Caccia alle balene alle Isole Faroe: inutile mattanza o tradizione?

Fishermen and volunteers pull on the shore pilot whales they killed during a hunt, as blood turned the sea red, on May 29, 2019 in Torshavn, Faroe Islands.
Fishermen and volunteers pull on the shore pilot whales they killed during a hunt, as blood turned the sea red, on May 29, 2019 in Torshavn, Faroe Islands. Diritti d'autore ANDRIJA ILIC/AFP or licensors
Diritti d'autore ANDRIJA ILIC/AFP or licensors
Di Joshua Askew
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Secondo alcuni si tratta di una pratica crudele e non necessaria, altri invece la considerano parte integrante della vita dell'isola.

PUBBLICITÀ

La caccia annuale alle balene nelle Isole Faroe è iniziata, e con essa, come ogni anno, anche la condanna dei gruppi animalisti. Due cacce alla balena si sono svolte nelle isole del Nord Atlantico l'8 e il 15 maggio, nel corso delle quali sono stati uccisi circa 60 mammiferi. Altre cacce sono previste durante tutto l'anno.

John Hourston, del gruppo di attivisti Blue Planet Society, ha dichiarato a Euronews che "centinaia" di balene potrebbero essere "macellate", in una pratica "crudele". Gli animali vengono rinchiusi in un fiordo e poi trascinati a riva con uncini e "macellati" uno a uno. Arpioni, armi da fuoco ora vietate in mare, lame e punte vengono utilizzate per creare ferite terribili, fino alla morte degli animali.

Gli isolani sostengono ampiamente il "grindadráp" (come viene chiamato in faroese), definendolo una tradizione culturale. Dicono di aver cacciato le balene per secoli, e che la loro carne e il loro grasso fanno parte integrante della dieta locale.

Le Isole Faroe sono un territorio indipendente della Danimarca, circa 300 km a nord del Regno Unito. Sebbene le balene siano protette dalla legge dell'UE e del Regno Unito, lo status autonomo dell'isola significa che può stabilire le proprie leggi e regole.

"Non c'è assolutamente bisogno di questo livello di crudeltà in un paese che ha uno stipendio medio di circa 60.000 dollari all'anno e una dozzina di supermercati con catene di approvvigionamento globalizzate", ha affermato Hourston. “È uno sport sanguinario, praticato per puro divertimento”.

Le prove della caccia alle balene nelle Isole Faroe risalgono all'800 d.C., con cacce presenti prevalentemente nell'arte e nella letteratura faroese. Alcuni vedono le campagne straniere contro di essa come una forma di imperialismo culturale imposto alla loro piccola popolazione di 50.000 abitanti.

“Spiagge assassine”

Le cacce possono essere molto lunghe e angoscianti per questi mammiferi altamente sociali, che possono stare con i loro familiari per tutta la vita.

"L'intero processo di caccia e uccisione può richiedere la maggior parte di una giornata", afferma Hourston, secondo cui il rumore delle barche, tra cui moto d'acqua e motoscafi, mette l'animale in uno "stato di terrore", prima che diversi uomini si lancino su di lui e "gli taglino la gola". "Gli altri membri della famiglia aspettano in un bagno di sangue di essere trascinati a loro volta sulla spiaggia", ha aggiunto Hourston.

In una dichiarazione inviata a Euronews, il ministero degli Affari esteri, dell'industria e del commercio delle Isole Faroe ha definito il metodo di uccisione - tagliare il collo della balena per recidere il midollo spinale - umano e rapido. Ha detto che una lancia speciale, progettata da un veterinario faroese, uccide l'animale in "1-2 secondi", grazie alla quale "in teoria un intero branco di balene viene ucciso in meno di quindici minuti".

Non c'è dubbio che le caccia alle balene faroesi sia uno spettacolo drammatico per le persone che non hanno familiarità con queste cacce.
Ministero degli Affari esteri delle isole Faroe

Tuttavia, la mattanza delle balene può essere molto grafico, con l'intero mare che diventa rosso cremisi.

"Non c'è dubbio che le caccia alle balene faroesi sia uno spettacolo drammatico per le persone che non hanno familiarità con queste cacce e con il massacro di mammiferi", ha affermato il ministero. "Queste cacce alle balene sono, tuttavia, ben organizzate e completamente regolamentate".

Gli attivisti della Blue Planet Society, invece, denunciano una regolamentazione assolutamente insufficiente. “Li massacrano all'esterno con persone non addestrate. Si cerca di paragonarlo a un macello regolamentato per animali da fattoria, ma non è niente del genere", ha detto Hourston.

L'anno scorso, 1.400 delfini sono stati uccisi durante una caccia, scatenando una protesta internazionale. 

Circa 700 balene vengono uccisi in media dagli isolani ogni anno, riferisce l'organizzazione internazionale per la conservazione marina Ocean Care.

La specie non è minacciata, ma queste mattanze si inseriscono in un contesto di tensione per la biodiversità, che continua il suo declino sul nostro pianeta. Le popolazioni di animali selvatici sono crollate del 69% dal 1970, secondo il Living Planet Report 2022 del World Wildlife.

Se permettiamo una tale stravaganza, dove un paese ricco può fare questo a belle creature intelligenti, chiaramente non vinceremo la battaglia contro il cambiamento climatico e la crisi della biodiversità.
John Hourston
Blue Planet Society

"Siamo in una crisi di biodiversità climatica e questa piccola isola autonoma pensa che sia giusto uccidere questi animali nel modo più orrendamente crudele possibile", ha detto Hourston. "Se permettiamo una tale stravaganza, dove un paese ricco può fare questo a belle creature intelligenti, chiaramente non vinceremo la battaglia contro il cambiamento climatico e la crisi della biodiversità".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Caccia, procedura d'infrazione contro l'Italia: le posizioni di cacciatori e animalisti

Scozia, oltre 50 balene morte sull'Isola di Lewis

L'Islanda sospende la caccia alle balene. Plauso degli animalisti