"Bruxelles è la brutta copia di Mosca": Viktor Orbán attacca l'Unione europea

Viktor Orbán paragona l'Unione europea all'occupazione sovietica
Viktor Orbán paragona l'Unione europea all'occupazione sovietica Diritti d'autore Manu Fernandez/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Di Isidoro Patalano Agenzie:  AP
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il premier ungherese ha attaccato pesantemente l'Unione europea paragonandola l'adesione del suo paese al blocco agli oltre quarant'anni di occupazione sovietica. "Non balleremo al fischio di Bruxelles", ha detto. Intanto migliaia di manifestanti a Budapest per criticano il suo governo

PUBBLICITÀ

Viktor Orbán ha sferrato forti critiche verso l'Unione europea paragonando l'adesione dell'Ungheria all'Unione Europea a più di quattro decenni di occupazione sovietica durante un discorso tenuto lunedì per commemorare l'anniversario della rivoluzione antisovietica del 1956.

Parlando a una piazza gremita nella città di Veszprem, Orbán ha accusato Bruxelles di voler privare l'Ungheria della sua identità imponendo un modello di democrazia liberale che, a suo dire, gli ungheresi rifiutano.

“Oggi emergono cose che ci ricordano i tempi sovietici", ha detto il primo ministro ungherese nel suo discorso.  "Sì, succede che la storia si ripete. Fortunatamente, quella che una volta era una tragedia ora è, nella migliore delle ipotesi, una commedia".

"Fortunatamente Bruxelles non è Mosca. Mosca è stata una tragedia, Bruxelles è solo una brutta parodia contemporanea”.

"Abbiamo dovuto ballare sulla melodia che Mosca ha fischiato. Anche Bruxelles fischia, ma noi balliamo come vogliamo, e se non vogliamo, allora non balliamo
Viktor Orbán
Primo ministro ungherese

La festa nazionale del 23 ottobre ricorda l'inizio della rivolta popolare del 1956 contro la repressione sovietica, iniziata nella capitale Budapest e diffusasi in tutto il Paese.

Orbán, sostenitore di una forma alternativa di governo populista che definisce "democrazia illiberale", ha a lungo utilizzato la festività per radunare i suoi sostenitori.

Manifestanti contro Viktor Orbán: critica al governo

E intanto il premier ungherese, considerato uno degli alleati del presidente russo Vladimir Putin nell'Ue, lunedì ha dovuto affrontare l'opposizione dei cittadini.

Diverse migliaia di manifestanti hanno riempito le strade di Budapest per opporsi alle politiche del suo governo. 

La folla ha anche raggiunto l'ambasciata russa nella capitale per criticare le continue relazioni dell'Ungheria con la Russia nonostante il conflitto di Mosca con l'Ucraina.

I manifestanti hanno anche affermato che l’attuale leadership sottovaluta gli insegnanti nelle scuole pubbliche e sta provocando una carenza di educatori.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Consiglio europeo, aumenta la pressione sull'Ungheria

Il paradosso dell'Ungheria: il governo Orbán apre alla manodopera straniera

Ungheria: gli influencer portano in piazza migliaia di persone contro gli abusi su minori