti questi eventi.

Ovviamente non chiediamo ai politici di prevedere il futuro o di diventare superprevedenti. Tuttavia, è evidente la necessità di migliorare la comprensione delle conseguenze delle politiche che propongono.

PUBBLICITÀ
Un pedone attraversa la strada invasa da trattori a Pamplona, ​​febbraio 2024
Un pedone attraversa la strada invasa da trattori a Pamplona, ​​febbraio 2024AP Photo/Alvaro Barrientos

Una lezione fondamentale è che non contano tanto gli effetti positivi complessivi della regolamentazione; ciò che scatena la mobilitazione e l'azione sono gli effetti distributivi, che devono essere stimati molto meglio in modo che i probabili perdenti siano compensati rapidamente e adeguatamente.

Non bisogna sottovalutare la capacità di azione di minoranze infuriate, che comporta rischi politici ed elettorali significativi. Le ultime settimane lo hanno dimostrato.

Per tutti coloro che amano l'Unione Europea, l'immagine che si potrebbe trarre da queste proteste è quella di élite politiche così lontane dal pubblico da dover essere riportate sulla terra per capire cosa sta realmente accadendo sotto il loro controllo.

Una diagnosi corretta e una cura da seguire

L'insufficiente valutazione dei possibili impatti, la disattenzione alle conseguenze distributive e la mancanza di sensibilità sono alcune delle patologie politiche che abbiamo osservato in questi giorni. Si spera che, dopo una diagnosi corretta, segua una cura (politica).

Una maggiore attenzione ai piccoli agricoltori, alle imprese familiari e al modo in cui l'Europa dovrebbe preservare e migliorare la propria sicurezza alimentare fanno parte di una conversazione seria che dovrebbe seguire quanto sta accadendo nelle strade principali d'Europa, da Bruxelles a Bucarest, da Parigi a Roma.

PUBBLICITÀ
L'immagine che si potrebbe trarre da queste proteste è quella di élite politiche così lontane dal pubblico da dover essere riportate sulla terra per capire cosa sta realmente accadendo.

Prima di incolpare i populisti per aver approfittato di questi eventi, dovremmo tutti impegnarci in un'analisi profonda e chiederci cosa si potrebbe fare affinché gli agricoltori e altre categorie simili tornino a fare politica e rivendicazioni normali.

Dobbiamo rendere la politica e il processo decisionale un po' più noiosi, ma decisamente più attinenti alle esigenze dei cittadini.

Radu Magdin è amministratore delegato di Smartlink ed ex consigliere dei primi ministri di Romania (2014-2015) e Moldavia (2016-2017).

A Euronews crediamo che tutte le opinioni siano importanti. Contattateci all'indirizzo view@euronews.com per inviare proposte o contributi e partecipare alla conversazione.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Protesta degli agricoltori: trattori ancora in strada dalla Polonia alla Francia

Tutto quello che c'è da sapere sul settore agricolo dell'Ue

Difesa: l'Ue va verso l'acquisto congiunto di armi, "bisogna mettere il turbo" dice von der Leyen