EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Elezioni europee: preoccupa l'astensionismo

Una donna vota per le elezioni del Parlamento europeo in un seggio elettorale di Hlusovice, nella regione di Olomouc, Repubblica Ceca, venerdì 7 giugno 2024. (Ludek Perina/CTK via AP)
Una donna vota per le elezioni del Parlamento europeo in un seggio elettorale di Hlusovice, nella regione di Olomouc, Repubblica Ceca, venerdì 7 giugno 2024. (Ludek Perina/CTK via AP) Diritti d'autore Ludek Perina/AP
Diritti d'autore Ludek Perina/AP
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Con oltre 350 milioni di elettori nell'Unione chiamati alle urne per eleggere i nuovi europarlamentari, preoccupa l'astensionismo. Occhi puntati su Cipro che ha introdotto un nuovo sistema elettorale

PUBBLICITÀ

In occasione delle elezioni europee, oltre 350 milioni di elettori aventi diritto si recano alle urne per esprimere il proprio voto sui rappresentanti al Parlamento europeo che determineranno il futuro del blocco. Con l'attenzione rivolta alle urne, uno degli aspetti chiave monitorati con attenzione dagli osservatori è l'affluenza alle urne e l'astensionismo.

Osservatori preoccupati per l'astensionismo

"Non possiamo dimenticare che non stiamo parlando di un'elezione europea, ma di 27 elezioni nazionali. Pertanto, l'approccio all'astensionismo sarà certamente diverso a seconda dei Paesi in cui si svolgeranno queste elezioni e a seconda delle attuali questioni in gioco", ha detto Euronews l'analista Tomasz Kanievcky.

Preoccupa la riforma elettorale a Cipro

Gli occhi sono puntati anche su Cipro, dove cresce la preoccupazione per una potenziale astensione degli elettori e per un aumento delle schede bianche e non valide.

I problemi sono legati a una riforma del governo locale che richiede agli elettori di esprimere da sei a dieci schede, una complessità che ha frustrato sia gli elettori che i partecipanti alle elezioni.

In risposta, il presidente cipriota Nicos Christodoulides ha incoraggiato gli elettori a recarsi alle urne: "Le elezioni europee riguardano tutti noi. Una massiccia partecipazione invierà un forte messaggio sull'importanza che attribuiamo a un'Europa più forte, più resiliente, più strategicamente autonoma, più unita e, naturalmente, più efficiente".

Alle ultime elezioni europee del 2019, il tasso di astensione più alto è stato registrato in Slovacchia. Resta da vedere se, dopo l'attentato al primo ministro Robert Fico, populista di sinistra antieuropeo, la tendenza si invertirà.

Dove è obbligatorio votare

Belgio, Bulgaria, Grecia e Lussemburgo hanno tutti una forma di voto obbligatorio.

I dati sull'astensionismo nel 2019

Nel 2019, la partecipazione degli elettori ha raggiunto il massimo da 30 anni, superando però a malapena il 50%. La partecipazione al voto nell'Ue è stata bassa per decenni. Il picco di affluenza alle urne per un voto nell'Unione è stato raggiunto nel 1979, quando si è presentato il 62% degli elettori. Di seguito il dettaglio Paese per Paese.

Francia

In Francia si vota tra l'Europa e la Francia, una prospettiva tipicamente francese per un'elezione del Parlamento europeo. I giovani elettori francesi saranno determinanti per l'affluenza alle urne.

Germania

Un cambiamento nella legge tedesca ha concesso il diritto di voto a tedeschi di 16 anni, con un abbassamento di due anni del requisito di età. Questo amplia il bacino dei potenziali elettori di circa 1,5 milioni.

L'affluenza alle urne per le elezioni europee è tradizionalmente più bassa rispetto alle elezioni nazionali in Germania. Molti si aspettano un aumento significativo della partecipazione, ma non si prevede ancora che sia pari al voto nazionale del 2021.

Italia

L'Italia ha uno dei tassi di crescita più rapidi (rispetto alle elezioni precedenti) di astensionismo alle elezioni europee, dopo il Portogallo. L'aumento dell'euroscetticismo in Italia potrebbe far scendere ulteriormente il totale dei voti.

Grecia

In Grecia vige il “voto obbligatorio”, ma la legge non viene applicata. Il modo in cui la Grecia pensa di affluire alle urne è in gran parte incerto. L'attuazione del voto per corrispondenza non è stata un successo, il che mette in dubbio i tassi di partecipazione. Un gruppo di elettori da tenere sotto controllo in Grecia è quello dei giovani.

Portogallo

Il Portogallo ha registrato il più basso tasso di affluenza alle urne dell'Europa occidentale nel 2019, appena il 30%. Dopo un voto lampo per il Parlamento nazionale (partecipazione del 59%), gli elettori sembrano affaticati.

Polonia

La Polonia si appresta a votare per la terza volta in meno di un anno, dopo le elezioni nazionali e regionali di ottobre. Nelle ultime elezioni, quelle regionali polacche, l'affluenza alle urne è stata inferiore alle aspettative, soprattutto nei distretti urbani.

Repubblica Ceca

Storicamente, gli elettori cechi non hanno registrato una buona affluenza alle elezioni dell'Ue. Il Paese è considerato in gran parte euroscettico, il che ha portato a un calo dell'affluenza alle urne rispetto al voto nazionale. Tuttavia, il 2024 potrebbe cambiare le cose in Cechia. Le campagne elettorali segnalano un interesse più forte del solito per gli affari e la politica europea.

Romania

L'interesse per la politica europea è ai massimi storici tra i giovani elettori rumeni. Secondo il sondaggio barometrico dell'Ue di questa primavera, più del 75% dei giovani sotto i 30 anni in Romania intende votare, il tasso più alto di qualsiasi altro Paese in Europa.

Slovacchia

La Slovacchia ha registrato la più bassa affluenza alle urne nel 2019, con appena il 22,7% degli elettori partecipanti. Alle elezioni parlamentari slovacche del 2023 si è recato oltre il 68% degli aventi diritto. Con la polarizzazione al massimo in Slovacchia dopo l'attentato al premier Robert Fico, molti si aspettano che l'affluenza alle urne sia superiore a quella del 2019.

PUBBLICITÀ

Ungheria

Rispetto alle votazioni nazionali in Ungheria, si prevede una minore partecipazione al voto per l'Ue. Gli elettori di Budapest voteranno anche per l'elezione del sindaco, in una gara che è stata seguita con attenzione dai media ungheresi.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Berlusconi e l'Europa: un anno dalla scomparsa di un leader che ha spiazzato l'Ue

Gli eletti nella circoscrizione Nord Est: FdI, Pd, FI, Lega, M5S, AvS, Stati Uniti d'Europa

Gli eletti nella circoscrizione Centro: FdI, Pd, FI, Lega, M5S, AvS, Stati Uniti d'Europa