EventsEventi
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

L'India riduce il tasso di emissioni di un terzo in 14 anni, il Paese sulla buona strada per raggiungere l'obiettivo delle Nazioni Unite

Ciminiere di una centrale elettrica a carbone a Nuova Delhi, India, luglio 2017.
Ciminiere di una centrale elettrica a carbone a Nuova Delhi, India, luglio 2017. Diritti d'autore REUTERS/Adnan Abidi/File Photo
Diritti d'autore REUTERS/Adnan Abidi/File Photo
Di Euronews Green Agenzie:  Reuters
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Il tasso di emissioni di gas serra dell'India è diminuito di un terzo in 14 anni.

PUBBLICITÀ

Secondo due funzionari che hanno visto l'ultima valutazione presentata alle Nazioni Unite, il calo è stato più rapido del previsto ed è dovuto all'aumento della produzione di energia rinnovabile e della copertura forestale.

I risultati del rapporto mostrano che l'India è sulla buona strada per rispettare l'impegno assunto con la Convenzione delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici(UNFCCC) di ridurre l'intensità delle emissioni del 45% rispetto al livello del 2005 entro il 2030.

Il tasso di intensità delle emissioni dell'India, ovvero la quantità totale di emissioni di gas serra emesse per ogni aumento unitario del prodotto interno lordo (PIL), è diminuito del 33 per cento dal 2005 al 2019, hanno dichiarato i funzionari a conoscenza dei preparativi del rapporto sulla Terza Comunicazione Nazionale (TNC).

Molti Paesi stanno preparando i loro rapporti TNC per aggiornare l'UNFCCC sui loro sforzi per mitigare le emissioni.

L'India ha raggiunto la più rapida riduzione del tasso di emissioni di sempre

Il tasso medio di riduzione delle emissioni dell'India è salito al 3% annuo nel periodo 2016-2019, rispetto all'1,5% circa del periodo 2014-2016.

Si tratta della riduzione più rapida finora registrata, in gran parte attribuibile alla spinta del governo verso le energie rinnovabili, anche se i combustibili fossili continuano a dominare il mix energetico del Paese.

"La continua riduzione dell'intensità delle emissioni dell'economia indiana dimostra che il Paese è riuscito a rendere completamente indipendente la crescita economica dalle emissioni di gas serra", ha dichiarato all'agenzia di stampa Reuters un funzionario, chiedendo di rimanere anonimo.

I progressi compiuti nella riduzione dell'intensità delle emissioni dovrebbero aiutare l'India a evitare le pressioni dei Paesi sviluppati affinché smettano di usare il carbone, ha detto il secondo funzionario.

La copertura forestale e l'idrogeno verde aiutano l'India a ridurre le emissioni

Il funzionario ha dichiarato che un aumento sostanziale della copertura forestale e i programmi che promuovono le energie rinnovabili hanno portato a una forte riduzione dell'intensità delle emissioni in India.

Nel 2019, le foreste e gli alberi coprivano il 24,56% dell'India, ovvero 80,73 milioni di ettari.

Recentemente, l'India ha anche cercato di promuovere l'idrogeno verde, prodotto dalla scissione delle molecole d'acqua utilizzando energia rinnovabile.

Le energie rinnovabili rappresentano più di un quarto della produzione di energia elettrica in India

I dati dell'Autorità centrale per l'energia elettrica mostrano che l'energia non basata sui combustibili fossili, compresi l'idroelettrico, il nucleare e le energie rinnovabili, ha rappresentato il 25,3% della produzione totale di energia elettrica dell'India nell'anno fiscale conclusosi a marzo, rispetto al 24,6% di tre anni prima.

Le centrali termiche forniscono ancora il 73% dell'elettricità consumata, una cifra in calo rispetto al 75% circa del 2019.

Il mese scorso le principali economie del G20 non sono riuscite a trovare un accordo sulla graduale eliminazione dell'uso dei combustibili fossili e sulla definizione di obiettivi concreti per la riduzione delle emissioni.

I Paesi in via di sviluppo, tra cui l'India, si oppongono a obiettivi di riduzione delle emissioni più elevati, sostenendo che l'uso illimitato dei combustibili fossili da parte delle nazioni industrializzate ha esaurito le risorse.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le inondazioni non risparmiano l'India

Perché una città spagnola vuole che i ciclisti siano assicurati

Crisi climatica, minaccia da alluvioni e siccità un europeo su otto: oltre 5mila morti dal 1980