EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Ungheria, botta e risposta sulla legge anti LGBT: "Chi la critica, è fazioso"

Legge anti LGBT in Ungheria
Legge anti LGBT in Ungheria Diritti d'autore Euronews
Diritti d'autore Euronews
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Legge anti LGBT nelle bufera. Si moltiplicano le voci contro la normativa, approvata dal Parlamento ungherese

PUBBLICITÀ

Il 15 giugno il Parlamento ungherese ha adottato la legge anti LGBT, ieri - dopo la bufera innescata in Europa dal provvedimento - il presidente János Áder ha apposto la sua firma. Legge licenziata, insomma, nonostante la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen abbia definito la legge una vergogna e il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres abbia aggiunto che qualsiasi discriminazione non sarà tollerata.

In più: con una nota ufficiale, il governo ungherese ha definito le critiche nei confronti della legge 'un'opinione politica faziosa'. Opinione condivisa, in ogni caso, da 17 paesi dell'Unione europea.

La normativa, che ha come obiettivo dichiarato principale la lotta alla pedofilia, include anche alcuni passaggi sull'accesso alle informazioni da parte dei minori.

Gli emendamenti al centro delle polemiche vietano altre forme di rappresentazione di orientamento sessuale oltre all’eterosessualità, nei programmi di educazione sessuale nelle scuole, nei film e nelle pubblicità rivolte ai minorenni.
Con la nuova legge sarà dunque anche possibile vietare ai minori libri e film  parlino di omosessualità e non sarà permessa la diffusione di campagne pubblicitarie pro Lgbt rivolte ai ragazzi.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Nuova consultazione nazionale in Ungheria: raffica di domande con risposte (quasi) a senso unico

L'Ungheria approva una legge che vieta la "propaganda omosessuale" nelle scuole e nella pubblicità

Ungheria: primo dibattito politico in circa 20 anni, accuse alla Tv pubblica di "falsità"