Capitale europea della cultura 2023: a Timisoara cominciano le celebrazioni

frame
frame Diritti d'autore Wikimedia/Hospodarz
Diritti d'autore Wikimedia/Hospodarz
Di euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'onore è condiviso con Eleusi in Grecia e Veszprém in Ungheria

PUBBLICITÀ

Si sono aperte le celebrazioni a Timisoara, (in Romania) che è capitale europea della cultura per il 2023 insieme a Eleusi in Grecia e Veszprém in Ungheria.

Una scelta, quella della Commissione europea, con cui Bruxelles vuole superare i ritardi dovuti alla pandemia degli scorsi anni.  Si prediligono ormai città meno conosciute, strategia volta  a far conoscere luoghi meno noti  e che intende incrementare le presenze turistiche. 

Timișoara è stata preferita alle altre città rumane in gara, Bucarest, Cluj-Napoca e Baia Mare. È la città più grande della Romania occidentale e grazie alla sua posizione geografica è stata sempre favorita negli scambi commerciali. La cittadina è ricca di musei, piazze e strutture architettoniche di rilievo anche storico. Il suo aeroporto, il più importante della Romania dopo quello di Bucarest, offre molteplici collegamenti con l’Italia e altre capitali europee.

Per gli amanti della Grecia antica, Eleusi è una sorpresa solo a metà. I misteri eleusini ci riportano a pagine di storia e letteratura che (forse) non abbiamo mai approfondito abbastanza. L'occasione per andare nella cittadina greca è di quelle da non perdere per vedere anche quel che resta del tempio di quello che fu il più famoso centro iniziatico greco nell'antichità.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Veszprém, Capitale europea della cultura 2023: migliaia di eventi e boom di presenze

Quali sono i paesi europei più poliglotti?

Record Store Day 2024: quali sono le uscite da tenere d'occhio?