EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Perché l'Ue dovrebbe osservare da vicino le elezioni nel Regno Unito

Peter Cook, sostenitore dell'Unione europea, srotola una bandiera dell'Unione e dell'UE prima di una cerimonia per celebrare l'amicizia tra Regno Unito e Unione europea davanti al Parlamento europeo a Bruxelles.
Peter Cook, sostenitore dell'Unione europea, srotola una bandiera dell'Unione e dell'UE prima di una cerimonia per celebrare l'amicizia tra Regno Unito e Unione europea davanti al Parlamento europeo a Bruxelles. Diritti d'autore Virginia Mayo/Copyright 2020 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Virginia Mayo/Copyright 2020 The AP. All rights reserved
Di Mared Gwyn Jones
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Secondo gli analisti, un probabile governo a guida laburista potrebbe offrire una ritrovata stabilità alle relazioni recentemente tumultuose tra Regno Unito e Unione Europea

PUBBLICITÀ

Ha dominato la politica britannica per quasi un decennio, ma la Brexit è stata una sorta di tabù in campagna elettorale, mentre il Regno Unito si prepara alle elezioni generali di giovedì.

"Entrambi i partiti principali hanno cercato di discutere il meno possibile della Brexit", ha dichiarato a Euronews Joel Reland, ricercatore presso il think tank Uk in a Changing Europe. "Gli elettori sono rimasti piuttosto delusi da ciò che è stato fatto (sulla Brexit), quindi il primo ministro conservatore Rishi Sunak non vuole attirare l'attenzione su questo".

Un nuovo capitolo per le relazioni tra Regno Unito e Unione europea

"Per i laburisti, Keir Starmer sta cercando di riconquistare i seggi della 'Barriera Rossa', che ha votato per lasciare l'Ue nel 2016", ha aggiunto, riferendosi ai seggi nelle regioni tradizionalmente operaie delle Midlands e dell'Inghilterra settentrionale, che hanno disertato in massa i conservatori nelle ultime elezioni del 2019.

Ma con il Labour pronto a entrare nel governo per la prima volta in 14 anni - e il suo leader Keir Starmer che ha giurato di riaprire parti dell'accordo post-Brexit del Regno Unito - il voto potrebbe dare vita a un nuovo capitolo nelle relazioni Ue-Uk.

Starmer ha escluso la possibilità di rientrare nel mercato unico dei beni e dei servizi dell'Ue o nell'unione doganale e non intende ripristinare la libertà di circolazione. È rimasto anche vago su quali aspetti della cooperazione Ue-Regno Unito intende rinegoziare, anche se i suoi collaboratori più stretti hanno suggerito che potrebbero includere la regolamentazione delle sostanze chimiche, i servizi finanziari e il collegamento con il sistema di scambio di emissioni (Ets) dell'Ue.

Secondo gli esperti, se Starmer otterrà le chiavi di Downing Street, potrebbe incontrare delle difficoltà nel riaprire l'accordo in un modo che sia gradito sia a Bruxelles che al suo elettorato nazionale.

Laburisti alla ricerca di un equilibrio tra Ue ed elettorato nazionale

"Quando si scende nei dettagli di ciò che i laburisti vogliono fare, si tratta di cose relativamente piccole e anche alcune di queste sarebbero probabilmente difficili da negoziare con l'Ue", ha dichiarato Ian Bond, vicedirettore del Centre for European Reform (Cer).

Definendo le sue linee rosse di non adesione al mercato unico o all'unione doganale, o consentendo la libera circolazione, il partito si è "messo in un angolo", ha aggiunto Bond. "Hanno limitato il loro spazio di manovra e la loro capacità di negoziare un accordo migliore con l'Ue".

Bruxelles potrebbe anche cercare di ottenere concessioni dal Regno Unito in cambio di un accordo rivisto in aree di nicchia. Una concessione potrebbe riguardare l'accordo sulla mobilità dei giovani proposto dalla Commissione europea ad aprile, che ripristinerebbe la possibilità per i giovani britannici ed europei di viaggiare, lavorare e studiare liberamente da entrambe le parti.

"Il problema è che i laburisti hanno escluso un accordo sulla mobilità giovanile per il momento", ha spiegato Reland. "Ma penso che se vogliono ottenere un accordo con Bruxelles, probabilmente dovranno essere un po' più flessibili".

Un "terreno fertile" per la cooperazione in materia di sicurezza e difesa tra Uk e Ue

Il prossimo primo ministro britannico incontrerà le sue controparti europee subito dopo il voto, durante il vertice Nato di Washington del 9-11 luglio. Il primo ministro accoglierà poi circa quaranta leader europei - tra cui i 27 capi di Stato e di governo dell'Ue - a Blenheim Palace il 18 luglio per un vertice della Comunità politica europea.

