EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Elezioni Ue: Reintke dei Verdi promette di proteggere il Green Deal per la neutralità climatica

Il tedesco Terry Reintke, gruppo dei Verdi/Alleanza libera europea, al Parlamento europeo, martedì 16 gennaio 2024 a Strasburgo, Francia orientale
Il tedesco Terry Reintke, gruppo dei Verdi/Alleanza libera europea, al Parlamento europeo, martedì 16 gennaio 2024 a Strasburgo, Francia orientale Diritti d'autore Jean-Francois Badias/Copyright 2024 The AP. All rights reserved.
Diritti d'autore Jean-Francois Badias/Copyright 2024 The AP. All rights reserved.
Di Mared Gwyn Jones
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

In vista delle elezioni europee di giugno Terry Reintke dei Verdi ha presentato il suo partito come antidoto alle forze "di destra e autoritarie" che stanno cercando di rallentare l'azione per il clima

PUBBLICITÀ

In un'intervista rilasciata giovedì a Euronews, la 36enne tedesca, una delle due principali candidate schierate dai Verdi europei per il ballottaggio di giugno, ha delineato la sua visione per sostenere il Green Deal europeo, il piano dell'Ue per diventare il primo continente climaticamente neutro.

Negli ultimi mesi, il partito dei Verdi di Reintke ha lanciato alcune critiche nei confronti del Partito popolare europeo (Ppe), di centrodestra, destinato a vincere il sondaggio a giugno e a rimanere la fazione più numerosa del parlamento. Alla base dei commenti critici ci sarebbero i presunti tentativi di indebolire il Green Deal, in risposta all'ondata di proteste tra gli agricoltori.

Salvare il Green Deal e soddisfare le richieste degli agricoltori

Le proteste degli agricoltori hanno portato la Commissione europea della presidente Ursula von der Leyen a ritirare gradualmente alcuni dei suoi impegni rispetto all'ambiente, con concessioni sull'allentamento dei requisiti ecologici per l'accesso ai sussidi come parte di misure radicali per ridurre gli oneri amministrativi per gli agricoltori.

Le soluzioni di Reintke includono il "rimescolamento" dei sussidi agricoli del blocco per stanziare i fondi in base a indicatori ecologici e sociali piuttosto che alle dimensioni delle aziende agricole.

"Le grandi aziende agricole ottengono fondamentalmente la maggior parte dei sussidi. E vorremmo invertire la situazione, ad esempio, imponendo alcune condizioni per quanto riguarda gli standard ecologici e sociali", ha spiegato Reinke, aggiungendo che i Verdi hanno anche sostenuto un tetto massimo ai sussidi per garantire una distribuzione più equa alle piccole aziende agricole familiari in Europa.

Reintke ha anche parlato del Green Deal come "parte del puzzle per rendere l'Europa un continente più sicuro" e come l'unico modo per ripristinare il vantaggio industriale competitivo del continente.

"Dico sempre che il Green Deal e la questione della sicurezza in Europa sono due facce della stessa medaglia", ha spiegato Reintke, riferendosi a come l'Europa si fosse resa vulnerabile facendo affidamento sulle importazioni russe di combustibili fossili negli anni precedenti l'invasione dell'Ucraina.

"Quindi il Green Deal, con il progetto di avere energia proveniente dall'eolico e dal solare, di avere un'economia sostenibile e circolare con fonti di energia che non dipendono dagli autocrati, fa parte di una strategia di sicurezza di cui l'Europa ha disperatamente bisogno, perché vediamo che il mondo sta diventando un posto più insicuro».

Il Green Deal per competere con Stati Uniti e Cina

Per la candidata dei Verdi il Green Deal è l'unica strategia europea praticabile, per garantire che il blocco possa competere con potenze mondiali come Cina e Stati Uniti nello sviluppo e nella diffusione di energie pulite come l'idrogeno verde e le tecnologie delle batterie.

"Avere un massiccio programma di investimenti a livello europeo che incentivi gli Stati membri a percorrere quella strada (delle tecnologie pulite) è fondamentale", ha detto Reintke. 

Negli Stati Uniti, l'Inflation Reduction Act (Ira), l'attraente piano di sussidi verdi dell'amministrazione Biden che offre generose agevolazioni fiscali e sconti per le tecnologie verdi prodotte negli Stati Uniti, ha suscitato timori di un esodo industriale dall'Europa e ha visto l'Ue affrettarsi a introdurre controproposte come il Net Zero Industry Act e il Critical Raw Materials Act.

Il blocco ha anche recentemente avviato indagini sui sussidi statali cinesi per veicoli elettrici, pannelli solari e turbine eoliche tra i timori che l'industria dell'Ue sia inondata da importazioni a basso costo.

Un possibile antidoto all'avanzata della destra

Reintke ha anche affermato che un voto per i Verdi è il modo migliore per difendere la democrazia dalle "reazioni negative della destra contro la democrazia, lo stato di diritto e la libertà in Europa".

"I cittadini possono scegliere se vogliono avere una maggioranza più a destra nel Parlamento europeo, con potenziali forze autoritarie e di estrema destra che influenzano il programma della Commissione europea o se vogliono avere politiche progressiste, lungimiranti e orientate al futuro", ha aggiunto.

Terry Reintke, in Germania, e Bas Eickhout, nei Paesi Bassi, festeggiano dopo essere stati eletti candidati leader del Partito dei Verdi alle elezioni europee
Terry Reintke, in Germania, e Bas Eickhout, nei Paesi Bassi, festeggiano dopo essere stati eletti candidati leader del Partito dei Verdi alle elezioni europeeLaurent Cipriani/Copyright 2024 The AP. All rights reserved.

Pur riconoscendo i successi del capo della Commissione Ursula von der Leyen, attualmente in campagna per la rielezione, l'ha anche criticata per aver perso campo durante il suo mandato.

"Mentirei se dicessi che lei (von der Leyen) non ha portato avanti cose molto positive in questi cinque anni, ma allo stesso tempo, abbiamo potuto vedere che soprattutto verso la fine della legislatura, ha davvero perso terreno", ha detto, riferendosi all'attacco del suo partito contro il Green Deal e ai tentativi di far cadere la legge sul ripristino della natura, un disegno di legge progettato per ripristinare almeno il 20 per cento delle aree terrestri e marine dell'Unione europea entro 2030.

Alla domanda sulla risposta dell'Ue al conflitto in corso in Medio Oriente e su se il blocco debba prendere in considerazione sanzioni contro Israele per la sua risposta a Gaza agli attacchi di Hamas del 7 ottobre, Reintke ha detto: "Penso che dovremmo fare pressione su Israele".

Ha anche sostenuto che il blocco potrebbe utilizzare il suo accordo commerciale, l'accordo di associazione Ue-Israele, per esercitare pressioni su Tel Aviv, una proposta presentata per la prima volta da Irlanda e Spagna, considerate tra le più accanite critiche del blocco alla guerra di Netanyahu a Gaza.

PUBBLICITÀ

"Dovremmo, ad esempio, utilizzare l'accordo di associazione per dire, guarda, ciò che sta accadendo in questo momento non è positivo, inoltre non è per la sicurezza di Israele e dei cittadini israeliani", ha detto Reintke.

Questa intervista fa parte di una serie in corso con tutti gli Spitzenkandidaten. L'intervista completa a Terry Reintke andràin onda su Euronewsil 10 maggio.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Quanto sono verdi i programmi dei partiti in lizza alle elezioni europee

Slovacchia, i parlamentari si impegnano a contrastare l'odio politico

Migranti, archiviato in Grecia il caso contro i nove egiziani a processo per il naufragio di Pylos