EventsEventiPodcast
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Ungheria, 15 Paesi Ue sostengono l'azione contro la legge anti-LGBT

Una manifestazione a favore dei diritti LGBT
Una manifestazione a favore dei diritti LGBT Diritti d'autore Laszlo Balogh/AP
Diritti d'autore Laszlo Balogh/AP
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Quindici Paesi membri dell'Unione europea hanno fatto sapere di sostenere l'azione contro la legge anti-LBGT approvata in Ungheria

PUBBLICITÀ

Quindici Paesi dell'Unione Europea si sono uniti in una causa legale contro la legge ungherese sulla protezione dell'infanzia, ampiamente criticata come anti-LGBT. Si tratta di Belgio, Lussemburgo, Paesi Bassi, Portogallo, Austria, Irlanda, Danimarca, Malta, Spagna, Svezia, Finlandia, Slovenia, Francia, Germania e Grecia, che insieme al Parlamento europeo agiranno come parti terze nella causa intentata lo scorso anno dalla Commissione europea.

Il termine per aderire alla causa è scaduto il 6 aprile

"Rimaniamo fermi nel nostro impegno per una società inclusiva e per l'uguaglianza per tutti", ha dichiarato il ministero degli Affari Esteri del Belgio, che aveva guidato l'azione legale contro la normativa. La legge ungherese, approvata nel giugno del 2021, contiene una disposizione che vieta o limita fortemente le rappresentazioni dell'omosessualità e del cambiamento di genere nei contenuti dei media e nel materiale educativo rivolto a un pubblico di età inferiore ai 18 anni.

Ciò ha scatenato forti reazioni politiche, con Paesi che hanno firmato lettere congiunte e primi ministri che hanno espresso apertamente il loro malcontento nei confronti del loro omologo ungherese, Viktor Orbán. Il primo ministro olandese Mark Rutte si è spinto fino a suggerire che se l'Ungheria procederà con i piani "per quanto mi riguarda, non ci sarà più nulla per loro nell'UE".

La legislazione è stata inoltre posta sotto accusa per aver confuso la pedofilia con l'omosessualità, dato che lo scopo dichiarato del testo è quello di rafforzare la protezione dei bambini contro gli autori di reati sessuali.

Questa legge "va contro i valori dell'Unione europea"

La Commissione europea, che controlla la compatibilità delle leggi nazionali con le norme dell'UE, ha chiesto all'Ungheria di spiegare perché il divieto di contenuti LGBT fosse necessario per raggiungere gli obiettivi principali della legge. Non convinta dalle risposte di Budapest, l'esecutivo dell'UE ha avviato una procedura di infrazione, sostenendo che la norma viola i diritti fondamentali e diversi regolamenti del mercato unico.

"Questo disegno di legge ungherese è una vergogna", aveva dichiarato senza mezzi termini la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen nel 2021. "Questa legge - aveva aggiunto - discrimina chiaramente le persone sulla base del loro orientamento sessuale e va contro tutti i valori fondamentali dell'Unione Europea: la dignità umana, l'uguaglianza e i diritti fondamentali dell'uomo. Quindi non scenderemo a compromessi su questi principi".

L'Ungheria si era rifiutata di modificare la legge

Poiché l'Ungheria si era rifiutata di fare marcia indietro, nel luglio dello scorso anno la Commissione ha avviato un'azione legale alla Corte di giustizia europea (CGE), che ha il potere di imporre modifiche alla legislazione nazionale. "La legge ungherese viola il diritto dell'UE, i diritti fondamentali e i valori dell'UE. Abbiamo rinviato l'Ungheria alla Corte di giustizia europea e ora spetta ad essa pronunciarsi sul caso", ha dichiarato a Euronews un portavoce della Commissione europea.

In risposta alla notizia, Budapest ha promesso di sostenere ancora la norma, appoggiandosi su un referendum del 2022 che ha mostrato un ampio sostegno alla posizione del governo, anche se non ha raggiunto il quorum  necessario di voti validi. "Per noi la questione della protezione dei bambini non conosce compromessi, proteggeremo i nostri figli", ha dichiarato questa settimana Péter Szijjártó, ministro degli Affari esteri ungherese.

Il ministro degli Esteri di Budapest: "Difenderemo i nostri bambini"

"Non si tratta di una semplice decisione del governo, né di una decisione parlamentare, ma è la volontà del popolo, espressa in un referendum e non conosciamo una decisione di livello superiore in una democrazia. Perciò, ovviamente, ci schiereremo a favore della protezione dell'infanzia, della tutela dei bambini ungheresi, indipendentemente dal numero di Paesi che decideranno di unirsi alla causa in corso contro di noi". L'elenco degli Stati che partecipano alla causa legale ha una componente marcatamente occidentale, il che riflette il lungo divario tra Ovest e Est per quanto riguarda la tutela dei diritti LGBT+ in Europa.

L'Italia, l'Estonia, la Lettonia e Cipro, i cui leader avevano firmato nel 2021 una lettera collettiva di denuncia della legge ungherese, ma non hanno aggiunto il loro nome alla causa. Al contrario, la Slovenia, che l'anno scorso è diventata il primo Paese ex comunista a consentire alle coppie omosessuali di sposarsi e adottare, ha optato per questa volta.

L'Italia non si è unita all'azione legale

Non è chiaro se altri Stati membri possano ancora partecipare alla causa dopo la scadenza del termine, che era già stato prorogato. Tuttavia, la presenza di 15 Paesi è qualcosa di "rivoluzionario", afferma Katrin Hugendubel, direttrice dell'advocacy di ILGA-Europe, una Ong che raggruppa oltre 600 enti in Europa e Asia centrale.

"Dimostra chiaramente che la maggior parte dei Paesi dell'Unione europea desidera intraprendere passi attivi per garantire l'effettivo rispetto del diritto comunitario e dei diritti fondamentali di tutti i cittadini dell'Unione", ha dichiarato Hugendubel a Euronews. "Pur consapevoli che l'Ungheria può ignorare la violazione, continueremo a monitorare l'attuazione della legge anti-LGBTI per sostenere la comunità ungherese e documentare le violazioni dei diritti umani".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Mostra fotografica Lgbt vietata ai minori

Essere giovani e trans in Europa

Budapest, Orbán dalla conferenza dei 'conservatori': "Grazie a George Soros"