This content is not available in your region

Cosa rende unico il suono della Filarmonica di Vienna?

euronews_icons_loading
Cosa rende unico il suono della Filarmonica di Vienna?
Diritti d'autore  euronews
Di Katharina Rabillon

La Filarmonica di Vienna è un'orchestra leggendaria, famosa per il suo suono unico e per i celebri valzer suonati durante il concerto di Capodanno. Ma cosa la rende così speciale? Qual è il segreto del suono viennese?

"La cosa speciale, che in qualche modo tutto il mondo ci invidia, è il ritmo e il modo in cui lo percepiamo - dice Daniel Froschauer, primo violino e presidente della Filarmonica di Vienna -. L'anticipazione della seconda nota che arriva un po' prima, e la terza che arriva un po' dopo. Il tutto unito a una bellissima melodia creata su misura per la nostra orchestra".

Euronews
I primi violini Daniel Froschauer (a sinistra) e Benjamin Morrison (a destra)Euronews

Passione e maestria

Ma il caratteristico suono viennese va ben oltre gli iconici valzer. È stato plasmato anche grazie alla passione e alla maestria artigianale. Il violinista Benjamin Morrison porta regolarmente il suo strumento dal liutaio. Per il neozelandese la cura e la precisione sono fondamentali per preservare il suono dello strumento.

"Noto sempre, soprattutto quando vengono da me i musicisti della Filarmonica di Vienna, che l'attenzione è rivolta alla qualità del suono, a un suono più ricco e a un timbro caldo - ha detto a Musica il liutaio Matthias Wolff -. Si può cambiare il suono in misura incredibile con alcuni piccoli accorgimenti. Innanzitutto il ponte, dove è posizionato, quanto è tagliato.  Nel solo ponticello ci sono tanti elementi che possono avere un effetto enorme sul suono".

Euronews
Benjamin Morrison con il liutaio Matthias Wolff.Euronews

Modellare il suono

Per il clarinettista austriaco Daniel Ottensamer e la fagottista francese Sophie Dervaux è fondamentale plasmare il suono attraverso il modo in cui il musicista suona. "È difficile spiegare l'unicità della Filarmonica di Vienna. Ha molto a che fare con la tradizione, naturalmente, ma non sono sicuro che si tratti semplicemente del suono", dice Ottensamer.

Dervaux concorda: "È qualcosa di speciale. Per esempio, non si suona mai in modo troppo brillante. Si suona in modo molto rotondo, molto morbido". Spiegando la qualità oscura del suono viennese, Ottensamer aggiunge: "Ciò che mi colpisce sempre è la sottigliezza del suono. Si cerca di non suonare in modo troppo diretto in certi passaggi. Le note salgono gradualmente e non sempre hanno un inizio chiaro".

Euronews
Sophie Dervaux, primo fagotto, e Daniel Ottensamer, primo ClarinettoEuronews

Strumenti unici

Alcuni strumenti dell'orchestra sono molto diversi da quelli suonati in altre parti del mondo. "Il clarinetto viennese è costruito con un po' più di legno - dice Ottensamer -. È un po' più spesso, più voluminoso, e quindi crea un suono più scuro. Questo ci porta al suono viennese stesso. Questo suono si fonde particolarmente bene con gli altri strumenti dell'orchestra".

Il suono che producono è così particolare che è diventato oggetto di ricerca accademica. All'Università di Musica e Arti dello Spettacolo di Vienna, Gregor Widholm e il suo team hanno svelato i segreti di uno di questi strumenti unici, il timpano viennese.

"A Vienna e solo a Vienna si usano pelli di capra - dice Widholm -. Queste pelli di capra hanno una caratteristica particolare. Lungo la spina dorsale, la pelle è particolarmente sottile e quindi alcuni modi di vibrazione che si formano sono molto più forti".

Spiegando più in dettaglio, Widholm aggiunge: "Si può vedere molto bene in un grafico 3D, come dopo il battito i ritmi decadano in modo uniforme rispetto al timpano internazionale con la pelle di plastica, che ha intervalli di frequenza più irregolari tra i modi di vibrazione. Ciò significa che la struttura sonora del timpano viennese ha un tono più musicale, mentre il timpano internazionale è più percussivo".

Euronews
Il timpanista Thomas LechnerEuronews

Descrivendo il timbro profondo che il suo strumento produce, il timpanista Thomas Lechner ha dichiarato a Musica: "È un suono che da un lato mi permette concisione ritmica, ma dall'altro si fonde sempre in modo omogeneo con il suono orchestrale. Si può sempre sentire questo battito cardiaco. Quando i suoni degli strumenti dell'orchestra si fondono insieme, questo è per me il suono viennese. Ci sono momenti del concerto in cui ho la sensazione che questo suono mi avvolga il petto come un cappotto caldo e mi tocchi il cuore e l'anima".

La continua ricerca dell'eccellenza

Fin dal XIX secolo, la ricerca perpetua dell'eccellenza è stata forgiata nella sede dell'orchestra, il Musikverein di Vienna. Descrivendo come la sala da concerto abbia contribuito a plasmare lo stile distintivo dell'orchestra, Froschauer afferma: "La Sala d'Oro del Musikverein è la nostra casa e il suono che produciamo qui è semplicemente il nostro suono. Se foste stati nella nostra orchestra nel 1875, avreste suonato all'opera con Verdi. E poi sareste andati al Musikverein e avreste suonato con Richard Wagner. Tutto questo ha influenzato il nostro suono. E questo suono è sempre rimasto. Lo trasmettiamo di generazione in generazione senza parlarne".

Il leggendario maestro e pianista Daniel Barenboim ha un rapporto di lunga data con l'orchestra. "La prima volta che ho suonato con l'orchestra è stato a Salisburgo negli anni '60 - ricorda Barenboim -. Ero seduto al pianoforte, circondato da 60-70 musicisti che suonavano come una comunità. Si trattava di stare insieme e di creare insieme. Era un sogno".

Euronews
Il pianista e direttore d'orchestra Daniel BarenboimEuronews

"Spiritualmente insieme"

Ma cosa si prova a far parte di una delle grandi orchestre riconosciute in tutto il mondo per il suo stile unico? "Qui c'è una sensazione speciale quando dici alla gente che sei un musicista, ti prendono molto sul serio - dice Dervaux -. Non è come altrove, dove se dici 'sono un musicista' la gente ti chiede 'e cos'altro fai per vivere?'". 

Ottensamer aggiunge: "Naturalmente Vienna, come tutti sappiamo, è una capitale mondiale della musica e questa presenza, questa importanza, che la musica ha qui - ma anche la cultura nel suo complesso - è straordinaria. Per questo motivo si ha la sensazione di fare qualcosa di molto speciale, perché qui è così importante". 

"Vienna e tutta l'Austria sono orgogliose della Filarmonica di Vienna e credo che questo sia molto importante - dice Barenboim -. L'orchestra è unica. Quando suonano diventano una cosa sola e questo dà forma a tutto. E questa è la parola più importante: insieme, spiritualmente insieme".