EventsEventi
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Qual è il miglior Paese in Europa per le donne che lavorano?

Foto di file di lavoratori in un ufficio a Berlino
Foto di file di lavoratori in un ufficio a Berlino Diritti d'autore Franka Bruns/AP2008
Diritti d'autore Franka Bruns/AP2008
Di Angela Skujins
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Secondo una nuova analisi, la Norvegia è il miglior Paese in Europa per le lavoratrici grazie alla presenza di numerose donne leader d'azienda, a un leggero divario retributivo e a politiche di maternità eque

PUBBLICITÀ

La società di pubbliche relazioni Reboot Online ha analizzato i dati di 32 Paesi europei e ha scoperto che la Norvegia è il miglior Paese europeo per il lavoro femminile.

Il Paese scandinavo ha conquistato il primo posto in base ai dati dell'Istituto europeo per la qualità di genere (EIGC) e del World Economic Forum.

I criteri si basano sulla quantità di donne tra i 16 e i 65 anni impiegate in ciascun Paese, sulla qualità del congedo di maternità, sul numero di donne che occupano posizioni di potere e su altri fattori.

La classifica: la Norvegia è in testa

La Norvegia ha ottenuto un punteggio di 7,1 su 10 nell'analisi, seguita da Islanda (6,53), Finlandia (5,03) e Paesi Bassi (5,49). Questo dato è in linea con la ricerca del World Economic Forum che mostra come i Paesi del Nord Europa si prendano cura delle carriere delle donne.

Tuttavia, secondo l'analisi, la Norvegia si distingue dalla massa con "un'impressionante rappresentanza" di donne in posizioni di leadership con una crescita dimostrativa di cinque anni. Questo include amministratori delegati, dirigenti, non dirigenti, presidenti e membri del consiglio di amministrazione delle maggiori società quotate in borsa nel 2023.

Secondo la ricerca più aggiornata dell'EIGC, lo scorso anno gli uomini norvegesi hanno occupato il 56 per cento delle posizioni dirigenziali, mentre le donne hanno occupato il 43 per cento. In totale, le donne hanno occupato 81 dei posti di vertice, afferma l'EIGE.

I dati dell'Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico mostrano inoltre che le donne norvegesi di età inferiore ai 65 anni rappresentano ben oltre la metà (58,7 per cento) della forza lavoro del 2023. Anche le politiche di maternità del Paese sono favorevoli: la durata "elevata" del congedo di maternità minimo e la percentuale di reddito pagata durante il congedo contribuiscono al suo successo, afferma Reboot Online. Ai singoli genitori vengono offerte 19 settimane di congedo riservato con l'80% del loro stipendio.

Colmare il divario retributivo

Un altro aspetto positivo è la riduzione del divario retributivo tra i sessi in Norvegia. Sebbene nessun Paese abbia raggiunto la piena parità retributiva tra i sessi secondo il rapporto 2023 Global Gender Gap Index del World Economic Forum, l'anno scorso la Norvegia ci è andata vicino con l'88 per cento. Si è piazzata al secondo posto dopo l'Islanda, che ha colmato il 90 per cento del suo divario di genere.

Anche le istituzioni dell'Unione europea si sono date da fare con i propri strumenti politici, sostenendo la necessità di migliorare le condizioni delle lavoratrici.

Nel 2020 la Commissione europea ha pubblicato la Strategia europea per l'uguaglianza di genere 2020-2025, che mira a porre fine alla violenza di genere, a colmare il divario retributivo tra i sessi, a raggiungere la parità di partecipazione nei diversi settori dell'economia e altro ancora.

A seguito di questa spinta, nel 2022 il Parlamento europeo ha approvato una legge che obbliga le grandi società quotate in borsa dell'Ue ad avere un minimo del 40 per cento di membri del consiglio di amministrazione non esecutivi di sesso femminile a partire dalla metà del 2026, mentre gli Stati membri dell'Ue hanno approvato le rispettive legislazioni.

Nel 2023 è stata inoltre adottata la direttiva sulla trasparenza delle retribuzioni, che rende più facile per i lavoratori rivendicare una migliore retribuzione sul posto di lavoro e nei tribunali. Nonostante i risultati ottenuti, la Commissione europea osserva che "la strada da percorrere è ancora lunga".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Pagare le tasse in criptovalute sarà possibile in Europa?

Come saranno i salari minimi in Europa nel 2024?

L'Ocse prevede una crescita globale costante per il 2024 e il 2025