EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

La Bce taglia i tassi di interesse di 25 punti base

Foto di file della scultura dell'euro davanti all'edificio della Banca Centrale Europea a Francoforte
Foto di file della scultura dell'euro davanti all'edificio della Banca Centrale Europea a Francoforte Diritti d'autore AP
Diritti d'autore AP
Di Angela BarnesPiero Cingari
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

La Banca centrale europea (Bce) ha tagliato i tassi di interesse di 25 punti base nella riunione di giugno, come ampiamente previsto dagli analisti: è il primo ribasso dal 2016

PUBBLICITÀ

Per la prima volta dopo nove rialzi consecutivi, la Banca centrale europea ha ridotto i tre tassi di interesse di riferimento della Bce di 25 punti base (0.25 per cento). La decisione è stata presa "sulla base di una valutazione aggiornata delle prospettive di inflazione, della dinamica dell'inflazione di fondo e dell'intensità della trasmissione della politica monetaria", ha spiegato il consiglio direttivo della Bce.

Il tasso di rifinanziamento principale scende quindi al 4,25 per cento, il tasso di rifinanziamento marginale al 4,50 per cento e il tasso di deposito al 3,75 per cento

Si tratta del primo taglio da marzo 2016, sia per il tasso sulle operazioni di rifinanziamento principale che per il tasso di rifinanziamento marginale, mentre per il tasso sui depositi si tratta della prima riduzione da settembre 2019.

La Bce alza la sua stima sull'inflazione nell'area euro per il 2024, portandola al 2,5 per cento dal 2,3 per cento indicato a marzo, e per il 2025 portandola al 2,2 per cento dal 2 per cento indicato ad aprile. La stima rimane all'1,9 per cento per il 2026.

Per le prossime decisioni sui tassi la Bce si baserà "sulla sua valutazione delle prospettive di inflazione, considerati i nuovi dati economici e finanziari, della dinamica dell'inflazione di fondo e dell'intensità della trasmissione della politica monetaria, senza vincolarsi a un particolare percorso dei tassi". Lo rende noto il Consiglio direttivo al termine della riunione.

La Banca centrale europea ha ritoccato al rialzo la previsione di crescita economica per l'eurozona di quest'anno e limato quella sul prossimo: ora prevede una espansione dello 0,9 percento quest'anno, cui dovrebbe seguire un 1,4 percento nel 2025 e un 1,6 percento nel 2026. Lo scorso marzo i tecnici della Bce prevedevano una crescita 2024 allo 0,6 per cento e poi 1,5 per cento il prossimo anno e un 1,6 per cento nel 2026.

Perché la Bce ha tagliato i tassi di interesse

L'aumento complessivo di 450 punti base attuato da Francoforte tra il luglio 2022 e il settembre 2023 ha contribuito a far scendere il tasso d'inflazione complessiva dell'Eurozona dal picco del 10,6 per cento dell'ottobre 2022 al 2,6 per cento del maggio 2024.

A marzo la Presidente Christine Lagarde aveva indicato che entro giugno sarebbero stati disponibili dati più chiari e sufficienti. Sembra che quel momento sia arrivato.

Sebbene l'inflazione non abbia ancora raggiunto completamente l'obiettivo del 2 per cento, la sua sostanziale diminuzione segnala una tendenza al ribasso che dovrebbe persistere nei prossimi mesi.

Secondo le ultime proiezioni della Bce del marzo 2024, il tasso medio di inflazione dovrebbe scendere al 2 per cento nel 2025 e all'1,9 per cento nel 2026. Per quanto riguarda l'inflazione di fondo, che esclude i prezzi dell'energia e degli alimenti, le proiezioni la vedono al 2,1 per cento per il 2025 e al 2,0 per cento per il 2026.

Il taglio di 25 punti base continuerà inoltre a mantenere positivi i tassi d'interesse reali, poiché i tassi nominali rimarranno al di sopra dell'attuale tasso d'inflazione. Pertanto, indica una riduzione del grado di restrittività della politica monetaria, piuttosto che una più ampia normalizzazione.

L'aumento e l'elevato costo dei prestiti ha creato un rallentamento della crescita economica del blocco, contenendo la domanda e frenando le pressioni sui prezzi.

Mentre l'economia dell'area dell'euro è cresciuta dello 0,3 per cento nel primo trimestre del 2024, i due trimestri precedenti sono stati entrambi caratterizzati da una contrazione dello 0,1 per cento. Il secondo trimestre del 2023 ha registrato una lieve crescita dello 0,1 per cento, mentre il primo trimestre del 2023 e l'ultimo del 2022 hanno visto una stagnazione.

La Bce continuerà a tagliare i tassi dopo giugno?

Le recenti osservazioni dei funzionari della Bce suggeriscono che non ci sarà alcun impegno preliminare a tagli futuri.

Ciò significa che un ulteriore taglio dei tassi a luglio rimane incerto, poiché la Bce intende mantenere una certa flessibilità nelle sue decisioni e continuare a monitorare i dati economici.

L'inflazione dell'Eurozona è aumentata a maggio, raggiungendo il 2,6 per cento, al di sopra del 2,5 per cento previsto, mentre l'inflazione core è salita al 2,9 per cento dal 2,7 per cento di aprile.

Ci si aspetta che Lagarde segnali ancora una volta che a luglio saranno disponibili maggiori informazioni per orientare la prossima decisione, con una chiarezza ancora maggiore attesa per settembre.

Le nuove proiezioni economiche di giugno potrebbero suggerire un leggero rialzo della crescita economica e dell'inflazione per il 2024, mantenendo invariata la previsione di inflazione al 2 per cento per il 2025.

PUBBLICITÀ

Quali sono i rischi di un taglio eccessivo o insufficiente dei tassi?

La Bce si trova di fronte alla sfida di bilanciare i rischi di un taglio eccessivo dei tassi con quelli di un taglio troppo limitato.

Se Francoforte allentasse la politica monetaria in modo troppo rapido e significativo, probabilmente stimolerebbe la domanda dei consumatori e gli investimenti. Tuttavia, ciò potrebbe anche rischiare di riaccendere le pressioni inflazionistiche prima che l'obiettivo del 2 per cento sia pienamente raggiunto.

La Bce si esporrebbe alle incertezze legate ai prezzi dell'energia e alle tensioni geopolitiche con ammortizzatori ridotti, con potenziali effetti indesiderati sulla dinamica dei prezzi.

Inoltre, sebbene Lagarde abbia sottolineato che la Bce "dipende dai dati e non dalla Fed", la divergenza tra le politiche delle due principali banche centrali del mondo potrebbe avere impatti finanziari significativi, soprattutto sui tassi di cambio.

Un taglio aggressivo dei tassi da parte della Bce, mentre la Fed mantiene tassi di interesse più alti e più a lungo, eserciterebbe una forte pressione al ribasso sull'euro rispetto al dollaro, con il rischio di ulteriori pressioni al rialzo sui prezzi dei beni e servizi importati.

PUBBLICITÀ

Al contrario, se Francoforte mantiene una politica monetaria restrittiva troppo a lungo e taglia i tassi meno di quanto il mercato si aspetti, rischia di soffocare la crescita economica dell'eurozona e di aumentare il divario con gli Stati Uniti.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La Bce lascia i tassi d'interesse invariati, Lagarde: "prematuro pensare a un taglio"

Lotta all'inflazione. La Bce alza i tassi al 4,5%, ai massimi nella sua storia

Federal Reserve Usa: aumento dei tassi d'interesse. E la Bce fa altrettanto