Ecco i numeri chiave sulla migrazione verso l'Ue che serve conoscere

Rescued migrants sit covered in blankets at a beach near Cutro, southern Italy.
Rescued migrants sit covered in blankets at a beach near Cutro, southern Italy. Diritti d'autore Antonino Durso/Antonino Durso/LaPresse
Diritti d'autore Antonino Durso/Antonino Durso/LaPresse
Di Alice Tidey
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La migrazione è tornata in cima all'agenda dell'Unione europea, causa innumerevoli tentativi di sbarco

PUBBLICITÀ

Due naufragi mortali nel Mediterraneo nelle ultime settimane hanno mantenuto ferma l'attenzione dell'Unione Europea sulla migrazione, tornata in cima all'agenda dell'Ue.

Ecco un riepilogo della migrazione verso l'Unione europea nel 2022.

Arrivi irregolari

Circa **330.000 attraversamenti irregolari **sono stati rilevati ai confini, massimo numero dal 2016.

I Balcani occidentali e Mediterraneo orientale sono stati i principali punti di accesso, con un aumento rispettivamente del 136% e del 108%. 

La sola rotta dei Balcani occidentali ha rappresentato il 45% di tutti gli ingressi irregolari nel 2022.

Nel frattempo, la pericolosa rotta del Mediterraneo centrale ha rappresentato quasi un terzo di tutti questi arrivi (+51% su base annua).

I cittadini di Siria, Afghanistan e Tunisia sono stati i più frequentemente segnalati: purtroppo, si ritiene che circa 2.500 persone siano morte nel tentativo di raggiungere l'Ue.

Richieste di asilo

Sono state avanzate 966.000 nuove richieste di asilo l'anno scorso, con un aumento del 50% rispetto al 2021.

Siriani, afghani, turchi, venezuelani e colombiani erano i più numerosi: anche le autorità hanno notato

un aumento delle domande da Paesi ritenuti "sicuri".

È stato anche il conteggio più alto registrato dall'Agenzia dell'Ue per l'asilo (EUAA) dal 2016, essendo state presentate oltre 1,2 milioni di domande.

L'Agenzia ha affermato che le richieste hanno raggiunto i livelli più alti "mai registrati" per un'ampia gamma di nazionalità nel 2022, inclusi cittadini provenienti da India, Burundi, Marocco, Tunisia, Egitto, Repubblica Democratica del Congo, Perù, Moldavia, Yemen, Bielorussia e Cuba.

Le cifre del 2022 escludono la stragrande maggioranza dei quattro milioni di rifugiati ucraini che sono fuggiti dalla guerra in Russia e le cui domande sono state trattate separatamente attraverso la direttiva sulla protezione temporanea.

Rimpatri

Ogni anno, secondo la Commissione europea, a circa 500.000 cittadini stranieri viene ordinato di lasciare il blocco perché sono entrati o soggiornano irregolarmente. Tuttavia, solo il 30% circa di loro ritorna nel proprio paese d'origine o nel paese da cui ha viaggiato verso l'Ue.

L'anno scorso, Frontex ha effettuato rimpatri per poco meno di 25.000 persone, un nuovo record. 

Circa il 40% ha lasciato l'Ue volontariamente.

Ma il blocco vuole aumentare quel numero: la commissaria per gli Affari interni, Ylva Johansson, ha osservato a gennaio che "il problema è che gli Stati membri fanno richieste di riammissione solo per circa il 10-20% delle decisioni di rimpatrio, Frontex sta inviando aerei vuoti nei Paesi di origine che sono disposti a riprendersi i propri cittadini".

Lo scorso anno, è stato nominato un coordinatore per i rimpatri dell'Ue, per stabilire una strategia operativa comune sui rimpatri e aumentare la cooperazione tra gli Stati membri e Frontex.

PUBBLICITÀ

Migrazione legale

Nel frattempo, l'anno scorso circa tre milioni di persone al di fuori dell'Ue si sono stabilite legalmente nel blocco.

Ciò è più o meno in linea con i livelli pre-pandemia, poiché si stima che 2,7 milioni di persone provenienti da Paesi non Ue siano immigrate in uno dei 27 Paesi del blocco.

Spagna, Germania e Francia sono state le mete privilegiate, accogliendo nel blocco il 28% di tutti gli immigrati provenienti da Paesi extra Ue, secondo i dati Eurostat.

Lo scorso anno, la Commissione ha proposto di creare più percorsi legali per i migranti qualificati, che secondo lei dovrebbero contribuire a colmare le lacune di competenza e la carenza di manodopera, ma anche a ridurre l'immigrazione clandestina.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Sabato da record, salvati oltre 1200 migranti in mare aperto dalla Guardia costiera italiana

Se non Ursula, chi? Sette in lizza per la presidenza della Commissione

Zaporizhzhia probabilmente non salterà in aria, ma l’Europa è comunque pronta al peggio