Quali sono i paesi europei più poliglotti?

Il 21 febbraio si festeggia la Giornata internazionale della lingua madre
Il 21 febbraio si festeggia la Giornata internazionale della lingua madre Diritti d'autore Euronews
Diritti d'autore Euronews
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Il 21 febbraio si è celebrata la Giornata internazionale della lingua madre. In Europa più della metà della popolazione parla almeno due lingue

PUBBLICITÀ

Il 21 febbraio si festeggia la Giornata internazionale della lingua madre delle Nazioni Unite, omaggio alla diversità culturale e al multilinguismo. Ma quali sono i paesi europei più poliglotti?

Nel complesso, gli europei sono piuttosto bravi nelle lingue: circa il 65% della popolazione del continente parla almeno una lingua diversa dalla propria lingua madre. A titolo di confronto, solo il 20% circa degli adulti negli Stati Uniti è in grado di farlo.

Ma non tutti sono ugualmente dotati, ci sono discrepanze notevoli da paese a paese. I paesi nordici eccellono nel bilinguismo, mentre l'Europa meridionale fatica un po' di più. Forse non sorprende che i paesi in cui l'inglese è la lingua madre non sembrino interessati all'apprendimento di una lingua straniera: il Regno Unito è in fondo alla classifica, con il 34%. Solo il 50% degli irlandesi, inoltre, parla un'altra lingua.

Come si diventa bilingui o poliglotti?

Essere fluenti in diverse lingue è un'abilità spesso elogiata nel mondo professionale (lo è sicuramente nella Torre di Babele di Euronews!). È inoltre un ottimo modo per conoscere culture diverse ed essere in grado di comunicare con persone provenienti da tutto il mondo.

Sono due le strade per diventare bilingui: o si nasce in una famiglia bilingue o si impara una seconda lingua a scuola, o anche più tardi nella vita, ad esempio viaggiando.

Ciò su cui gli specialisti sono concordi è che prima si impara una seconda lingua e più facile è padroneggiarla. Esistono due tecniche principali consigliate dagli esperti di sviluppo linguistico per i genitori.

La prima prevede di insegnare la lingua "secondaria" a casa. Per esempio, due genitori tedeschi che allevano i loro figli in Svezia, a casa parleranno in tedesco, e i figli assorbiranno e diventeranno fluenti nello svedese fuori casa.

L'altra tecnica comune è chiamata "una persona una lingua". Prendendo in considerazione una madre polacca e un padre slovacco che crescono un bambino in Ungheria, la madre parlerà solo polacco al bambino e il padre solo slovacco. Il più delle volte in tali situazioni i genitori useranno un'altra lingua ancora per rivolgersi l'un l'altro, o la lingua del paese in cui vivono, oppure l'inglese (o una delle loro lingue madri).

"I bambini bilingui hanno un ritardo nel parlare". Ebbene, questo assioma è parzialmente vero. I bambini che imparano due lingue (o più) dalla nascita acquisiscono la stessa quantità di vocabolario totale dei loro coetanei monolingue alla stessa età, ma il numero di parole che conoscono è da dividere per due lingue.

Quando ne parlano solo una, quindi, può sembrare che manchi quella che è considerata la normale quantità di vocabolario per quell’età specifica, ma questo sarebbe il caso se conoscessero una sola lingua. Una disparità che svanisce rapidamente, man mano che il bambino continua a crescere.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Capitale europea della cultura 2023: a Timisoara cominciano le celebrazioni

Rendez-vous, il meglio della cultura in Europa: Parigi, Madrid e Copenaghen

Un terzo delle gravidanze in Europa è non intenzionale