EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Essere giovani e trans in Europa

Le normative per i trattamenti delle persone trans variano sensibilmente da Stato a Stato in Europa
Le normative per i trattamenti delle persone trans variano sensibilmente da Stato a Stato in Europa Diritti d'autore AP Photo
Diritti d'autore AP Photo
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La possibilità di accedere a trattamenti e cure, così come quella di essere accettati, varia da Paese a Paese. Ma anche da regione a regione all'interno delle nazioni dell'Unione europea

PUBBLICITÀ

A soli due mesi dal compimento del diciottesimo anno di età e a più di un anno da quando ha iniziato a mettere in discussione il suo genere, Alex è diventato la persona più giovane ad accedere all'assistenza sanitaria trans presso la sua clinica in Francia.

"Ero molto felice - spiega a Euronews - e sollevato perché era un momento cruciale. Avevo appena finito il liceo... era una fase molto importante per me, perché la mia voce stava iniziando a cambiare. Ero a metà del primo semestre all'università e mi sentivo molto sollevato dal fatto di poter provare a vivere senza che la gente si accorgesse che sono trans".

Il processo di accesso agli ormoni per Alex - al quale abbiamo attribuito un nome di fantasia - è stato relativamente semplice. In Francia, i minorenni possono accedere a tali trattamenti, come i bloccanti della pubertà o il trattamento ormonale sostitutivo (HRT). Ma la maggior parte degli operatori sanitari richiede una valutazione psicologica, un processo che può richiedere anche diversi anni.

Alex è stato in grado di ottenere rapidamente i requisiti grazie al sostegno dei genitori e alla sua età. Ma per altri la trafila potrebbe risultare più complessa. C'è chi deve attendere anche un anno per un primo appuntamento in Francia.

Un anno particolarmente difficile per la comunità LGBTQ+

Per altri giovani dell'Unione europea, l'esperienza di essere transgender varia notevolmente a seconda del luogo in cui vivono. A febbraio, la Spagna ha approvato una legge che consente a chiunque abbia più di 16 anni di autodichiarare il proprio genere. Nello stesso mese, la Svezia ha deciso di bloccare la terapia ormonale per i minori di 18 anni, tranne in rari casi.

Mentre la Finlandia ha eliminato l'obbligo di sterilizzare gli adulti prima di cambiare i propri segni distintivi di genere, in Croazia si è discusso di concedere l'assistenza per l'affermazione di genere solo alle persone di età superiore ai 21 anni.

L'anno scorso è stato anche uno dei più violenti in quasi un decennio per la comunità LGBTQ+ europea, in particolare per le persone trans, "sia attraverso attacchi pianificati e feroci che attraverso suicidi sulla scia di un crescente e diffuso odio", sottolinea l'ILGA, la più grande organizzazione europea per i diritti LGBTQ+.

Nel 2022, un uomo trans è stato ucciso durante un evento Pride in Germania. Nello stesso anno, una donna trans è stata uccisa in Estonia. E una donna cis (una persona che si identifica con il genere che le è stato assegnato alla nascita) è stata uccisa in Georgia perché scambiata per un uomo trans.

Ci sono stati anche almeno due attacchi a bar LGBTQ+: uno, che ha ucciso due persone e ne ha ferite 20, a Oslo; e un altro a Bratislava, in cui sono state uccise due persone. "Questo fenomeno non riguarda solo i Paesi in cui è diffuso l'odio per la comunità, ma anche quelli in cui si ritiene che le persone LGBTI siano progressivamente accettate", ha dichiarato Evelyne Paradis, direttore esecutivo di ILGA-Europe.

L'organizzazione ha aggiunto che l'Irlanda, la Spagna, la Norvegia, la Polonia, il Regno Unito e la Svizzera sono solo alcuni dei Paesi che hanno registrato un aumento del numero di persone che hanno adottato comportamente aggressivi nei confronti delle persone trans lo scorso anno.

Il peggior Paese in Europa per l'accesso alle cure mediche per i trans

Anche l'accesso ai trattamenti sanitari rispettosi del genere per i transgender - in particolare per i minori - varia a seconda del luogo in cui si vive in Europa. In Irlanda è quasi impossibile per chiunque abbia meno di 17 anni accedere all'assistenza sanitaria per i trans, anche se è legalmente in grado di farlo. Questo nonostante l'Irlanda sia uno dei soli undici Paesi in Europa che permettono alle persone di autodichiarare il proprio genere. Inoltre, il Paese prevede una procedura per il riconoscimento legale del proprio genere da parte dei minori.

Secondo Transgender Europe [TGEU], il più grande gruppo per i diritti dei trans in Europa, è anche il peggior posto per l'accesso all'assistenza sanitaria per i trans nell'Unione Europea, dopo Ungheria e Polonia.

