EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Vivere vicino a uno spazio verde può "ringiovanire"

Un nuovo studio ha scoperto che vivere vicino a spazi verdi può rendere biologicamente più giovani.
Un nuovo studio ha scoperto che vivere vicino a spazi verdi può rendere biologicamente più giovani. Diritti d'autore Canva
Diritti d'autore Canva
Di Charlotte Elton
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Vivere vicino a un parco potrebbe essere una vera e propria "fonte della giovinezza"

PUBBLICITÀ

Un nuovo studio ha dimostrato che avere accesso a parchi e giardini comunitari nel proprio quartiere può rallentare l'invecchiamento biologico.Un team di ricerca congiunto spagnolo e americano ha scoperto che le persone che vivono in prossimità di spazi verdi sono in media biologicamente più giovani di 2,5 anni rispetto agli altri.

"Vivere in prossimità di spazi verdi può aiutare a essere più giovani della propria età reale", ha dichiarato Kyeezu Kim, autore principale dello studio. "Riteniamo che i nostri risultati abbiano implicazioni significative per la pianificazione urbana in termini di espansione delle infrastrutture verdi per promuovere la salute pubblica e ridurre le disparità sanitarie".

Come fanno gli scienziati a misurare l'età biologica?

Questo nuovo studio ha analizzato l'impatto dei parchi sull'età biologica. Il team ha analizzato un tipo di modifica chimica del DNA nota come "metilazione". La "metilazione" è un processo chimico che avviene nel nostro DNA.

Alcuni schemi di metilazione del DNA tendono a cambiare con l'avanzare dell'età e questi cambiamenti possono essere utilizzati per stimare l'età biologica di una persona a livello molecolare, un fenomeno noto come "orologio epigenetico". Controllando questo "orologio", gli scienziati possono prevedere le probabilità di un attacco di cuore, di un cancro o di un declino cognitivo.

In che modo visitare un parco fa tornare indietro l'orologio epigenetico?

Il dottor Kim e il suo team hanno analizzato gli indirizzi di casa di 924 persone in quattro città degli Stati Uniti per 20 anni, dal 1986 al 2006, per determinare la vicinanza alla vegetazione e ai parchi.

Hanno abbinato questi dati a campioni di sangue prelevati nello stesso periodo, controllando altre variabili come l'istruzione, il reddito e i fattori di rischio come il fumo.

I risultati sono evidenti. Un gruppo di intervistati viveva in indirizzi circondati dal 20% di copertura verde nel raggio di 5 km. Erano biologicamente più vecchi di circa 2,5 anni rispetto a quelli le cui case erano circondate dal 30% di copertura verde.

canva
Green spaces can reduce your biological age, a new study has found.canva

Un maggior numero di interazioni sociali e un maggiore esercizio fisico sono in parte responsabili di questa disparità di età biologica.

Secondo gli autori dello studio, il legame tra invecchiamento epigenetico e spazi verdi era ancora più forte nelle persone provenienti da quartieri svantaggiati.

Quali altri benefici per la salute hanno gli spazi verdi?

I benefici per la salute derivanti dalla frequentazione della natura urbana sono ben documentati.

Secondo uno studio finlandese pubblicato nel gennaio di quest'anno, frequentare degli spazi verdi riduce di un terzo e di un quarto, rispettivamente, le probabilità che un abitante della città debba assumere farmaci contro l'asma o l'ipertensione.

Frequentare i parchi può anche ridurre drasticamente l'uso di farmaci per la salute mentale, facendolo crollare del 33%.

"Questo studio fornisce indicazioni preziose di cui gli urbanisti e i responsabili delle decisioni devono tenere conto, soprattutto nelle discussioni in corso sulle strategie abitative", ha dichiarato la dottoressa Mirjam Schindler, docente di Geografia umana alla Victoria University di Wellington.

"La vicinanza agli spazi verdi è la chiave per sbloccare i loro effetti sulla salute, compreso il potenziale di rallentare l'invecchiamento epigenetico".

Gli spazi verdi fanno bene al pianeta

Gli spazi verdi sono sempre più importanti a causa del cambiamento climatico.

Le aree urbane si comportano come "isole di calore" durante il periodo estivo, perché il cemento e l'asfalto assorbono i raggi solari. Durante le ondate di calore, la temperatura a Parigi può salire fino a 10 gradi Celsius in più rispetto alle zone di campagna circostanti.

Un numero sempre maggiore di persone vive nelle città. Più della metà della popolazione mondiale vive oggi in aree urbane e si prevede che questa percentuale salirà al 68% entro il 2050.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gli Stati Uniti emettono la prima multa per spazzatura spaziale, satellite nel posto sbagliato

Perché le zone a basse emissioni mostrano l'impatto dell'Ue sulla nostra vita

Una spettacolo sulla crisi climatica alimentato da speciali cyclette