EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Guerra in Ucraina, Zelensky a Kharkiv: "Situazione difficile", l'avanzata russa procede

Palazzo distrutto dalle bombe russe
Palazzo distrutto dalle bombe russe Diritti d'autore AP/AP
Diritti d'autore AP/AP
Di Ilaria Cicinelli
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

In sette giorni dall'inizio della nuova offensiva nella regione di Kharkiv la Russia ha conquistato circa 278 chilometri quadrati. Kiev è riuscita, per il momento, a frenare l'avanzata russa a Vovchansk ma i combattimenti proseguono. Mosca: "Useremo armi più potenti se Kiev adopera armi Usa"

PUBBLICITÀ

La Russia avrebbe conquistato 278 chilometri quadrati di territorio nell'Ucraina orientale, tra il 9 e il 15 maggio scorsi. È quanto afferma un'analisi dell'agenzia di stampa Afp basata sui dati dell'Istituto per lo studio della guerra. 

Di questi, 257 sarebbero stati conquistati nella sola regione di Kharkiv mentre altri 21 chilometri si troverebbero in diversi punti del fronte orientale. 

L'Ucraina ferma l'avanzata russa in alcune località ma l'offensiva di Mosca procede

Tuttavia l'esercito ucraino ha dichiarato di aver fermato l'avanzata russa in alcune aree della regione di Kharkiv, in particolare a Vovchansk, dove però ancora si combatte nella parte settentrionale della città. 

"La situazione nel settore di Kharkiv rimane complicata e si sta sviluppando in modo dinamico. Le nostre forze di difesa sono riuscite a stabilizzare parzialmente la situazione. L'avanzata del nemico in alcune aree e località è stata fermata, ma sta ancora cercando di creare le condizioni per ulteriori avanzamenti", ha riferito il portavoce delle forze ucraine nella regione, Nazar Voloshin. Anche lo Stato maggiore ucraino su Telegram ha affermato di aver "significativamente ridotto" le operazioni militari delle truppe russe.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky si è recato a Kharkiv insieme al suo gabinetto militare. Il leader ucraino ha definito la situazione "difficile" ma sotto controllo.

Gli attacchi di Mosca non si limitano però al fronte orientale. Nella notte l'esercito russo ha bombardato un villaggio nel distretto di Nikopol, Nikopolshchyna, secondo quanto dichiarato dal governatore regionale Serhii Lysak. Non si sono registrate vittime o feriti. Nella regione nordorientale di Sumy invece una donna è morta e un'altra è rimasta ferita a causa delle bombe.

Mosca: "Useremo armi più potenti se Kiev usa quelle degli Stati Uniti"

Mosca non ha escluso l'uso di armi più potenti per colpire l'Ucraina se Kiev decidesse di usare le armi fornite da Inghilterra e Stati Uniti. Lo ha dichiarato Vyacheslav Volodin, presidente della Duma, la camera bassa del parlamento russo, accusando l'Ucraina di voler trascinare l'Europa e gli Usa in una "grande guerra".

La dichiarazione arriva dopo le affermazioni fatte nei giorni scorsi dal ministro degli Esteri britannico David Cameron e dal segretario di Stato statunitense Antony Blinken. Entrambi hanno detto che se lo ritiene necessario l'Ucraina potrà utilizzare i missili a lungo raggio forniti dai due Paesi per colpire più in profondità la Russia. 

Cresce dunque la tensione mentre in questi ultimi mesi si fa sempre più strada l'ipotesi di un eventuale allargamento del conflitto.

In un'intervista ripresa dall'agenzia Tass, il segretario del Consiglio di sicurezza russo Sergej Shoigu ha affermato che la Russia sta avanzando ora in tutte le direzioni e Mosca ha le risorse necessaria a condurre l'offensiva, tra riserve di personale ed equipaggiamenti.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Putin a Pechino con Xi Jinping: "Pronti a negoziare sull'Ucraina, partiamo dalla proposta cinese"

Guerra in Ucraina: Kiev attacca regioni russe ma le truppe si ritirano da postazioni a Kharkiv

Blinken a Kiev: Usa al fianco dell'Ucraina finché la sicurezza del Paese non sarà "garantita"