Al centro di questa contraddizione c'è l'arretratezza medica del Paese. Se in teoria i giovani hanno il diritto di accedere alle cure, in pratica chi cerca di entrare nel sistema sanitario deve affrontare una lista d'attesa di sette anni. Ciò significa che per molti l'accesso è praticamente precluso fino all'età adulta. "In Irlanda non c'è alcuna assistenza sanitaria per i ragazzi trans che rispetti il genere", ha dichiarato a Euronews Moninne Griffith, amministratore delegato dell'organizzazione giovanile LGBTQ+ irlandese BeLonG To.

"Ho sentito - ha aggiunto - che alcuni giovani e i loro genitori, per pura disperazione, stanno cercando di accedere all'assistenza sanitaria all'estero e online. La ragione dell'arretratezza, secondo Griffith, è una combinazione di effetti della Brexit, transfobia e caratteristiche del sistema sanitario del Paese, tra le altre cose.

Prima dell'uscita del Regno Unito dall'UE, l'Irlanda si affidava in larga misura a cliniche con sede nel Regno Unito grazie al programma di trattamento all'estero (TAS) dell'Unione Europea che consente ai pazienti di farsi curare in un altro Stato membro e di essere comunque garantiti dalla propria copertura sanitaria nazionale. Con la Brexit, questo percorso è stato interrotto. Griffith ha aggiunto che, poiché la comunità trans in Irlanda è così piccola, la questione non rappresenta una priorità.

L'accesso ai trattamenti per l'affermazione di genere in Spagna

Per i giovani spagnoli la situazione è molto diversa. Nel febbraio 2023, il Paese ha approvato una normativa che ha ampliato notevolmente i diritti della comunità LGBTQ+, in particolare della comunità trans. La cosiddetta "legge sui transgender" ha snellito il procedimento che consente a chiunque abbia più di 16 anni di cambiare il genere sui propri documenti d'identità.

In precedenza, le persone dovevano sottoporsi a trattamenti medici per due anni e avere una diagnosi medica  prima di poter effettuare la modifica. Secondo il TGEU, la Spagna è anche il secondo posto in Europa per l'accesso all'assistenza sanitaria trans, dopo Malta.

Secondo Uge Sangil, presidente di FELGTBI+, la più grande organizzazione LGBTQ+ spagnola, nella maggior parte del Paese il protocollo di accesso alle cure per i giovani è relativamente semplice. Il medico di famiglia può indirizzarli a una clinica che li aiuterà ad accedere ai trattamenti desiderati, che siano bloccanti della pubertà o ormoni.

PUBBLICITÀ

E se sono molto giovani, possono anche cambiare facilmente il loro nome sul registro della scuola, anche prima di poter cambiare legalmente i loro documenti d'identità.

Ma nonostante questo, alcune persone - in particolare i giovani - possono ancora incontrare difficoltà, a seconda della zona in cui vivono. L'assistenza sanitaria in Spagna è gestita su base locale, il che significa che le regole sull'assistenza sanitaria trans variano a seconda della regione. In luoghi come la Castilla y León, parzialmente controllata dal partito di destra radicale Vox, l'accesso non è garantito.

Secondo Sangil, "Castiglia y León è uno dei posti peggiori in Spagna per accedere all'assistenza sanitaria di genere. E questo perché non esiste un protocollo che permetta alle persone di farlo". Quindi, in teoria, le persone in Castilla y León hanno "accesso a un medico generico endocrinologo e possono fare i trattamenti, ma non c'è alcuna garanzia che questo accada davvero".

Questo perché, secondo Sangil, l'accesso all'assistenza sanitaria per i giovani di questa regione dipende dalla volontà dei singoli medici.

Non è una questione di ormoni

In tutta l'Unione Europea - e negli Stati Uniti - i minori transgender stanno diventando un argomento di discussione importante per i **media.**Secondo Alex, però, se da un lato la maggior parte del dibattito riguarda la terapia ormonale sostitutiva, dall'altro si ignorano regolarmente parti importanti dell'esperienza vissuta dai giovani trans. E se l'accesso agli ormoni è importante, ci sono anche altri modi per aiutare i giovani.

PUBBLICITÀ

"La maggior parte delle volte ci sentiamo male perché le persone non ci riconoscono per quello che siamo", ha detto. "E credo che questa sia la parte più importante dell'essere trans. Non si tratta di ormoni. Penso che se le persone potessero semplicemente dire 'sono un uomo', e le altre persone potessero rispondere 'sei un uomo', sarebbe molto più facile per noi".

"Per me, credo che quando la mia famiglia ha iniziato ad accettare il mio genere e a chiamarmi con i nomi giusti, credo che questo abbia fatto metà o più del lavoro. È stato fantastico".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Germania, un passo avanti per i diritti delle persone transgender

Republika Srpska, ancora troppo razzismo verso gli omosessuali

Ungheria, 15 Paesi Ue sostengono l'azione contro la legge anti-LGBT