Il forum, considerato un'idea del presidente francese Emmanuel Macron, è uno dei pochi vertici in cui il Regno Unito ha accesso diretto. Un settore in cui entrambe le parti vorranno stringere legami più stretti è quello della sicurezza e della difesa, con un potenziale patto di difesa sul tavolo.

Le disposizioni in materia di sicurezza contenute nell'Accordo di commercio e cooperazione del 2020 sono scarse. Con la guerra che infuria alle porte dell'Europa e lo spettro del ritorno di Donald Trump che incombe sulla Casa Bianca, ha senso strategico che entrambe le parti si sostengano a vicenda per rafforzare le capacità di difesa dell'Europa.

Il leader laburista Keir Starmer, incontra il presidente ucraino Volodymyr Zelensky nel palazzo di Westminister, Londra, nella sua prima visita nel Regno Unito
Il leader laburista Keir Starmer, incontra il presidente ucraino Volodymyr Zelensky nel palazzo di Westminister, Londra, nella sua prima visita nel Regno UnitoStefan Rousseau/WPA Rota

"Tutte queste domande sulla sicurezza europea sono diventate molto più acute e preoccupanti", ha dichiarato a Euronews Olivia O'Sullivan, direttrice del programma Uk in the world di Chatham House.

"Il Regno Unito può aver avuto un rapporto difficile con l'Ue negli anni successivi, ma è una delle più grandi forze armate europee, spende costantemente più del 2 per cento del Pil per la difesa come membro della Nato e coopera molto strettamente con importanti gruppi come gli Stati baltici e gli Stati nordici quando si tratta di difesa", ha aggiunto. "Quindi è una parte del puzzle quando si parla di sicurezza europea".

PUBBLICITÀ

Il voto nel Regno Unito coincide con l'inizio di un nuovo mandato politico nell'Ue, in cui i piani per aumentare le industrie di difesa collettiva dell'Ue saranno probabilmente una delle principali priorità strategiche.

L'Unione ha già compiuto importanti passi avanti per potenziare le proprie capacità industriali nel settore della difesa e si attende la nomina di un commissario che guidi questi sforzi nel prossimo quinquennio.

La difesa tra i temi cruciali dei rapporti Ue-Uk

"Molte delle iniziative e dei progetti recenti dell'Ue in questo settore si sono concentrati sul rafforzamento della produzione industriale nel settore della difesa", ha spiegato O'Sullivan. "Ma molte di queste iniziative e progetti non includono i Paesi terzi. Sono deliberatamente incentrati sulle industrie degli Stati membri dell'Ue. Sarà quindi difficile negoziare se il Regno Unito può farne parte o se vuole farne parte".

Potrebbe esserci una maggiore propensione da parte di Bruxelles a fare affidamento sul Regno Unito come partner per la preparazione alla difesa, in particolare tra i timori che le forze politiche euroscettiche, storicamente simpatizzanti della Russia, stiano marciando verso il mainstream politico in tutta l'Unione.

PUBBLICITÀ

Le elezioni nel Regno Unito si inseriscono tra due tornate di elezioni legislative lampo in Francia, con l'estrema destra del Rassemblement national (Rn) di Marine Le Pen in pole position dopo aver ottenuto oltre il 33 per cento dei voti durante il primo turno di domenica.

L'estrema destra in Francia potrebbe avere poco margine d'azione sulle politiche per la difesa

L'estrema destra avrebbe una capacità limitata di plasmare la politica estera o di difesa francese, considerata di competenza del presidente, anche se riuscisse a formare un governo. È probabile che Macron mantenga la presidenza fino al 2027.

Ma la crescente popolarità del Rn, che vuole ridurre il sostegno militare francese all'Ucraina, ha fatto suonare un campanello d'allarme a Bruxelles. Ciò si aggiunge a un senso generale di apprensione per l'indebolimento della posizione dell'Europa se Trump sarà rieletto presidente degli Stati Uniti a novembre.

Le elezioni nel Regno Unito, d'altra parte, sono destinate a produrre un governo fortemente filo ucraino, con i conservatori e i laburisti impegnati a sostenere militarmente Kiev.

PUBBLICITÀ

"Avere i britannici il più possibile associati a ciò che fa il resto dell'Europa sarà particolarmente importante se negli Stati Uniti dovesse tornare alla presidenza un Trump piuttosto imprevedibile ed erratico", ha dichiarato Ian Bond. "Per Bruxelles, credo che la parola d'ordine sarà stabilità".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Elezioni nel Regno Unito: i laburisti puntano a una vittoria storica

Una vittoria dei laburisti potrebbe avvicinare il Regno Unito all'Ue?

Regno Unito-Ue: Starmer si dice pronto a ripristinare le relazioni con Bruxelles