Consiglio europeo, aumenta la pressione sull'Ungheria

Viktor Orbán è primo minsitro dell'Ungheria dal 2010
Viktor Orbán è primo minsitro dell'Ungheria dal 2010 Diritti d'autore Virginia Mayo/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Di Sandor ZsirosVincenzo Genovese
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Nel consiglio europeo straordinario i leader dell'Ue cercheranno di convincere Viktor Orbán ad accettare il fondo da 50 miliardi di euro per l'Ucraina

PUBBLICITÀ

Sarà un "momento decisivo", dice un alto diplomatico consultato da Euronews. Nell'ultimo vertice dei capi di Stato e di governo, a dicembre, il primo ministro ungherese Viktor Orbán si oppose all'iniziativa, che comporta la revisione del bilancio dell'Unione europea, e deve quindi essere approvata all'unanimità.

"Orbán adotta ancora una logica negoziale, quindi se riceve buone offerte, può abbandonare i suoi veti e il suo approccio ostruzionista nel processo decisionale"
Péter Krekó
Direttore del think tank Political Capital

Un piano B per finanziare l'Ucraina

Intanto istituzioni comunitarie e governi nazionali cercano soluzioni alternative nel caso fosse impossibile convincere Orbán. 

Una potrebbe essere finanziare l'Ucraina tramite un fondo concordato fra 26 Paesi invece che 27, pur complicata dal fatto che ciò richiederebbe la ratifica da parte dei Parlamenti nazionali.

Un'altra prevede una sorta di "freno di emergenza" per introdurre la possibilità di richiedere una revisione annuale del finanziamento, come vorrebbe l'Ungheria, ma senza che venga sottoposto a un ulteriore voto: condizione che di fatto consentirebbe a Orbán di utilizzare il suo potere di veto anche in futuro.

Il governo di Budapest potrebbe cedere se ottenesse lo sblocco dei fondi europei che gli spettano, attualmente congelati dalla Commissione europea: in tutto 20 miliardi. Ma da fonti diplomatiche trapela che l'esecutivo comunitario non ha alcuna intenzione di procedere in questo senso

Il governo di Kiev intanto aspetta con trepidazione le decisioni che verranno prese a Bruxelles, in un momento molto delicato della guerra, e con gli aiuti statunitensi ancora bloccati dal Congresso di Washington. 

L'isolamento dell'Ungheria

Ma c'è chi sta perdendo la pazienza con l'Ungheria, e si fa strada anche la possibilità di sospendere il diritto di voto del Paese, secondo la procedura prevista dall'Articolo 7 del trattato sull'Unione europea. È la cosiddetta "opzione nucleare", per ora solo un'ipotesi, come spiega Vera Jourová, vicepresidente della Commissione per i Valori e la Trasparenza.

"Vedremo se i leader avranno abbastanza pazienza per negoziare con Viktor Orbán o se intraprenderanno questa nuova strada utilizzando l'Articolo 7".

Di sicuro, non si è mai mai visto un tale isolamento per uno Stato membro dell'Ue, come spiega a Euronews Péter Krekó, direttore del think tank ungherese Political Capital.

"Orbán adotta ancora una logica negoziale, quindi se riceve buone offerte, può abbandonare i suoi veti e il suo approccio ostruzionista nel processo decisionale. Ma non credo che possa risolvere il problema a lungo termine, cioè che il sistema giuridico e politico dell’Ungheria sembrano inadeguati alle strutture istituzionali e ai valori dell’Unione europea".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Delegazione Usa in visita a Budapest: Ungheria ratifichi l'adesione della Svezia alla Nato

Consiglio europeo: Orbán blocca i fondi per l'Ucraina, oggi secondo giorno a Bruxelles

"Bruxelles è la brutta copia di Mosca": Viktor Orbán attacca l'Unione europea