This content is not available in your region

"I maestri cantori di Norimberga" di Wagner al Met di New York

euronews_icons_loading
"I maestri cantori di Norimberga" di Wagner al Met di New York
Diritti d'autore  euronews
Di Katharina Rabillon

Il Metropolitan Opera di New York mette in scena "I maestri cantori di Norimberga" di Wagner, capolavoro epico e opera tra le più lunghe del repertorio. Per l'occasione il maestro Antonio Pappano è tornato sul palco del Met dopo quasi 25 anni. Il Met ha riaperto le sue porte al pubblico dopo la decisione, un anno fa, di cancellare l'intera stagione 2020-2021 a causa della pandemia.

"Sono così felice per la riapertura del teatro. È tornato con la stessa forza ed energia di prima - ha detto Pappano -. Quella di Wagner è una commedia. Certo, è uno spettacolo di quasi sei ore, ma è frizzante ed è un'esperienza che arricchisce il pubblico".

La storia, ambientata a Norimberga, ruota attorno a una corporazione di maestri cantori, realmente esistita, nella Germania rinascimentale. Il personaggio principale è il poeta ciabattino Hans Sachs, il più popolare dei maestri cantori, anche lui realmente esistito.

"Ogni volta sono sopraffatto da questo ruolo e dalla sua enorme dimensione - dice il baritono tedesco Michael Volle -. È una grande sfida vocalmente, ed è un personaggio così poliedrico: è un filosofo, un amante ed è anche una persona molto gelosa. È un momento incredibilmente bello quando canto le mie ultime note e poi arriva quel coro meraviglioso. E tu sei lì, dopo sei ore. Sei completamente esausto, ma soddisfatto di avercela fatta".

"Penso che la mia voce si adatti alla musica wagneriana - dice il soprano Lise Davidsen -. Essere diretta per la prima volta dal Maestro Pappano è un dono. Non è solo un direttore d'orchestra meraviglioso, è anche un allenatore meraviglioso".

"La libertà artistica e ascoltare ciò che gli altri hanno da dire: sono le cose più importanti comunicate da questa opera - dice Pappano -. Le tradizioni sono importanti, ma bisogna avere una mentalità aperta. Siamo su questo pianeta per imparare, ascoltare, vedere, sperimentare. Dopo sei ore c'è un senso di euforia e felicità per il fatto di essere arrivati fino alla fine. La conclusione è uguale all'inizio, un tripudio in do maggiore. È meraviglioso".